il network

Giovedì 29 Giugno 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


#DIRITTODICRITICA

"Il prezzo", le recensioni degli studenti

 "Il prezzo",  le recensioni degli studenti

CREMONA - "Il Prezzo": ecco le recensioni degli studenti.

Riccardo Baroni - V A liceo Scientifico Aselli - Il denaro posseduto da una persona rappresenta sicuramente qualcosa di più di un insieme di foglietti di carta svolazzanti. Tra i brividi di dominio e di affermazione sociale che il suo possesso o il suo desiderio inducono, si annidano i germi di un’approfondita analisi psicologica e sociale, che può essere colta con facilità ed esposta con chiarezza solo da un grande talento teatrale come quello di Arthur Miller, probabilmente il più grande drammaturgo americano del XX secolo con Tennessee Williams.
È proprio attorno a tale tematica centrale, infatti, che si sviluppa “il prezzo” rappresentato ieri al teatro Ponchielli dalla compagnia Umberto Orsini, che ha portato per prima tale capolavoro sulla scena italiana.
Il ritmo ben scandito del testo, il rivelarsi progressivo di dettagli sempre nuovi in grado di ribaltare il giudizio sui personaggi, i conflitti irresolubili in cui sembra impossibile scorgere il bandolo della matassa sono tutte caratteristiche pregevoli emerse dallo spettacolo, sufficienti già di per sé a darne un giudizio positivo.
Tuttavia è più che legittimo domandarsi se tali qualità siano da attribuire al solo testo o anche all’abilità attoriale: un’ipotesi, quest’ultima, decisamente poco probabile. Fatto salvo lo stesso Orsini, e in parte Massimo Popolizio, la recitazione è apparsa meccanica, artefatta e per tale motivo incapace di convincere appieno nelle scene iniziali, prive anche testualmente della capacità di coinvolgimento che ha caratterizzato invece il resto dello spettacolo.
In ogni caso, a patto di reggere la relativa pesantezza dei momenti iniziali, propedeutici alla comprensione dell’intera vicenda, non si può che scoprire una ricchezza ed una profondità nella caratterizzazione dei personaggi pressoché unica, ma soprattutto capace di essere trasmessa anche oltre i limiti oggettivi di una certa piattezza attoriale.
Questo accade, principalmente, a causa della molteplicità di piani relazionali ed emotivi che caratterizzano i quattro personaggi: il loro comportamento cambia in base all’interlocutore, ma in modo da metterne in luce i tratti fondamentali della personalità e, soprattutto, il rapporto col denaro, vera chiave di volta dello spettacolo se inteso nella complessità dei suoi risvolti psicologici e sociali.

Fabio Faverzani - V Classico liceo Vida - Una commedia “sotto voce”, non sottotono, quella messa in scena al Ponchielli il 7 e l’8 marzo, ore 20.30. Il regista Massimo Popolizio ha meritevolmente scelto di interpretare, con Umberto Orsini, Alvia Reale ed Elia Schilton, un testo ingiustamente dimenticato nelle edizioni italiane di Arthur Miller. “Alcuni anni fa, nella libreria del National Theatre di Londra mi capitò tra le mani The Price […] Fui catturato dal dialogo e dall’attualità della vicenda […] Decisi che avrei portato in scena la commedia solo se avessi trovato tre bravissimi attori nei ruoli principali […] I miei desideri si sono avverati”. Sono le parole di Orsini, riportate sul programma di sala. “Il prezzo” offre uno spaccato degli Usa all’indomani della crisi economica del ’29, lanciando uno sguardo critico sul mondo contemporaneo, dove tutto è sostituibile, dominato com’è dall’usa-e-getta: la moglie, il mobilio, la casa ecc. Il fatto che la storia prenda le mosse in una sola stanza, con la presenza di pochi personaggi, il minimalismo della scenografia (comò, tavoli e chi più ne ha, più ne metta, accatastati e coperti da un telo), l’assoluta mancanza di azione scenica (il testo viene portato avanti unicamente in forza dei dialoghi) per certi versi hanno reso più difficile reggere le luci della ribalta per un’ora e 40 minuti senza stancare il pubblico. Il risultato è stato convincente: applausi meritati soprattutto per Orsini e Popolizio (il protagonista Victor e il broker, Solomon, chiamato a stimare un prezzo per l’arredamento da vendere prima che il palazzo – che fa da teatro, pare il caso di dirlo, all’intera vicenda – venga demolito). Un uso maggiore di “effetti speciali”, se ben orchestrato, avrebbe valorizzato il testo (ci si è limitati all’impiego dei riflettori su alcuni singoli oggetti di scena, come il giradischi, piuttosto che agli echi infernali dei palazzi che venivano abbattuti nel quartiere, come unici apparati visivi e sonori). Si sono viste le potenzialità di qualche accorgimento tecnico al posto giusto, nel momento giusto, nel corso di questa stagione di prosa, per esempio con “Qualcuno volò sul nido del cuculo” e coi monologhi di Scanzi e di Marcorè. D’altronde, si tratterebbe di intervenire su un testo in Italia ancora praticamente inedito. È stato un esordio in punta di piedi, ma non per questo poco gradevole.

Andrea Colla - IV A RIM Ghisleri - “Qual è il prezzo finale per tutta questa roba?” “Dovrà pur valere qualcosa …” Queste, alcune affermazioni costanti, ripetitive, tanto importanti ed, allo stessa tempo inutili dello spettacolo “Il Prezzo”, pièce teatrale portata sul palcoscenico del teatro Ponchielli in data 7 ed 8 marzo per mano della “Compagnia Umberto Orsini”, sotto l’abile regia di Massimo Popolizio. Tra gli interpreti, 4 in totale, troviamo anche il noto e tanto conosciuto attore 82enne, fondatore del gruppo omonimo. Il testo, tradotto da Masolino d’Amico dalla versione inglese di Arthur Miller, racconta un episodio semplice e complicato, unico ed abituale di vita. Ci troviamo nella prima metà del secolo scorso, in America: qui Victor (Massimo Popolizio), un poliziotto cinquantenne di modestie condizioni, dovendo sgomberare l’appartamento del defunto padre (ricco imprenditore andato in miseria in seguito alla crisi del ’29) , chiama un anziano broker, Salomon (Umberto Orsini) per poter vendere oggetti e pezzi di mobilio. Un acceso dibattito fra i due, alla ricerca del prezzo perfetto, caratterizza la prima parte dello spettacolo: sarà questo solo il pretesto per considerazioni molto più profonde e nascoste nell’angolo più buio del cuore dei personaggi. Infatti, tutto cambia con l’arrivo di Walter (Elia Schilton), fratello del protagonista: realtà sepolte riaffioreranno in superficie, donando al pubblico un crescendo continuo di emozioni; tra verità taciute e crudeli menzogne, si giungerà ad un impensabile finale. Perché il prezzo più caro, in realtà, il protagonista l’ha già amaramente pagato. Una meravigliosa capacità attoriale ha caratterizzato tutta l’interpretazione, per un totale di 105 minuti di puro pathos: in particolare, credo si debba far un dovuto riconoscimento alla bravura del protagonista e regista, Massimo Popolizio, che è riuscito a rappresentare, grazie ad una straordinaria duttilità facciale, gli innumerevoli stati d’animo del personaggio chiave della vicenda. E si può forse scordarsi del grande maestro Orsini? Il vincitore del “David di Donatello”, apportando la sua esperienza e la sua tragica ironia, ha aiutato a migliorare uno spettacolo già di per sé gradevole. Un altro elemento fondamentale, grazie a Maurizio Balò, è stata certamente la scenografia. Ma anche la regia, le luci, i costumi. Tutto in generale. Che dire di più? Quando una parola vale più di mille: solo, bravi! 

18 Marzo 2017