il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA, CAMPIONATO LEGA PRO

Cremo, 1 punto di penalizzazione
Lo chiede la procura federale

Per responsabilità presunta in occasione della gara Cremonese-Pro Patria del dicembre 2014: avrebbe ottenuto vantaggi dagli illeciti commessi da persone ad essa estranee

Cremo, 1 punto di penalizzazionelo chiede la procura federale

Un'azione di gioco durante Cuneo-Cremonese

CREMONA — Stupore in casa Cremonese di fronte alla richiesta della Procura federale di 1 punto di penalizzazione per responsabilità presunta. Dopo il deferimento relativo alla gara Cremonese-Pro Patria del dicembre 2014, la società non immaginava di trovarsi invischiata in un altro processo per calcio scommesse. L’accusa è di ‘responsabilità presunta’: il 15 dicembre 2014 i grigiorossi vinsero allo Zini per 3-1 contro la Pro Patria dopo l’ingenua espulsione di Ulizio per i bustocchi e una mezza papera del portiere avversario Melillo. Giocatori poi coinvolti direttamente in numerose combine. «La società attende con fiducia la decisione del Tribunale federale convinta della propria estraneità ai fatti contestati» ha dichiarato il direttore generale grigio rosso, Stefano Giammarioli.

La Cremo rischia dunque per responsabilità presunta: avrebbe ottenuto vantaggi dagli illeciti commessi da persone ad essa estranee. Nel codice di giustizia sportiva questo tipo di responsabilità però decade quando risulti o vi sia un ragionevole dubbio che la società non abbia partecipato all’illecito o lo abbia ignorato. «Spero proprio che non accadrà nulla», conclude Giammarioli. Nel filone ‘Dirty Soccer’ c’è anche la posizione di Fulvio Pea per il quale sono stati chiesti sei mesi di squalifica e 30mila euro di ammenda per omessa denuncia. All’epoca Pea allenava il Monza e secondo l’accusa non avrebbe denunciato la possibile alterazione del risultato della gara contro il Bassano del 21 dicembre 2014. Una ricostruzione fatta dalla Procura attraverso intercettazioni telefoniche che non rispecchierebbe la verità dei fatti. Pea infatti nega di aver avuto qualsiasi con persone che gli hanno proposto una combine.

All’inizio della settimana prossima sono appunto attese le sentenze.

12 Gennaio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000