il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


VOLLEY A1 FEMMINILE

Pomì, la Supercoppa a Cremona?

Le campionesse d'Italia potrebbero affrontare Novara sabato 17 ottobre al PalaRadi, il pasticcio delle date

Pomì, la Supercoppa a Cremona?

La gioia delle giocatrici della Pomì

CREMONA – Nel lascia o raddoppia del PalaRadi la Pomì potrebbe addirittura avvalersi della seconda opzione. Non solo l'impianto cremonese pare ormai certo di ospitare tutti i match casalinghi della formazione campione d'Italia in carica (campionato, coppa Italia e Champions League) ma addirittura potrebbe essere il teatro della Supercoppa Italiana da disputare in gara unica contro l'Igor Gorgonzola Novara. Dopo aver diramato le data ufficiali della stagione pare che dalla Legavolley siano trapelate informazioni relative alla Supercoppa che, diversamente da quanto previsto in origine, dovrebbe disputarsi sabato 17 ottobre costringendo, di fatto, Novara e Casalmaggiore ad affrontarsi anche alla prima di campionato (prevista per il 18 ottobre ma che slitterebbe all'infrasettimanale). La Pomì, da ranking, avrebbe dovuto affrontare il Club Italia e Novara avrebbe dovuto vedersela con Vicenza (prima e seconda contro ultima e penultima, come ranking, della A1 2015/2016) ma con la Supercoppa giocata il giorno antecedente la prima di campionato, per non tener ferme altre due squadre oltre quelle che si contenderanno il trofeo, la prima di campionato opporrà ancora l'Igor e la Pomì, come nella stagione 2014/2015. Ora, da consuetudine, la Supercoppa dovrebbe giocarsi in campo neutro (il palaIper di Monza è il più inflazionato negli ultimi anni) eccezion fatta per la stagione 2013/2014. L'inizio dei campionati il giorno seguente, però, potrebbe ridurre il numero di impianti ospitanti idonei motivo per il quale potrebbe prendere corpo l'ipotesi Cremona, casa delle campionesse d'Italia, quale teatro della Supercoppa (con match di campionato a Novara in infrasettimanale). Fallito il tentativo di portare a Cremona nell’anno in cui la città del Torrazzo era capitale europea dello sport, ora, con uno scudetto in dote e botteghini presi d’assalto, potrebbe essere la volta buona. L'intoppo, rispetto all'anticipo del 17, è la concomitanza con le semifinali del campionato europeo maschile che potrebbe togliere visibilità (e diretta televisiva?) al primo trofeo della stagione femminile. Questione mercato. L'opposto è il giallo dell'estate. La società pare prender tempo forte della certezza Champions, attrattiva non indifferente, e di un mercato che offre molte soluzioni. Destinee Hooker resta un nome che circola e che proietterebbe la Pomì tra i top team in Italia e all'estero mentre Bjelica resta un'idea e altri nomi fanno caplino (Calderòn, Montano). Centoni non ha ancora firmato al Galatasaray e resta una pista aperta. Intanto Bergamo ha optato per Firgo liberando Manzano e ha respinto al mittente l'offerta di Zurigo per Plak, Conegliano ha firmato Bechis per cautelarsi sull'infortunio di Glass e Santini, Bolzano ha firmato Garzaro. Ancora silenzio su Loda, data per certa a Scandicci ma non ancora annunciata. Novara sta alla finestra (quarta banda?) ma anche la Pomì potrebbe essere interessata. Resta in piedi la pista Bacchi come 3° banda.

18 Giugno 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000