il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


NUOTO, EUROPEI DSISO

Maria Bresciani, un campionato da incorniciare: 12 titoli e due medaglie d'argento

Obiettivo raggiunto per l'atleta cremonese che ha incrementato il bottino di medaglie dell'anno scorso, il tutto con rilievi cronometrici di assoluto valore

Maria Bresciani, un campionato da incorniciare: 12 titoli e due medaglie d'argento

Maria Bresciani col bottino di medaglie

Loano (Savona) - Obiettivo raggiunto per Maria Bresciani ai campionati europei di nuoto DSISO. La giovane nuotatrice dei Delfini Cremona ha migliorato il numero di vittorie del precedente campionato europeo, conquistando ben 12 titoli e due argenti.

Per Maria sono stati quattro giorni molto intensi con ritmi elevati, dalla mattina alle 5:30 fino alla sera verso le 22:00, e la partecipazione a 4 / 5 competizioni al giorno a cui si aggiungono i due periodi di riscaldamento, uno al mattino ed uno al pomeriggio. Non solo l’impegno fisico delle competizioni, ma soprattutto quello psicologico ed ambientale, stare 8 ore al giorno in un ambiente molto caldo ed umido è sicuramente pesante per il fisico. Ma Maria è arrivata ottimamente e puntualmente preparata, sia fisicamente che tecnicamente dagli allenatori della squadra dei Delfini Cremona, Federico Belicchi e Silvia Ferrari, quest’ultima anch’essa impegnata nella competizione continentale in veste di tecnico della nazionale paralimpica FISDIR.

La partecipazione di Maria a ben 14 gare, a cui si aggiungono le qualifiche, ha portato non solo medaglie ma anche risultati cronometrici di rilievo in tutte le gare e miglioramenti in quasi tutte le specialità. Maria è riuscita a mantenere sempre la giusta concentrazione, rispondendo puntualmente ad ogni richiesta del Commissario Tecnico Marco Peciarolo.

Già la prima giornata di gare ha regalato i primi quattro titoli: si è partiti al mattino con il grande miglioramento tecnico nei 50 mt farfalla dove Maria ha sbriciolato il suo record europeo fermando il cronometro a 39” 36, a soli 41 centesimi dal record mondiale. La mattina si è conclusa con la prima delle staffette maschi e femmine, quella 4x50 stile libero mista dove Maria, assieme alla compagna Martina Villanova ed ai compagni Paolo Manauzzi e Paolo Zaffaroni ha conquistato il titolo europeo con 2’ 27” 24, davanti ad Inghilterra e Portogallo. Maria è strepitosa nuotando la sua frazione in 37” 50 e guadagnando due posizioni per l’Italia. Il pomeriggio inizia con la sfida molto attesa dei 200 mt misti femmine dove Maria affronta la compagna di nazionale Dalila Vignando favorita e che si presenta in gran forma. Per Maria sembrerebbe non esserci possibilità di vittoria, la cremonese ci cede fino in fondo e sfodera una prima frazione a farfalla da manuale distaccando la compagna. Nella fraziona a dorso, dove Maria presenta maggiori difficoltà, riesce a resistere al ritorno della comasca, nella frazione a rana, dove la Vignando è regina, Maria riesce a ridurre i danni e anche se superata si mantiene a 3 secondi di distacco, per poi attaccare nell’ultima frazione a stile libero dove, con grande veemenza recupera tutto lo svantaggio e riesce ad allungare staccando la compagna di ben 4 secondi all’arrivo con il nuovo record europeo in 3’ 24” 19. Gara entusiasmante che ha richiesto a Maria di migliorare di ben 10 secondi il suo record per contenere l’avversaria che è anch’essa scesa sotto il precedente record continentale. Gara emozionante e con una splendida condotta da parte di Maria che ha sorpreso anche i suoi allenatori. Nettamente staccato il resto d’Europa con terza la portoghese Diana Torrres. A seguire la finale dei 50 mt farfalla dove Maria deve sudare per contenere la gigantesca islandese Kristin Thorsteinsdottir che ha una partenza avvantaggiata dalla stazza fisica, ma la cremonese con eleganza piazza un buon 39” 99, più che sufficiente a vincere la gara di un paio di metri davanti alla nordica, terza la portoghese Adriana Reis. Nemmeno il tempo di respirare e Maria è ancora in acqua per la staffetta 4x50 mista femmine, dove l’Italia difende il titolo mondiale e la stessa formazione, Franza, Chiappa, Bresciani e Villanova, non si smentisce migliorando addirittura il record europeo ottenuto in Messico di ben 6 secondi e fermando il cronometro a 3’ 00” 24, nettamente staccate la Francia, seconda, ed il Portogallo, terzo. Per Maria il quarto titolo di una giornata da ricordare.

Nella seconda giornata di gare, che oltre al campionato europeo prevedeva la partecipazione di atleti nella competizione open internazionale, si parte con le qualifiche dei 200 mt stile libero dove Maria lotta con la messicana e campionessa del mondo in carica Dunia Camacho, la quale in batteria abbassa il record mondiale con uno splendido 2’ 57” 23, Maria è dietro di lei con il nuovo record europeo in 3’ 00” 32, anch’esso sotto il precedente tempo mondiale. Questa prova ottima di Maria lascia però un pizzico di amarezza per non essere riuscita a scendere sotto i tre minuti. Nel pomeriggio la finale con una Maria piena di voglia di riscatto, che parte subito molto forte mentre la messicana pasticcia e perde contatto da Maria che vola impetuosa verso la vittoria con il quinto titolo europeo, migliorando nettamente il tempo del mattino con 3’ 57” 34 a soli 11 centesimi dal mondiale stabilito al mattino dalla messicana che giunge terza, mentre seconda è la spagnola Cami Martinez e quarta, ma terza delle europee arriva Caroline Faithful. L’organizzazione della manifestazione attua una variazione dei tempi e posticipa le premiazioni così Maria si trova dopo neanche 5 minuti in gara nella finale dei 100 mt farfalla, dove nonostante la stanchezza nuota in 1’ 35” 32 a solo un secondo e 4 decimi dal suo record mondiale. Nettamente staccate la croata Lucija Mjolovic e la portoghese Adriana Reis, giunte rispettivamente seconda e terza. Ritmo serratissimo tanto che Maria è ancora in vasca nella batteria successiva, ovvero quella della staffetta 4x100 mista femmine, con la formazione tipo, Franza, Chiappa, Bresciani e Villanova. Le ragazze italiane non hanno difficoltà a regolare Portogallo ed Inghilterra confermandosi le più forti al mondo in questa disciplina, con il tempo, non ottimo, di 6’ 52” 21. La nuotatrice dei Delfini Cremona si conclude la seconda giornata con il settimo titolo continentale.

La terza giornata si presenta con le qualifiche dei 100 mt stile libero al mattino dove Maria incontra ancora la gigantesca islandese Kristin Thorsteinsdottir, specialista della velocità a stile libero. Il confronto è molto difficile, entrabe vanno sotto al record europeo, però l’Islandese tocca per prima e Maria, indietro di 84 centesimi, ferma il cronometro a 1’ 24” 81, che rimane nuovo record italiano. Nel pomeriggio la finale stessa copia ma molto più veloce, entrambe le atlete danno il meglio di se ed una terza virata non eccellente di Maria da alla islandese quel secondo di vantaggio per vincere la gara, Maria si accontenta del secondo posto davanti alla distaccata inglese Caroline Faithful, ma migliora di nuovo il record italiano con il tempo di 1’ 22” 97. Passano 4 minuti e Maria è sul blocco di partenza dei 200 mt farfalla, la sua gara principe. Nonostante la stanchezza la nuotatrice cremonese fa subito il vuoto dietro di se ed alla fine rifila oltre una vasca alla seconda, la portoghese Ana Castro, mentre terza è l’irlandese Eleanor Murry. Il tempo con cui Maria vince il suo nono titolo è di 3’ 33” 64 a soli 19 centesimi dal suo record mondiale. Ma la cremonese non finisce di stupire e nella batteria successiva guida la staffetta italiana della 4x100 stile libero assieme alle compagne Vignando, Franza e Villanova, che, forti della migliore frazione di Maria in 1’ 26” 00 vincono davanti alle inglesi ed alle portoghesi. Il tempo di 6’ 22” 52 è vicinissimo al record europeo delle azzurre. Decimo titolo e giornata chiusa per Maria Bresciani. La quarta ed ultima giornata inizia con una gara lunga i 400 mt stile libero, dove Maria trova in acqua anche la messicana Dunia Camacho, campionessa del mondo in carica con cui Maria ha un conto in sospeso dopo la gara dei 200. Terza incomoda la compagna di nazionale Martina Villanova. Per Maria la partenza non è delle migliori e la messicana sembra scappare , è sempre avanti di Maria di oltre un metro. Vasca dopo vasca il duello si fa sempre più avvincente e Maria lentamente si avvicina alla messicana per poi andare all’attacco dopo la virata dei 300 mt. Il pubblico in grande fermento per una gara al cardiopalma, mentre Maria non demorde ed attacca ancora per giungere prima al traguardo con il favoloso tempo di 6’ 12” 97 nuovo record del mondo, migliorato di quasi tre secondi e che apparteneva alla sudafricana Jennifer Higgins. La messicana è staccata di 4 secondi e molto più indietro le altre, al secondo posto tra le europee Martina Villanova ed al terzo l’inglese Caroline Faithful. Grandissima soddisfazione nel clan azzurro per questa che è stata sicuramente la prestazione tecnica migliore del campionato europeo e per Maria è valso quale decimo titolo conquistato. Maria è quindi impegnata nelle qualifiche dei 50 mt stile libero dove oltre alla forte islandese trova, per la competizione internazionale le due messicane Marianna Escamilla e Dunia Camacho. Sembra la finale dei mondiale dello scorso anno con l’aggiunta della sorpresa nord europea. Maria nuota migliorando il proprio personale nonché record italiano in 39” 09 ma la islandese Thorsteinsdottir stupisce con un 37” 49, nuovo record europeo, di un soffio davanti alla Camacho e dietro Maria l’altra messicana e una sorprendente Caroline Faithful, per la prima volta sotto i 40 secondi. La mattina si conclude con la 4x50 mista mista ovvero due maschi e due femmine. L’Italia presenta la Franza a dorso, Zaffaroni a rana, Maria Bresciani a farfalla e Manauzzi a stile libero, tutti pezzi da novanta. Gara avvincente che vede l’Italia vincere nettamente in 2’ 41” 75 davanti a Francia e Portogallo. Per Maria una frazione ancora sotto i 40 secondi con il recupero di una posizione ed il record mondiale della specialità. Questa vittoria vale l’undicesimo titolo per la cremonese. Il pomeriggio è guidato dalle necessità dettati dalla televisione, difatti la gara è trasmessa in diretta su Rai Sport. Maria è in gara nella finale dei 50 mt stile libero nella quale troverà atleti veramente forti, come le due messicane, rispettivamente prima e seconda ai mondiali dello scorso anno e la gigantesca islandese. Concentratissima Maria, che di sua natura non è una velocista, riesce in una prestazione eccezionale fermando il cronometro a 37” 90, nuovo record italiano, ma non sufficiente a fermare la islandese Thorsteinsdottir che migliora ulteriormente in 37” 39, subito dopo la Camacho in 39” 50. Per Maria il secondo argento europeo, mentre terza la ancora più sorprendente inglese Caroline Faithful con un ottimo 39” 09. Gara di altissimo livello tecnico, con il tempo stabilito da Maria si sarebbe vinto la gara del mondiale dello scorso anno. La giornata e la manifestazione si conclude con l’ultima staffetta la più veloce, ovvero la 4x50 stile libero femmine. La compagine italiana vede in acqua Vignando, Franza, Villanova e Bresciani. Partenza con la prima frazione con le prime nazioni allineate, alla terza frazione l’Italia allunga leggermente ma nella quarta Maria Bresciani, nuotando ancora una volta un fantastico 37” 90 porta alla vittoria le azzurre in 2’ 53” 94 con un buon distacco dalle inglesi che si piazzano seconde e le portoghesi terze.

Per la cremonese Maria Bresciani un campionato del mondo da incorniciare, con 12 titoli conquistati, due argenti, un record mondiale singolo, due in staffetta, vari record europei e due italiani. Per Maria anche la conquista della classifica a punti quale migliore atleta femminile sommando le sole gare individuali, titolo che in campo maschile è andato all’inglese Billy Birchmore. Nessun italiano aveva conquistato un bottino così ricco ad un europeo e Cremona può vantare anche questo alloro nell’ambito sportivo. Ora per Maria un meritato periodo di riposo e poi l’inizio della preparazione dei Trisomi game in programma a Firenze a metà luglio 2016.

12 Novembre 2015

Commenti all'articolo

  • renzo

    2015/11/13 - 09:09

    BRAVA!!!!!!!COMPLIMENTI.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000