il network

Giovedì 15 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


VOLLEY A FEMMINILE

Pomì a corrente alternata, sconfitta 3-2 a Busto Arsizio

Partenza forte delle rosa, ma Yamamay reagisce e porta al tie break Casalmaggiore che poi cede (19-25; 25-23; 25-18; 19-25; 15-8)

Pomì a corrente alternata, sconfitta 3-2 a Busto Arsizio

Bacchi tenta di superare il muro di Diouf

BUSTO ARSIZIO - Anastasia Guerra è messa ko dall'influenza, Bacchi sarà titolare e capitano mentre Gibertini smette i panni del libero per vestire quelli di giocatore di movimento. Per l'emergenza (e per il numero di italiane a referto) c'è Gaia Seresini, classe 2004 del vivaio Viadana Pomì che ha indossato la casacca numero 7 ed è pronta a vivere questa notte indimenticabile. Scendesse in campo sarebbe la più giovane di sempre a calcare un taraflex di serie A.

1 set - la Pomì parte bene, con ordine e convinzione ma si perde dopo il primo mini-allungo e Busto mette la freccia sul 7-6. E' l'unico vantaggio per le padrone di casa nel primo set perchè poi Fabris scatena la propria ira funesta, la battuta incide nelle lacune di una ricezione poco convincente e con palla scontata l'attacco fisico delle farfalle finisce comunque preda della correlazione muro-difesa della Pomì. Casalmaggiore stacca già sul 7-10 e prova a prendere il largo sul 10-15. Qualche imprecisione in appoggio e qualche buona rigiocata bustocca obbligano Caprara alla sospensione sul 13-16 ma è una cautela che rimette in ordine le cose trascinando la Pomì sino al 14-20 della seconda sospensione locale. Gibertini rileva Bacchi in seconda linea ma e le "rosa" chiudono con il pilota automatico il primo set sul 19-25.

2 set - lo svantaggio non demoralizza le padrone di casa che prima provano la fuga immediata sul 3-0 poi si aggrappano a Diouf che con 3 colpi apre il parziale che sul 7-2 costringe Caprara al time out. Le casalesi non fanno drammi e con un parziale da accademia della pallavolo riducono subito il margine sino all'8-8 prima di tornare a faticare in ricezione e concedere un nuovo allungo a Busto sul 12-8. Le "rosa" tengono in cambio palla ma battono troppo facile e per le padrone di casa non è un problema tenere il vantaggio grazie ai colpi dei propri attaccanti. Caprara esaurisce i time out sul 16-12 ma l'inerzia non cambia padrone con Lloyd che fatica a mettere in partita i posti 4 e Busto che si diverte con una Stufi strepitosa per il 20-15. Il turno in battuta di Fabris riapre un set compromesso sino al 21-20 del muro di Diouf e la Pomì si guadagna addirittura la palla free sul 22-22 ma non ne approfitta e le farfalle approfittano dei regali delle avversarie (palleggio out sul 23-22) e chiudono con Diouf sul 25-23.

3 set - il finale di set non serve a dar vigore alla Pomì, al contrario rallentata al rientro in campo. Il gioco a pallonetti delle "rosa" produce 3 contrattacchi efficaci e l'ace di Diouf per il 5-1 della disperazione di Caprara. Bacchi, cuore di capitano, prova a dare linfa alla Pomì ricucendo sino all'8-6 ma Lloyd perde la bussola (sostituita da Peric) e Busto torna sul 10-6. La verve della palleggiatrice croata si esaurisce presto e la Pomì si riduce ad essere tutta nelle mani di Samanta Fabris. Quando non è la Pomì a metterci del proprio è Busto a meritarsi il vantaggio con una serie di difese al limite dell'impossibile che chiudono ogni varco al rientro ospite per il 19-14. Il terzo set diventa una lunga emorragia placata solo dall'errore di formazione che regala alla Pomì il 22-15. L'errore di Bosetti al servizio chiude sul 25-17 uno dei set più brutti di questa Pomì di inizio stagione.

4 set - Busto fiuta il sangue e prova a caricare a testa bassa ma la Pomì ha un moto d'orgoglio, trova confidenza sull'asse Lloyd-Fabris e quando la croata pesca l'ace il 5-9 ferma i giochi per Mencarelli. Il vantaggio rinfranca la Pomì, ora più efficace in fase punto, ma non tramortisce Busto che si aggrappa a Diouf e non finisce mai troppo lontano nel punteggio. Diouf e Martinez sembrano alzare bandiera bianca con due errori che spingono Caslmaggiore sull'11-18 ma la Pomì non risparmia gli errori per tenere le padrone di casa a contatto sul 17-22 pur trovando buone soluzioni in attacco. Le "rosa" non mettono a repentaglio il tie break e Bacchi chiude il discorso con il 19-25 che vale il 5° set.

tie break - Busto aggredisce il tie break e se la Pomì va da Caprara sul 6-3 è solo per un paio di concessioni biancorosse. La dimostrazione è l'8-3 del cambio campo propiziato dalla confusione che regna nella metà campo casalese. La pomì si sveglia tardi con la Yama troppo lontana per essere ripresa e che chiude 15-8 prendendosi la vetta platonica della classifica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

19 Novembre 2016