il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


BASKET SERIE A

Biligha: "Obiettivo la Final Eight"

Presentazione al PalaRadi del nuovo centro della Vanoli, presenti anche i rappresentanti del nuovo sponsor Dentix

Biligha: "Obiettivo la Final Eight"

Conti, Giannico, Biligha e Marzo

CREMONA — «Finalmente si parla di basket». Con queste parole è iniziata la conferenza stampa di presentazione di Paul Biligha, nuovo centro della Vanoli. Presenti i vertici di Dentix, uno dei nuovi sponsor dei biancoblù. «La scelta di divenire partner della Vanoli è stata dettata non solo dalla performance sportiva — ha dichiarato Marcello Giannico direttore generale Dentix — ma soprattutto dalla condivisione del medesimo concetto ‘allargato’ di ‘Vanoli famiglia’ (#Vanolifamily) che appartiene anche a Dentix». E’ stata poi la volta del protagonista, Paul Biligha, che ha spiegato i motivi di un corteggiamento Vanoli lungo tre anni. «Nella prima occasione avevo un contratto particolare con Avellino, nel secondo ho fatto una scelta di vita cercando di giocare più minuti possibile scendendo di categoria. Esperienze che mi sono servite per presentarmi qui alla Vanoli pronto per un grande campionato». L’impatto con Cremona e la squadra? «Ottimo. Si vede che c’è grande professionalità, dentro e fuori dal campo. Si curano bene tutti i dettagli e questo è importante». Coach Pancotto è stato il primo a inserirla in quintetto ad Avellino. Il vostro rapporto? «Con il tecnico c’è un legame speciale. E’ una persona corretta, schietta. Lo conosco bene e so quello che vuole». Cosa esattamente? «Difesa, rimbalzi e di essere collante nelle due fasi. Naturalmente di mettere in campo il massimo impegno». State spingendo duro. Come sta andando? «Con il preparatore Jacopo Torresi si lavora molto bene. La prima settimana è servita a riprendere confidenza con l’attività, la seconda di grande carico. Credo sia normale, come potrà capitare che in qualche amichevole ci sia un calo fisico». In cosa deve migliorare Biligha? «Devo avere la giusta continuità di rendimento. Voglio sempre dare il massimo nei minuti in cui verrò impiegato. Sono convinto che crescerò di partita in partita, sotto tutti i punti di vista». A Porto San Giorgio avete conosciuto il capitano Luca Vitali. «Ho capito subito che questa è la sua squadra. E’ bastato scambiare due parole per capire che tiene molto alla Vanoli. Non vedo l’ora di giocare con lui». Nella zona hai giocato a Verola e Crema. Quanto ti è servito? «Moltissimo. Ho dei piacevoli ricordi. Diciamo che ho imparato come stare in uno spogliatoio. Quel cameratismo che poi mi è servito negli anni a venire». Proprio la Pallacanestro Crema ti premierà come uno dei migliori della storia biancorossa. «Mi fa molto piacere. Quell’anno a Crema sono stato benissimo con la società e con i compagni. Sento ancora molti di loro con regolarità. Si era creato un rapporto eccezionale. Non mi dimentico da dove sono arrivato». Obiettivi? «Lo scorso anno ho visto la Final Eight della Vanoli, quest’anno vorrei poterla giocare». Pensa di poter fare parte del nuovo gruppo azzurro? «Io sì, bisogna vedere se quelli che decidono sono d’accordo...».

11 Settembre 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000