il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


VOLLEY, SERIE A1 FEMMINILE

La Pomì vince con autorità: 3-0 su Il Bisonte Firenze

La squadra di Caprara si appresta ad affrontare con lo spirito giusto tre gare difficili: Modena, Bergamo e Scandicci

Pomì, lunedì 24 agosto si parte con le prelazioni

Esultanza della Pomì Casalmaggiore

CREMONA - Busto è già un ricordo perchè la Pomì archivia con autorità, in tre set (25-16, 25-22, 25-18), la pratica Firenze, riprende il feeling con i 3 punti ed è pronta ad affrontare il trittico terribile che la vedrà opposta da qui al 18 dicembre a Modena, Bergamo e Scandicci.

Caprara conferma Bacchi in sestetto mentre Bracci dà fiducia a Bayramova in posto quattro escludendo Pietrelli e Brussa dallo starting six. 

1 set -  avvio nel segno dei centrali per la Pomì perchè con due muri subiti da Bosetti e l'invasione di Bacchi sono Gibbemeyer e Stevanovic a tenere la barra dritta per il 9-7. Fabris pare voler risparmiare la violenza del proprio colpo preferendo giocare di fioretto e solo il pessimo posizionamento delle mani a muro tiene Firenze a contatto con Sorokaite prima che il 12-9 di Fabris valga il time out ospite. Le difficoltà di Bacchi in ricezione, attacco e muro consentono a Firenze di costruirsi il rientro con l'attacco out della casalese che sul 15-14 le vale l'esclusione per far posto a Guerra. Proprio l'ex Club Italia prova a scavare nuovamente il solco con due aces che esauriscono i time out fiorentini sul 18-14. Firenze non esce dall'impasse, i servizi di Stevanovic e Lloyd ne evidenziano le carenze di seconda linea  con la Pomì che chiude il parziale sul 25-16 grazie a Bosetti. 

2 set - la Pomì fiuta l'insicurezza dell'avversario in seconda linea e continua a forzare dai nove metri ma gli errori ed un muro spesso poco preciso ne limitano la fuga con una Enright entrata decisamente in partita per il 9-10 Firenze. Nel contempo le toscane si sono messe a forzare il servizio riducendo al minimo il gioco al centro di Lloyd e, al contrario, su ricezione perfetta, forzano sui centrali tenendo in lettura il centrale locale. L'errore in fast di Stevanovic certifica i capricci casalesi sul 14-15 e vale il time out Caprara. Le "rosa" sono brave a sfruttare la P1 avversaria con Fabris che tiene bene Sorokaite a muro ed il contrattacco che produce l'allungo sino al 20-17 prima dell'invasione di Bosetti. Bracci esaurisce i time out sull'errore di Enright del 23-19 ma la Pomì non ne approfitta e Caprara replica sul 23-21 prima che sia ancora la portoricana a mandare out la battuta del 25-22.

3 set - Sorokaite resiste allo strappo iniziale della Pomì con l'ace del 5-5 ben supportata da Calloni ma Fabris pare volersi disfare agilmente della pratica e risponde per l'8-5. Calloni è l'ancora di salvezza di Firenze, unica a provare a rallentare la corsa delle padrone di casa che sul 12-8 di Fabris costringono Bracci a chiamare il time out. Pietrelli rileva Bayramova ma è la Pomì a perdere il contatto con il match infarcendo di errori il proprio gioco sino al 14-13 del time out Caprara. Nel momento più delicato del set Il Bisonte restituisce il favore con due errori (Sorokaite ed invasione) che danno ossigeno alla Pomì prima che Fabris giochi a flipper con Parrocchiale e Pietrelli per il 18-14 del time out ospite. A mettere la ceralacca al match ci pensa una Fabris autentica Re Mida che timbra anche un punto con la difesa per chiudere una partita perfetta che l’ace di Lloyd esaurisce sul 25-18.

27 Novembre 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000