il network

Lunedì 05 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


BASKET SERIE A

Vanoli, la sfida con Cantù per continuare a sognare (ore 20.30)

Oggi al PalaRadi torna il campionato. Gara importante per entrambe le squadre in un'ottica Coppa Italia. Cusin ex di turno

Vanoli, la sfida con Cantù per continuare a sognare (ore 20.30)

Marco Cusin ex di turno contro Cantù

CREMONA — Giusto il tempo per il brindisi di Natale, che il campionato italiano di basket torna in campo (come da tradizione ormai da diversi anni) il giorno di Santo Stefano. Per la Vanoli, reduce dalla bella vittoria ottenuta alla Unipol Arena di Casalecchio di Reno sulla Granarolo Bologna, il calendario della 12ª giornata del girone di andata propone oggi, venerdì 26 dicembre, il match casalingo (ore 20.30, diretta televisiva su Rai Sport 1) con l’Acqua Vitasnella Cantù.

A quattro giornate dalla fine del girone di andata, la situazione di classifica vede la squadra di coach Cesare Pancotto a quota 12 punti (in settima posizione al pari della Sidigas Avellino), mentre i canturini diretti da Stefano Sacripanti sono a quota 8. Quattro punti di differenza, ma una situazione non simile, visto che in Brianza la compagine è stata duramente contestata dalla tifoseria e anche dalla dirigenza per i scarsi risultati ottenuti in campionato. Non scordiamo che Cantù è impegnata parallelamente anche in Eurocup, dove ha superato la prima fase e centrato l’ingresso nelle Last 32.

Ma è in campionato che il rendimento è decisamente inferiore alle attese, con i ragazzi di Sacripanti che hanno un record di 4 vittorie e 7 sconfitte, con un 3-3 in casa e un 1-4 in trasferta (unica vittoria esterna a Caserta nella 7ª giornata). Detto questo, non ci si deve fare illusioni: i brianzoli verranno a Cremona per vincere, anche perché rimane aperto il discorso per l’ingresso alla Final Eight di Coppa Italia dove un club con il palmares di Cantù non può mancare. Ma questa è una grande occasione anche per la Vanoli, che al sesto anno nella massima categoria può centrare un obiettivo mai ottenuto in precedenza. Ma soprattutto c’è da tornare a vincere tra le mura amiche dopo l’inopinata sconfitta con Pesaro e anche per sistemare il bottino parziale interno che ha visto sin qui i biancoblu vincere sole due volte nelle cinque gare disputate al PalaRadi, mentre in trasferta si è vinto quattro volte su sei.

Una delle armi su cui coach Pancotto punta principalmente è quella della difesa, che bene si è comportata contro Bologna ma che può essere ancora migliorata. Non a caso ha insistito il tecnico su questo fondamentale, anche perché nelle fila di Cantù vi sono alcuni giocatori decisamente forti dal punto di vista tecnico (Darius Johnson-Odom, James Feldeine, Stefano Gentile, DeQuan Jones, Damian Hollis), senza dimenticare la notevole stazza fisica sotto canestro dei vari Giorgi Shermadini ed Eric Williams. Quella di venerdì non sarà certamente una gara come le altre per Marco Cusin, che a Cantù ha giocato nelle ultime due stagioni per poi venire ‘scaricato’ dal club canturino che ha deciso (anche per motivi di budget) di rinnovare parecchio il proprio roster in vista dell’attuale stagione. Dirigeranno l’incontro gli arbitri Carmelo Paternicò, Manuel Mazzoni e Denis Quarta

26 Dicembre 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000