il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


VOLLEY, COPPA ITALIA A1

Pomi ko al tie break, Bergamo in finale (2-3)

Casalmaggiore avanti 2 set a 0, poi l'incredibile rimonta della Foppapedrettiv(25-19; 25-11; 22-25; 22-25; 13-15)

Pomì Casalmaggiore - Savino Del Bene Scandicci

1 set - avvio deciso della Pomì che mette subito la distanza di sicurezza tra sé e la Foppapedretti con il 7-4 iniziale e mantiene la velocità di crocera sino al 12-8 della sospensione. Bergamo prova a farsi sotto con qualche punto di Gennari costringendo Barbolini al time out sul 13-12 ma resta lontana prima sul 16-13 del time out Lavarini e poi sul 19-15 che esaurisce le sospensioni ospiti dopo l'errore di Barun. Lavarini manda in campo Durisic per Aelbrecht ma della Foppa resta ben poco in campo, cannibalizzata da una Pomì che pigia sull'acceleratore con una Stevanovic straordinaria sia in attacco che a rete per chiudere il set sul 25-19 dopo che il video-check tradisce la richiesta orobica e conferma il mani-out di Tirozzi.

2 set - il finale di primo set concitato non distrae la formazione campione d'Italia che dopo le scaramucce iniziali prende le redini del set grazie ad una correlazione muro-difesa granitica che oscura la metà campo rosa alla formazione orobica. La Pomì passa dall'8-6 al 12-6 della sospensione tenendo benissimo le preferenziali di Bergamo e contrattaccando con precisione e concretezza. Bergamo prova timidamente a rientrare in partita con il 12-8 ma subisce due ace e sbaglia troppo per pensare di poter tenere il passo di una Pomì in formato-Champions. Lavarini ferma i giochi sul 16-11, mette Mambelli per Sylla e Frigo per Paggi ma il 19-11 sembra già una sentenza. Anche perchè con Tirozzi in serie per Bergamo sono solo dolori, il parziale assume dimensioni irreali per la serie A1 ed il muro su Gennari chiude il 10-0 che spedisce la Pomì ad un set dalla finale con Piacenza sul 25-11.

3 set - Lavarini lascia Plak in posto 4 e riporta in campo Barun provando il tutto per tutto e l'avvio di set sembra dargli ragione perchè la Pomì fatica a prendere le misure all'olandese e commette qualche errore di troppo consentendo alle rossoblù di mantenersi in vantaggio sino al 10-8 del time out Barbolini. Niente paura perchè il break della Pomì è dietro l'angolo e arriva puntuale riportando avanti le "rosa" per il 12-10 della sospensione. La Pomì impressiona per la solidità del proprio muro-difesa e Bergamo pare perdere un po' di fiato per tenere il passo e va da Lavarini sul 17-14 di Kozuch. Sembra il preludio alla finale e invece Bergamo reagisce e mette granelli di sabbia nei meccanismi perfettamente oliati della Pomì di stasera. Le "rosa" perdono lucidità e subiscono la rimonta che culmina nel 22-25 con un fischio dubbio su cui Barbolini non chiama check in tempo.

4 set - incidente di percorso o crepa nella solida corazzata? L'inizio di se non chiarisce i dubbi perchè ad una Plak che continua a picchiare risponde una buona Kozuch tenendo in biloico il punteggio per l'8-8. Barbolini non vuole rischiare e ferma i giochi sull'8-10 di un'ottima Durisic ma Bergamo resta avanti 9-12 alla sospensione. La Pomì sembra faticare a tornare sui livelli mostruosi tenuti per due set anche perchè Bergamo non è la vittima sacrificale dei primi due parziali ma squadra che trova i punti deboli delle "rosa". E' la P1 orobica a regalare il rientro alla Pomì che impatta con i fendenti di Kozuch e Tirozzi e sorpassa sull'errore di Durisic per il 17-16 del time out Lavarini. Tirozzi spinge il 20-17 che sembra anticipare la conquista della finale ma Gennari non è dell'idea e trascina Bergamo al 20-20 prima che la rimonta si completi con il break di 8-2 chiuso da Barun per il 22-25 che vale il tie break.

TIE BREAK - Piccinini vuole vincerla quasi da sola e piazza tre colpi strepitosi per trascinare la Pomì ad un vantaggio comodo sull'8-5 del cambio-campo. Plak rileva Sylla ma è Barun a valere l'aggancio a quota 8. Gennari è una furia e vale il 12-11 prima che a muro la Foppapedretti chiuda la rimonta perfetta stoppando la ricostruzione di Piccinini che sul 13-14 spara out il 13-15 che spedisce Bergamo in finale.

20 Marzo 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000