il network

Mercoledì 21 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


VOLLEY, MONDIALE PER CLUB

Pomì Casalmaggiore - Eczacibasi Istanbul 2-3 (19-25; 25-20; 19-25; 25-22; 11-15)

Non basta una Pomì da applausi. L'Eczacibasi trionfa al tie break

Pomì Casalmaggiore - Eczacibasi Istanbul 2-3 (19-25; 25-20; 19-25; 25-22; 11-15)

MANILA - Chiamarla sconfitta sarebbe ingeneroso perchè il tetto del Mondo non è mai stato così vicino a Casalmaggiore come oggi. Sul 10-8 del tie break l'ennesimo capitolo della saga epica della Pomì sembrava già scritto e invece le ragazze di Caprara hanno perso la bussola e l'Eczacibasi è andato a prendersi il titolo iridato. Resta un'impresa perchè dal secondo gradino del podio i giganti che stanno sotto sembrano comunque piccoli e guardarli dall'alto al basso è una bellissima sensazione. L'ingaggio di Zhu, terza con il suo Vakifbank, è superiore al monte stipendi della Pomì, tanto per dirne una. Solo applausi per la Pomì che potrà aver qualche rammarico ma non deve avere rimpianti. Non solo è stata l'unica ad approdare alle semifinali con un diritto acquisito sul campo, ma ha anche dimostrato di non essere una meteora e poter legittimamente guardare le strapotenze mondiali dritte negli occhi, senza abbassare lo sguardo.

Nella finale per il terzo posto il Vakifbank di Giovanni Guidetti ha superato il Volero Zurigo per 3-1.

Nessuna variazione nei sestetti annunciati e squadre in campo per contendersi il titolo iridato secondo gli schieramenti-tipo.

1 set - due errori al servizio delle turche e l'ace di Fabris propiziano il primo break di vantaggio casalese sul 4-2 e solo un paio di ingenuità propiziano il vantaggio dell'Eczacibasi sul tocco di seconda di Ognjenovic per il 6-7. Le "rosa" restano attaccate al match e solo una ricezione abbondante regala il primo break di vantaggio alle turche sul 10-8 prima che l'ennesima ricezione fallace porti al 12-9 con Bosetti che fatica in seconda linea e subisce il muro del 15-11 che anticipa l'ace di Kosheleva per il time out Caprara. Guerra rileva Bosetti ma non cambia l'inerzia di un set che la Pomì si è lasciata un po' sfuggire di mano in seconda linea. L'Eczacibasi mette sostanzialmente il pilota automatico per tenere il vantaggio sul 21-15, Caprara ferma i giochi sull'errore di Stevanovic per il 22-15 ma ormai la Pomì è uscita dal campo e gli errori di Stevanovic e Tirozzi condannano Casalmaggiore ad un passivo pesante sul 24-15. Le"rosa" hanno un moto d'orgoglio e Barbolini ferma i giochi sul 24-19 ma Kosheleva non trema ed è 1-0 turco.

2 set - Guerra resta in campo per Bosetti ma è la battuta di Gibbemeyer a limitare il genio di Ognjenovic e consegnare il 4-0 a Casalmaggiore ed il time out all'Eczacibasi. Kosheleva e socie sembrano in crisi e accumulano errori per il 7-0 che esaurisce le sospensioni turche. Kosheleva guida la riscossa con un paio di ricostruzioni che valgono l'8-4 eresta in partita con il muro su Guerra che mantiene 4 punti di margine sull'11-7. La Pomì si perde nelle cose semplici e l'ennesimo break turco costringe Caprara al time out sul 12-10. Sembra il preludio al rientro e invece, ancora una volta, la P5 della Pomì con Gibbemeyer al servizio firma il 16-11. Ancora una volta però le campionesse d'Europa si complicano la vita da sole con le sbavature in ricezione e battuta che tengono un Eczacibasi non trascendentale sul 18-16. Fortunatamente Boskovic e Kosheleva rendono gli omaggi e la Pomì decide di non voltarsi più giocando un'ottima pallavolo sino al 25-20 di Tirozzi che pareggia i conti.

3 set - due muri subiti da Tirozzi ed il mani out di Boskovic propiziano il 4-0 Eczacibasi di inizio set che obbliga Caprara al time out. La Pomì fatica ma non molla, Guerra le dà una mano e il muro riporta sotto le "rosa" sul 6-8. Boskovic dopo un servizio sotto rete va in crisi e sbaglia due attacchi per l'11-11 che costringe Barbolini alla sospensione ma sembra che in campo si giochi a chi sbaglia di più e sono troppe le ingenuità della Pomì perchè l'Eczacibasi non ne approfitti per il 13-15. Lloyd spinge sino al 14-15 ma in un set sporco come questo commettere errori in serie è imperdonabile e Caprara sente il set scivolare sul 14-18 che vale il time out. I rimpianti si moltiplicano perchè la Pomì torna sul 17-19 con ricostruzione in mano ma si allontana da sola sul 17-21. Stavolta il nuovo aggancio non riesce e l'Eczacibasi vince un set da non tramandare ai posteri sul 19-25 dopo altri due errori di Casalmaggiore.

4 set - la Pomì continua a faticare in ricezione ma risparmia gli errori e si avvantaggia di una Boskovic ancora fuori dal match per il 5-3. Barbolini ferma i giochi sul 6-3 ma Guerra litiga col colpo d'attacco per il 6-5 e quando anche la fortuna regala il punto a Kosheleva l'8-8 è cosa fatta. Il quarto set sembra replicare le brutte cose viste nel terzo e ancora una volta sono più i demeriti della Pomì che i meriti dell'Eczacibasi a costringere Caprara al time out sul 12-12 dopo due errori inescusabili di Tirozzi e Lloyd. Bosetti entra per Tirozzi ma è Guerra a regalare due volte il sorpasso all'Eczacibasi sul 13-14. Pensare che con due giocate lineari la Pomì torna avanti 18-16 fa quasi rabbia perchè a tenere in partita le turche sono i troppi errori gratuiti commessi dalle "rosa". Bosetti è l'ancora cui si aggrappa la Pomì sino al 20-18 e nonostante l'errore del 20-20 è un altro miracolo della varesina a valere il 21-20 ed il muro di Stevanovic griffa il 22-20. L'ennesimo muro vale il 23-20 ma Larson trova il tocco del 23-22 del time out Caprara. Al rientro Adams spara out il servizio e Fabris abbatte Boskovic dalla seconda linea. Il mondiale si decide al tie break.

tie break - Bosetti resta in campo per Guerra e il set inizia all'insegna dell'equilibrio con la Pomì che firma il primo break sul muro di Gibbemeyer per il 4-3 replicato dall'ace di Adams per il 4-5. Fabris è irreale e assesta due colpi strepitosi per l'8-6 del cambio campo. La croata tiene avanti la Pomì sino al 10-8 ma Bosetti subisce il muro del 10-10 che vale il time out Caprara. L'errore di Bosetti e l'ace di Nesli spingono l'Eczacibasi sul 10-12, il challenge assegna l'11-13 alle turche Larson regala 3 match point e Kosheleva coglie l'ace che vale la conferma del titolo di campione del mondo.

Pomì Casalmaggiore Lloyd 9, Fabris 22, Tirozzi 11, Bosetti 7, Stevanovic 6, Gibbemayer 8, Sirressi (L), Guerra 8, Turlea. N.e: Bacchi, Gibertini (L), Peric. All. Caprara.
Eczacibasi Vitra Istanbul: Kosheleva 23, Larson 10, Thaisa 10, Adams 6, Boskovic 17, Ognjenovic 6, Kuzubasioglu (L), Akoz, Baladin n.e., Kilicli n.e., Demir 1, Ozdemir, Yilmaz n.e., Arisan 1. All. Barbolini.
Arbitri: Piotr Dudek e Patricia Rolf.

Premi individuali:

  • miglior schiacciatrice - Zhu Ting (Vakifbank Istanbul)
  • miglior schiacciatrice - Tatiana Kosheleva (Eczacibasi Vitra Istanbul)
  • miglior centrale - Foluke Akirandewo (Volero Zurigo)
  • miglior centrale - Milena Rasic (Vakifbank Istanbul)
  • miglior libero - Fabiana (Rexona Sesc Rio de Janeiro)
  • miglior palleggio - Carli Lloyd (Pomì Casalmaggiore)
  • miglior opposto - Tijana Boskovic (Eczacibasi Vitra Istanbul)
  • MVP - Tijana Boskovic (Eczacibasi Vitra Istanbul)

23 Ottobre 2016