il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


Nordmeccanica Piacenza - Metalleghe Montichiari 2-1 (29-27; 25-21; 23-25; 25-15)

Live la prima semifinale di Coppa Italia

Sorokaite

Un attacco di Sorokaite nel match contro la Pomì

La "Cenerentola" Montichiari  sfida Piacenza, favorita della vigilia. La vincente incontrerà chi la spunterà tra Pomì Casalmaggiore a Foppapedretti Bergamo nel match delle 20.30. Il colpo d'occhio del Pala De Andrè è notevole, i tifosi danno spettacolo e l'atmosfera che si respira è quella dei grandi eventi.

1 set - Piacenza cerca di mettere subito in chiaro le cose spingendo sull'acceleratore grazie ad un muro invadente che rende difficile il cambio palla di Montichiari. Le emiliane scattano sul 9-5 prima che Montichiari torni sul 10-8 ma si riportano a distanza sul 12-8 della sospensione. Alle 17.53 il video-check fa il suo esordio nella pallavolo femminile e Leo Barbieri ha ragione a chiamare la palla out per il 15-13 che diventa poco dopo 15-14 per il time out Gaspari. Tra un errore e l'altro Piacenza smarrisce la via della fuga e Montichiari, pescando il secondo check corretto, resta incollata sino al 22-21 di Brinker. E' un tocco a muro (confermato dal check) a dare lo slancio alle ragazze di Gaspari che hanno la palla per la ricostruzione sul set point del 24-21 ma vengono fermate due volte dal muro di Montichiari prima che Brinker finalizzi la ricostruzione del 24-24 dopo il time out "rosa". Tomsia regala un set point alle bresciane ma Piacenza ribalta nuovamente l'inerzia e al sesto set point chiude il set mentre nella ricaduta dalla schiacciata Tomsia si scontra con Dalia che resta a terra.

2 set - Dalia rientra prontamente in campo e Montichiari pare non accusare il colpo del set perso al fotofinish ribattendo palla su palla alle piacentine. Un botta e risposta senza break interlocutori sino all'8-8 prima che Piacenza guadagni il doppio vantaggio sul 12-10 della sospensione grazie all'ottima correlazione muro-difesa. Il primo strappo sembra poter essere quello definitivo dato che Montichiari ci infila gli errori e Piacenza guarda senza metterci troppo mano e incassa sino al 16-11 del time out Barbieri. Le bresciane non si perdono d'animo e con una Tomsia stellare rosicchiano punto su punto portandosi presto a ridosso di Piacenza sino al block-in di Gioli su Meijners per il 19-18. Sul più bello Piacenza torna a far la voce grossa cercando di riprendere margine per il 23-20 del time out Barbieri e badando a non subire il ritorno bresciano grazie al tocco magistrale di Ognjenovic per il 25-21 del 2-0.

3 set - Gaspari tiene in campo Bianchini e Melandri subentrare a Sorokaite e Bauer e le emiliane sembrano partire con il piglio di chi ha deciso di chiudere i conti senza troppi patemi. Melandri è un fattore per il 3-1 ma Montichiari non patisce il colpo e ri rimette in carreggiata per il 5-4. Lualdi, entrata per Sobolska, dà la scossa e con gli attacchi efficaci di Barcellini le bresciane mettono il naso avanti sul 9-10 prima di chiudere 10-12 con Tomsia alla sospensione. Le biancorosse guidano sino al 10-13 prima di subire il ritorno piacentino sul 14-13. La Nordmeccanica fa e disfa, specie in correlazione muro-difesa perchè sono tante le palle toccate che sbilanciano la seconda linea e trovano il fondo lanciando Montichiari sul 16-19 del time out Gaspari. Piacenza in attacco è solo Meijners mentre Montichiari prosegue nel suo spartito lesinando gli errori e approfittando di quelli altrui prima che due punti di Bianchini costringano Barbieri al time out sul 22-23. E' Gioli a firmare i due punti che tengono vive le speranze biancorosse prolungando il match.

4 set - Piacenza rientra con Sorokaite per Bianchini e il set perso sembra un incidente di percorso quando il break porta le ragazze di Gaspari sul 9-6 ma Montichiari dimostra ancora una volta di non aver intenzione di mollare tornando sotto sull'11-10 prima della sospensione sul 12-10. E' ancora una volta Melandri a mettere le mani nel momento più difficile di Piacenza con un primo tempo stellare e tre murate incredibili che spediscono le bresciane lontane sul 17-11, massimo svantaggio nel match. Stavolta sembra la spallata decisiva perchè Melandri è in trance agonistica mentre Montichiari sembra aver perso la verve che l'ha condotta a giocarsi alla pari i tre set precedenti. Barcellini subisce l'ace del 22-13, anticamera del 25-15 di Ognjenovic.

Piacenza è la prima finalista della Coppa Italia 2016.

19 Marzo 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000