il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CALCIO GIOVANILE

Testata del mister all'arbitro, l'allenatore è stato denunciato

Un gol annullato nel finale ed esplode la violenza durante una gara Juniores: il direttore di gara ha una prognosi di 30 giorni

arbitro proteste

PIZZIGHETTONE - E' stato denunciato dai carabinieri Francesco Canesi, l'allenatore della squadra Juniores della Sospirese che, sabato 28 marzo, al termine della partita tra i viola e il San Luigi Pizzighettone, ha colpito l'arbitro Giuseppe Della Pietra con una testata in pieno volto procurando la direttore di gara la frattura del setto nasale. Della Pietra, 21 anni, dopo essere stato curato presso l'ospedale di Cremona, ha riportato una prognosi di 30 giorni. Ragion per cui la denuncia è scattata d'ufficio.

 

I fatti. Il San Luigi Pizzighettone in vantaggio di due reti si è visto raggiungere dalla squadra viola. Una gara corretta che non è mai sfuggita di mano al direttore di gara. La scintilla che ha scatenato la rabbia di Canesi sarebbe scoccata quando Della Pietra quasi allo scadere ha annullato per fuorigioco il terzo gol della Sospirese. Dopo il triplice fischio tutti i giocatori stavano già raggiungendo gli spogliatoi quando Canesi ha avvicinato Della Pietra a centrocampo: all’improvviso sarebbe partita la testata che ha colpito in pieno volto l’arbitro. I dirigenti hanno immediatamente allontanato il tecnico Canesi, che fino allo scorso dicembre guidava anche la squadra Allievi che la Sospirese ha poi deciso di ritirare dal campionato per la condotta indisciplinata dei suoi giocatori. Il presidente della Sospirese, Felice Farina, dopo aver preso provvedimenti seri nei confronti di giocatori poco ‘educati’, adesso deve fare i conti con questo episodio di violenza che vede coinvolto un allenatore. Il primo dirigente ieri non era presente alla partita. «Un gesto ingiustificabile e inammissibile — ha detto Farina — di cui la società parlerà presto. Dispiace che ci vada di mezzo la società, perché un arbitro è sempre da rispettare che sia nel giusto o che abbia commesso qualche errore. Mi dispiace sia per l’arbitro che per la sua famiglia».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

29 Marzo 2015

Commenti all'articolo

  • enrico

    2015/03/29 - 20:08

    Ottimo esempio complimenti vincere o vincere

    Rispondi

  • Paolo

    2015/03/29 - 18:06

    ora capisco perché la squadra allievi era indisciplinata

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000