il network

Lunedì 19 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


LEGA PRO

Pokerissimo della Cremonese, Prato battuto 5-1

Partita dominata dai grigiorossi che hanno fatto valere la legge del più forte. Buono l'approccio alla partita, praticamente chiusa già alla fine del primo tempo che si è concluso 2-0. Infortunio nel finale per il portiere Ravaglia

Cremonese-Prato finisce 5-1

L'esultanza dei giocatori della Cremonese

CREMONA - La differenza in classifica fra Cremonese e Prato allo Zini si è vista tutta. Il risultato finale di 5-1 è la logica conseguenza di una gara dominata dai grigiorossi che, già nel primo tempo, hanno fatto valere la legge del più forte. Per i ragazzi di Tesser ottimo approccio di partita, buone geometrie a centrocampo con Pesce in grande evidenza. Ottima prestazione anche di Maiorino e in genere di tutto il compleso grigiorosso. Infortunio finale, al terzo minuto di recupero, per il portiere Ravaglia costretto a uscire in barella.

LA PARTITA IN PILLOLE

  • 89' GOL DEL PRATO: 5-1 Segnato da Carcuro, tiro sotto la traversa imparabile per Ravaglia
  • 72' GOL DELLA CREMONESE: 5-0. Gol di nuovo al termine di una travolgente azione condotta da Maiorino che scarica sulla sinistra per Brighenti che mette in mezzo per Moro
  • 71' GOL DELLA CREMONESE: 4-0 per i grigiorossi. Gol di Brighenti bravo a replicare in rete una respinta del portiere su bella conclusione laterale di Maiorino
  • 70' La Cremonese domina: Maiorino salta tre uomini e dal limite dell'area impegna il portiere in una difficile parata
  • 67' GOL DELLA CREMONESE: 3-0 per i grigiorossi, lo speaker ha dato il gol a Salviato, ma forse su deviazione di Brighenti
  • 65' Esce Perrulli tra gli applausi ed entra Cavion
  • 63' Grande azione della Cremonese con Maiorino che salta due uomini, scarica su Perrulli che calcia di sinistro ma il portiere respinge
  • 60' Bella combinazione tra Maiorino e Stanco che viene anticipato all'ultimo momento in area di rigore dal difensore prima di poter scoccare il tiro
  • 59' Bella azione di Perrulli che lancia sulla destra a Salviato che crossa per Brighenti e Stanco che arrivano però  in leggero ritardo
  • 53'  Inizio di ripresa con la Cremonese un po' timida che lascia il pallino del gioco al Prato che peraltro non è pericoloso
  • 46' INIZIATO IL SECONDO TEMPO La Cremonese gioca gli stessi 11 giocatori schierati dal primo minuto
  • 45' FINE PRIMO TEMPO 2-0
  • 44' Il Prato ha avuto l'occasione ripetuta per accorciare le distanze del punteggio dopo una clamorosa mischia in area con almeno tre tiri degli attaccanti del Prato ribattuti da Ravaglia e dalla difesa della Cremonese
  • 35' Grande occasione per la Cremonese che sfiora il 3 a zero con Brighenti che appena dentro l'area di destra sul primo palo sfiora il gol
  • 33' Malinteso della difesa della Cremonese che consegna  palla a Molfetta che dal limite dell'area di rigore con tiro a giro impegna Ravaglia
  • 29' GOL DELLA CREMONESE: lungo contropiede di Maiorino che approfitta di un errore della difesa, fa 50 metri di corsa e appena dentro l'area batte il portiere con tiro rasoterra
  • 27' Bella occasione per la cremonese con Brighenti che lanciato a rete non controlla in modo perfetto il pallone in area e incrocia sul secondo palo fallendo il bersaglio
  • 24' Colpo di testa di Stanco di  poco sopra la traversa
  • 18'  Grande parata di Ravaglia su colpo di testa di Moncini liberato da un cross dalla destra del prato
  • 16' Bella azione della Cremonese con Brighenti che si libera al limite dell'area di rigore, poi appena dentro tiro di sinistro parato dal portiere
  • 10' GOL DELLA CREMONESE: tiro dal limite dell'area di sinistro di Pesce che si insacca alla destra del portiere
  • 8' Maio su punizione, Iuliano coi pugni! Poi Perrulli la rimette sul secondo palo
  • 5' Perrulli serve un cross a Salviato, Brighenti devia sul primo palo
  • 1' PRIMO TEMPO: Prima del fischio d'inizio minuto di silenzio in memoria della tragedia aerea che ha colpito  la squadra brasiliana della Chapecoense

CREMONA - Quando la Cremonese vede una squadra toscana all’orizzonte i suoi occhi pensa subito al 3, il numero perfetto che simboleggia anche la vittoria. Finora infatti, la Cremonese ha sempre vinto contro le squadre toscane del girone. Dopo il fortunato mini ciclo di quattro gare e 12 punti, adesso per i grigiorossi arriva un trittico di toscane da affrontare in otto giorni. Oggi tocca al Prato, giovedì alla Lucchese e lunedì al Livorno. Mai come oggi però, il 3 diventa il numero magico e perfetto per dimenticare subito il ko di Tivoli. Un ko che ha poco in comune rispetto a quello del derby ma che ha comunque scosso le coscienze dei giocatori di Attilio Tesser. Il tecnico grigiorosso ne è certo e la sua unica preoccupazione è avere una squadra con energie da spendere per fare bene. La situazione dell’infermeria è pressoché identica alla settimana scorsa ma non è incoraggiante. «Alcuni giocatori a Tivoli non erano al massimo della forma; Perrulli e Moro venivano da un periodo lontano dal campo, mentre Pesce con botta al costato aveva saltato qualche seduta. A centrocampo lamentiamo una condizione fisica precaria, ma arriva un periodo in cui conta molto avere un undici al massimo della forma». Inutile dire che il Prato ha fatto sudare l’Alessandria. «Ci mancherebbe che sottovalutiamo proprio il Prato; ogni domenica vediamo quanto sia particolare il campionato di Lega Pro. Il Prato comunque ha vinto in casa dell’Olbia e contro l’Alessandria ha fatto una buona gara. Con un nuovo tecnico e qualche innesto stanno cercando di di recuperare in classifica mentre noi dobbiamo riprenderci subito dopo due trasferte e ritrovare quel passo che andava a gonfie vele. Dobbiamo mantenere la parte alta della classifica per ritrovare l’entusiasmo che ci ha accompagnato». Arrivano tre gare in sette giorni e stavolta non c’è di mezzo la Coppa in cui poter mandare in campo undici giocatori completamente diversi. «Non posso fare programmi per giovedì, mi concentro solo sul Prato. Proprio dalla gara allo Zini conto di avere una risposta positiva da tutti in termini di condizione e di carattere». A Tesser proviamo ancora a chiedere se vede nel campionato dell’Alessandria qualcosa di analogo con il suo Novara, ma è vietato sbilanciarsi. «Loro da 15 gare sono imbattuti e non si trova facilmente un situazione simile altrove. Aggiungo che loro anno fatto più punti tra serie A, B e Lega Pro. Però vi invito veramente a lasciare perdere l’Alessandria e a non pensare a quello che fa». Perché questa Cremonese è comunque la migliore di quelle viste sotto la proprietà Arvedi. «Capiamo benissimo anche noi che stiamo facendo un grande campionato nonostante lo scivolone. Dobbiamo avere fiducia in noi e pensare di fare bene lottando su ogni pallone». Quella di Tivoli è una sconfitta per certi versi diversa rispetto a quella contro il Piacenza. «Vero, ma essendo una sconfitta quello che conta è non perdere la fiducia e l’umiltà perché queste cose vanno di pari passo. Abbiamo dimostrato di essere una buona squadra, ma dobbiamo restare umili. Non sto dicendo che siamo stati presuntuosi a Tivoli, ma solo che contro il Prato ci fosse la frenesia e la tensione inutile per cercare di recuperare dopo il ko. Dobbiamo farlo ma serenamente giocando come abbiamo sempre fatto senza farci trasportare». Intanto arrivano buone notizie per Scappini. «La caviglia è ok ma non ha mai lavorato con la squadra». La Cremonese ha segnato 27 gol, 16 su azione, 11 su palle inattive. «Dobbiamo aumentare la percentuale di gol su calci piazzati. Mi piacciono i gol su azione perché vuol dire che giochiamo, ma abbiamo le capacità per aumentare i gol su palle inattive che diventano fondamentali per chiudere le gare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

03 Dicembre 2016

Commenti all'articolo

  • Mino

    2016/12/07 - 15:03

    Cremonese-Prato, una partita che non fa testo. Quelle da vincere erano contro il Piacnza e la Lupa Roma. Giovedi' la Cremo ritrovera' l'ex Forte, " erroneamente " ceduto ad altra societa' di Lega Pro. Checche' ne dicano i giornalisti di " US Cremonese " Forte non era da lasciare andare via e sta andando meglio di Brighenti con 11 centri in 15 partite e domani giochera' con il dente avvelenato. Si spera che errori del genere non se ne facciano piu'.

    Rispondi