il network

Domenica 11 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


PREVISIONI METEO

Blackout dell'afa, adesso caldo più sopportabile

Blackout dell'afa, adesso caldo più sopportabile

Relax al parco sotto il sole

“Il grande caldo smorza i toni grazie alla coda di una perturbazione che attenuerà in parte l'anticiclone africano, ma che non sarà sconfitto del tutto”. Lo dice in una nota il meteorologo di 3bmeteo.com Francesco Nucera, che aggiunge: “Si tratterà di una toccata e fuga di un po' di aria fresca che avrà il merito di fa scendere la calura che attanaglia l'Italia”. Mercoledì la perturbazione che ha attraversato il Centro Nord Europa coinvolgerà marginalmente il Nord Italia portando temporali, localmente forti, su Lombardia orientale e Nord Est. Continuerà invece a fare caldo sul resto d'Italia con punte di 36/38°C sui versanti adriatici. Giovedì refoli di aria fresca dilagheranno verso le regioni centro meridionali trascinando qualche temporale sulla dorsale specie adriatica, mentre non mancherà qualche fenomeno residuo al Nord tra pianure e Prealpi. I venti da Nord abbasseranno di qualche grado le temperature ed il tasso di umidità, di conseguenza il caldo sarà più sopportabile. Nel fine settimana tornerà l'alta pressione con sole e caldo in nuovo aumento, ma senza i picchi di calore degli ultimi giorni. Qualche temporale potrà invece interessare l'estremo Nord Est per il passaggio della coda di una perturbazione. E' una situazione opposta allo scorso anno quando sull'Italia transitava un treno di piovose perturbazioni. Quest'anno invece ci troviamo con una rimonta dell'alta pressione africana. “In tutte due i casi la colpa è dell'anticiclone delle Azzorre, una figura che in pratica è quasi scomparsa dalle nostre estati. La sua assenza può infatti causare situazione meteo estreme come fasi instabili e fresche oppure ondate di caldo che hanno la caratteristica non solo di essere durature, ma anche di spingersi su zone dove il caldo non è tanto di casa. Insomma - concludono da 3bmeteo - non esistono le mezze misure. Questo perché la circolazione atmosferica è mutata”.

08 Luglio 2015

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000