il network

Lunedì 24 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CALCIO LEGA PRO

Cremonese fermata dalla Pro Piacenza: 1-1 (6' Pesenti, 22' Scarsella)

Terza gara di ritorno: i grigiorossi schierano in difesa uno dei nuovi acquisti

Cremonese-Pro Piacenza: alle 16,30 allo Zini

Davide Moro

LA PARTITA IN PILLOLE

  • 45' Sei minuti di recupero
  • 42' Grande azione di Bastrini dopo un corner, ma Fumagalli para
  • 33' Girasole per Musetti che è preso di mira da cori poco amichevoli
  • 30' Stanco di sinistro sfiora l'incrocio
  • 24' Calandra si fa tutta la fascia, tira un destro troppo alto da posizione defilata
  • 18' Infortunio al guardalinee Meocci
  • 16' Maiorino serve BL7 
  • 15' Perrulli fermato da Pugliese in modo falloso
  • 5' Traversa di Perrulli: il suo cross non sorprende Fumagalli 
  • 45' Scarsella libero in area: controllo, tiro, ma troppo debole e centrale 
  • 40' Pro Piacenza a un passo dal gol
  • 38' Esordio per Bastrini che sostituisce Redolfi per infortunio
  • 35' Corner: sull'angolo, Bazzoffia e Bini colpiscono ma Ravaglia c'è
  • 31' Perrulli parte da metà campo, si defila sulla sinistra, finta, controfinta e tentato lob che esce non di molto 
  • 30' Salviato rientra sul sinistro e serve Brighenti che colpisce di testa costringendo Fumagalli al salvataggio
  • 22' Gol della Cremonese: pareggio con la rete di Scarsella
  • 16' Cremonese senza fantasia in questo primo quarto d'ora, la Pro Piacenza prova ad approfittarne con un giro palla fluido sulle fasce
  • 12'  Brighenti per Stanco, il centrale di Pea anticipa
  • 6' Gol della Pro Piacenza. Bazzoffia in mezzo, Musetti devia per Pesenti che piazza in rete
  • 1' Al via il primo tempo

CREMONA - La sosta è  terminata. Dopo tre settimane senza calcio c’è voglia di tornare allo stadio e di vedere la Cremonese vincere. Fino all’anno scorso la pausa coincideva con le vacanze di Natale e l’astinenza da calcio era mitigata in parte dalle tavolate in famiglia e dalle ferie. La ripresa del campionato era un’incognita vera e propria perché seguiva di qualche giorno l’apertura del mercato. Quest’anno gran parte delle squadre è già corsa ai ripari e solo le formazioni che hanno bisogno di pochi e mirati ritocchi lavorano con calma. La Cremonese doveva essere fra queste, ma ha accelerato i tempi perché aveva la difesa in allarme rosso. Polak è squalificato, Lucchini rotto e proprio ieri pomeriggio, il giovanissimo Lame (altro difensore centrale) ha abbandonato la gara della Berretti toccandosi la coscia. Per questo motivo la Cremonese ha presentato due nuovi giocatori e ne manderà in campo uno: in pole position c’era Redolfi (ex Olhanense) perché ha giocato fino alla scorsa settimana e quindi più in sintonia con il ritmo gara, ma l’attacco influenzale che lo ha bloccato venerdì ha spostato l’attenzione sull’esperto Bastrini. Tesser ha poche scelte: accanto a Marconi schiererà un nuovo acquisto. Per il resto, oggi allo Zini (ore 16,30), contro la Pro Piacenza che pullula di ex, vedremo una formazione collaudata, solida e soprattutto abituata a vincere. La parola d’ordine è una sola: ricominciare a correre subito. Perché c’è meno tempo, perché è ancora possibile lanciare l’assalto alla capolista, perché la Cremonese conosce solo questo modo di giocare a calcio. Il test contro la Reggiana ha dato segnali confortanti, la squadra non ha perso feeling con il gioco propositivo e ha creato azioni da gol. Oggi questi non dovranno mancare. Il divario in classifica tra grigiorossi ed emiliani è stridente. La squadra guidata da Pea non sa più vincere ma attenzione a sbilanciarsi con troppa disinvoltura verso l’area avversaria. Equilibrio e pazienza nello scardinare la difesa avversaria dovranno essere caratteristiche essenziali per una Cremonese che coltiva ancora un grande sogno. Vietati i paragoni con il successo per 3-2 dell’andata. Quella Cremonese era ancora in rodaggio, mancava ancora un assetto definitivo anche nell’assegnare i giusti ruoli ai singoli. Quella che scende in campo oggi è una Cremonese molto più matura e quadrata, dalla quale di conseguenza si ci attende una gestione della gara più attenta. Lo scenario con cui si apre il 2017 d’altronde non ammette errori. Il Livorno è stato il primo a bloccare la fuga dell’Alessandria e si candida per la corsa al primo posto. Per la Cremonese un avversario in più che tiene il fiato sul collo dei grigiorossi. Nella Pro, che andrà in campo con un 4-4-2, tanti volti nuovi oltre a tanti ex. Pea pare intenzionato a schierare subito gli ultimi arrivati: Belotti (centrale difensivo), Bianco (terzino sinistro) e Barba (laterale sinistro). Tra gli ex, oltre allo stesso Pea, troviamo Musetti, Gomis, Ferrara e Bini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

22 Gennaio 2017