il network

Giovedì 22 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


VOLLEY FEMMINILE COPPA ITALIA

Liu Jo Modena-Pomì Casalmaggiore 3-0 (25-18; 25-22; 25-15)

Prima gara dell'anno e match di andata dei quarti di finale: domenica 8 gennaio partita di ritorno al PalaRadi

Liu Jo Modena-Pomì Casalmaggiore (ore 20,30)

Un attacco di Lucia Bosetti della Pomì Casalmaggiore

MODENA - La peggior Pomì della stagione lascia al PalaPanini molte delle possibilità di approdare alla final four di Coppa Italia e con esse quelle di mettere in bacheca uno dei pochi trofei che mancano in Via Baslenga. Modena domina l'andata dei quarti di finale mentre la Pomì non entra sostanzialmente in partita. Il 3-0 maturato a Modena obbliga le ragazze di Caprara a vincere con identico punteggio domenica al PalaRadi per giocarsi tutto nel golden set. Al contrario alla Liu Jo basterà vincere un set a Cremona per staccare il pass per la final four di Coppa Italia.

La Liu Jo non riesce a recuperare Ozsoy e parte con Marcon e Caterina Bosetti in posto quattro mentre la Pomì si schiera con lo stesso sestetto che ha chiuso il 2016 con Guerra in campo al posto di capitan Tirozzi, ancora non al 100%. Solita consuetudine al PalaPanini, si sentono solo i numerosissimi tifosi di Casalmaggiore

1 set - l'avvio di partita denota subito la preparazione certosina di coach Gaspari che pesca spesso le zone di conflitto al servizio obbligando Lloyd al gioco scontato e tenendo l'attacco della Pomì lontano dai propri standard. Guerra e Fabris, carnefici della Liu Jo nel match di campionato, sono invece le grandi assenti del primo set, non solo per il modesto 31% offensivo ma soprattutto per i 5 errori e 2 muri subiti complessivi che costringono la Pomì alla rincorsa perenne. Modena trova invece una gran Brakocevic (6 punti con il 45%) non soffre in seconda linea e senza commettere errori aspetta il momento propizio per il break. La prima spallata arriva quando le bianconere passano dal 16-14 al 19-15 mentre a completare l'opera è il servizio di Valeriano che scava il solco definitivo prima del 25-18 che archivia il primo set.

2 set - il rischio di vivere un match in salita e di finire preda dell'ansia da prestazione si concretizza in un avvio di secondo set da incubo per una Pomì irriconoscibile. Modena non concede spazio alla manovra delle campionesse d'Europa che, al contrario, prive di molte certezze, perdono la bussola. Caprara ferma i giochi sul 4-1 ma il contrattacco di Brakocevic sul 10-4 è già indicativo. Nel momento più difficile la Pomì, pur non brillando, dimostra di avere sempre la forza per rientrare e limitando le sbavature si riporta sotto sino al 12-10. Nel momento in cui le "rosa" dovrebbero riappropriarsi delle proprie sicurezze e piazzare la zampata del rientro Modena alza ancora di una tacca il livello del proprio gioco tirando a tutto braccio e piazzandosi in modo perfetto in correlazione muro-difesa. Il muro su Bosetti allontana quasi definitivamente la Pomì sul 21-15. Casalmaggiore  chiama a raccolta le energie, sfrutta i centrali e nonostante Fabris subisca il muro del 23-19, Gibbemeyer scrive il 23-21. Brakocevic e l'errore di Guerra certificano però il doppio svantaggio sul 25-22.

3 set - Modena è in autentica trance agonistica mentre la Pomì ha gli occhi di chi non ha idea di come togliersi dalla brutta situazione nella quale si è cacciata. Le ragazze di Gaspari tirano sempre a tutto braccio mentre la Pomì inizia a sbagliare anche le palle elementari. Tirozzi è costretta al rientro prematuro su una Guerra in difficoltà ma ormai la ricezione fa acqua da tutte le parti e Modena banchetta sino al 15-10. L'incubo è ormai realtà con la Pomì bloccata in ogni fondamentale ed in evidente stato confusionale, presa a pallate da una Liu Jo che ha il coraggio di chi non sbaglia e la situazione ben salda tra le mani sul 20-12. La Pomì chiude con gli errori che consegnano a Modena il 3-0 sul 25-15.

05 Gennaio 2017