il network

Mercoledì 19 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


VOLLEY A1 FEMMINILE

Pomì Casalmaggiore-Montichiari 3-2 (19-25; 25-14; 20-25; 25-12; 15-12)

Le ragazze di Caprara, in vetta alla classifica del campionato, in campo al PalaRadi nel giorno di Santo Stefano

Pomì Casalmaggiore-Montichiari (ore 17)

La Pomì affronta Montichiari

CREMONA - Code interminabili all'ingresso e PalaRadi vicino al record di capienza per il match che oppone la Pomì capolista alla Metalleghe Montichiari fanalino di coda. Alle ragazze di Caprara basta un punto per conquistare il titolo di campione d'inverno e trovare l'ottava ai quarti di coppa Italia che si disputeranno i prossimi 5 e 8 gennaio con andata in casa della peggio classificata. Tre le possibili avversarie: Bolzano, Modena o Firenze.

Nessuna variazione nei sestetti annunciati alla vigilia e squadre in campo in formazione-tipo.

1 set - sembra una Pomì appesantita dai bagordi natalizi quella che approccia male il match con Montichiari faticando in ricezione, pasticciando a muro e vivendo solo di Fabris in attacco. Le bresciane sono ordinate ed efficaci e senza strafare costringono Caprara al time out sul 3-8 di Gioli. Le campionesse d'Europa sembrano entrare lentamente in partita aiutate da una buona tenuta difensiva e da un paio di palle sporche convertite sino al muro di Bosetti per il 7-9 ma Montichiari sembra avere forze e idee per resistere sino al muro dell'8-12. Ad una cosa apprezzabile la Pomì ne fa seguire almeno un paio da doppia sottolineatura rossa concedendo a Gioli un primo set da fenomeno e tenendo avanti le ospiti per il 14-19 che esaurisce la pazienza ed i time out di Caprara. Nemmeno le parole del tecnico di Medicina riescono a scuotere la Pomì che "affonda" con l'errore di Gibbemeyer e l'ace di Busa per il 15-23 che anticipa il rientro in campo di Tirozzi (in battuta su Stevanovic). Le "rosa" forzano il time out Barbieri sul 19-24 ma Nikolic chiude il discorso per il 19-25 Metalleghe.

2 set - il rientro della Pomì non fa stropicciare gli occhi (3 errori consecutivi in battuta) ma Montichiari si adegua e infarcisce di errori il proprio gioco lanciando le padrone di casa sul 9-5 con Fabris già in doppia cifra. Il gioco di Dalia soffre le cure finalmente efficaci del muro di Casalmaggiore che ora arriva sempre puntuale in chiusura togliendo ossigeno agli attaccanti bresciani. Gioli subisce il muro del 14-9 che vale il time out Barbieri prima che il servizio di Guerra metta in croce la seconda linea bresciana e sul 18-11 Barbieri decida di togliere Dalia per Boldini e Nikolic per Gravesteijn. L'olandese fa pure peggio della serba e la Pomì banchetta dai nove metri e a rete per ampliare il margine sino al 23-13 che anticipa di poco il 25-14 dell'1-1.

3 set - nemmeno il tempo di godersi le cifre di un secondo set delizioso ed ecco che la Pomì pasticcia in avvio di terzo parziale con tre errori in serie che lanciano Montichiari sul 2-5 con annessa strigliata di Caprara. Ci pensano tre schiaffi di Guerra a dare la carica alla Pomì che aggancia con l'ace di Fabris già sul 5-5. Le "rosa" si complicano la vita con le proprie mani regalando il cambio palla con una battuta troppo fallosa e completando l'opera con le sofferenze della ricezione che valgono il 10-14. Se la Pomì prova a metterci il muro (13-14) Montichiari insiste con la battuta trovando ace e ricezione sporca che valgono il nuovo allungo ospite sul 13-17. Caprara vede il set scivolare di mano sull'ennesimo contrattacco a segno che spinge la Metalleghe sul 15-20 e ferma i giochi ma l'inversione di tendenza non arriva e Montichiari veleggia verso il 2-1 spinta da una Pomì nuovamente irriconoscibile sino al 20-25.

4 set - ancora una volta spalle al muro la Pomì sembra spremere il meglio di sè oscurando la propria metà campo a Montichiari e ipotecando il parziale sul 7-1. Montichiari non crolla e ricostruisce, punto su punto, aiutata dalla giornata decisamente altalenante delle "rosa" riprese sul 9-7. A togliere le casalesi dalle sabbie mobili è il braccio di Fabris che apre il 4-1 di parziale che sul 13-8 vale il time out Barbieri. Le bresciane non reggono l'urto della spallata mentre il muro Pomì legge bene il gioco di Dalia chiudendo ogni spiraglio e lanciando il 18-10 Pomì. Muro e ricostruzione funzionano, la Metalleghe non riesce più a passare ed il tie break consegna alla Pomì la certezza del titolo di campione d'inverno sul 25-12.

tie break - la Pomì prova a prendere il comando delle operazioni sul 6-4 ma Montichiari tiene duro e con il muro su Stevanovic forza il time out Caprara sul 6-7. Montichiari ha la palla del 7-10 ma la Pomì resiste ed impatta sul 9-9 mentre da Bolzano arriva la notizia che sarà la Liu Jo Modena l'avversario delle pantere nei quarti di finale di Coppa Italia. Fabris scrive il contrattacco del 12-11 che riporta avanti la Pomì, il check conferma il 14-12 e Fabris pesca l'ace che chiude la partita.

26 Dicembre 2016