il network

Venerdì 16 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CICLISMO. ORO JUNIORES

L'urlo di Marta: sì, sono tornata

Dopo un lungo infortunio, la ciclista di San Bassano ha vinto subito in pista all'inseguimento

L'urlo di Marta: sì, sono tornata

Marta Cavalli

SAN BASSANO - Se la vita di Marta Cavalli fosse divisa per episodi, il tricolore juniores conquistato domenica 18 a Montichiari nell'inseguimento individuale avrebbe un titolo evocativo come 'il ritorno', o 'la rinascita'. Il destino, a volte, disegna giri impensabili: in maggio proprio al velodromo di Montichiari la 18enne del team Valcar Pbm aveva rimediato un grave infortunio, e sempre sulla pista bresciana Marta ha chiuso il cerchio laureandosi campionessa italiana al ritorno in gara. Nel mezzo, 7 mesi di sospensione segnati prima dalla paura, dai rimpianti e poi dall'ansia del recupero. Con un pensiero fisso: tornare al più presto a pedalare. E vincere. «Devo ammetterlo, non avevo grandi aspettative - spiega Marta Cavalli -. La prova di Montichiari doveva servirmi solo per tornare alle sensazioni della gara e misurare la condizione. Mi rende orgogliosa soprattutto il tempo: 2'35''.  La mattina dopo, a scuola, mi hanno festeggiato anche i compagni di classe al liceo. Avevano visto le foto e gli articoli su internet. Una volta per tutte ho chiuso il brutto capitolo dell'infortunio. Ora se ne apre un altro». Il nuovo capitolo si affaccia sul 2017, anno nel quale sarà impegnata sul doppio fronte scolastico e sportivo: da una parte la maturità al liceo scientifico 'Galilei' di Crema, dall'altra la prima stagione da professionista nella formazione World Tour della Valcar. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

20 Dicembre 2016