il network

Lunedì 12 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


#DIRITTODICRITICA

'Moliere: la recita di Versailles', le recensioni degli studenti

'Moliere: la recita di Versailles', le recensioni degli studenti

Una scena di 'Moliere: la recita di Versailles'

CREMONA - 'Moliere: la recita di Versailles': ecco le recensioni degli studenti.

LUCREZIA BARISELLI- 5 LICEO VIDA

Un'opera al limite dell'estremo. Un funambolo tra il drammatico e il comico, una commedia del passato raccontata con parole moderne dove la recitazione e la realtà si mescolano creando un'atmosfera nuova e surreale. Paolo Rossi, o forse Molière oppure è Paolo Rossi che interpreta Molière, è il regista di un'opera che il re Luigi XIV gli ha commissionato entro poche ore. Risulta pressoché impossibile fare una critica teatrale di uno spettacolo improvvisato, ma di certo la bravura degli attori è da esaltare. Saper reggere un gioco di parallelismi e rimandi tra lo spettacolo, la compagnia di Molière e quella reale alternando personaggio, persona ed attore, spiegati nel prologo di Paolo Rossi, di certo non risulta semplice tanto che nemmeno il pubblico riesce più a distinguere le figure sul palco. Tra inconvenienti veri e colpi di scena studiati si sviluppa uno spettacolo sempre diverso, unico nel suo genere e di potente satira politica e sociale. Chiari riferimenti ad avvenimenti politici dei giorni nostri e rimandi agli intrighi della politica Francese alla corte di Re Luigi XIV, i personaggi che il drammaturgo vuole mettere in scena sono insegnamenti per il suo sovrano, ma anche per gli uomini di tutte le epoche. Lucia Vasini, compagna di Paolo Rossi per molti anni, porta sul palco la moglie di Molière e con una capacità interpretativa straordinaria riesce ad unire finzione e realtà in un gioco di specchi tale da rendere lo spettacolo arte pura. La musica, suonata in parte dal vivo, presenta i testi originali di Gianmaria Testa e si unisce a canzoni più famose tra cui Imagine di John Lennon, che portano l'opera ad essere a-temporale, in grado di far nascere un sorriso anche ai più scettici. “L'improvvisazione di Versailles” è stata tradotta e riadattata da Giampiero Solari su canovaccio di Stefano Massini, a cui Paolo Rossi ha dato un'importante impronta personale. La comicità della scena, aiutata da un ritmo serrato e continui scambi tra personaggi ed attori viene portata all'estremo fino a diventare drammatica, un finale dolce ed amaro allo stesso tempo. Uno spettacolo particolarmente apprezzato dal pubblico del teatro Ponchielli che ha applaudito diversi minuti, a ritmo di musica, le serate del 20 e 21 Febbraio.

RICCARDO BARONI – Liceo Scientifico Aselli VA

Un grande astro del teatro italiano come Paolo Rossi può permettersi qualsiasi cosa, dato che in ogni caso il risultato dello spettacolo dipende direttamente dalla sua figura, più che da quanto venga inscenato. ‘’Molière: la recita di Versailles’’ è, comunque, uno spettacolo degno della fama del suo protagonista, in cui non bisogna d’altro canto dimenticare l’ottimo comparto di attori e musicisti che gli orbitano attorno, brillando a volte di luce riflessa, a volte di un’irradiazione spontanea e solare. L’obiettivo, a dispetto del titolo, non consiste certo nel rappresentare un’opera del grande drammaturgo francese, ma nel trarre spunto dai testi e dagli aspetti salienti della sua emblematica figura per portare sul palco alcuni dei meccanismi scenici del teatro di ogni epoca, con il fine di smascherare le finzioni inconsapevoli su cui si basa la percezione comune di questa meravigliosa forma d’arte. Lo spettacolo, in scena ieri al teatro Ponchielli, si muove ondeggiando tra i livelli di personaggio, attore e persona, al cui interno scorrono, come in un etereo fluido, gli attori stessi, senza assumere mai una posizione definitiva che comprometta questa estrema libertà vitalistica, teatrale e metateatrale ad un tempo. Tutto ciò, almeno, avviene quando la comicità non si disperde in (si perdoni il francesismo) “cagate”, metaforiche o reali che siano; questa, però, lungi dall’ essere una critica alla compagnia teatrale, si rivolge invece al pubblico stesso, sulle cui reazioni qualche volta un po’ grossolane si è fondata la rappresentazione, in gran parte giocata sull’improvvisazione. Il risultato, per gli spettatori più inesperti, può, quindi, essere una certa confusione tra lazzi superflui ed espressioni esilaranti di principi fondamentali del teatro: potrebbe essere difficile comprendere, ad esempio, che azioni come il saltellare su una gamba sola in giro per il palco, con il fine di “occupare lo spazio”, si collocano ad un livello superiore rispetto a molte altre facezie, ma forse questo non è poi un gran male. Dopotutto, se l’obiettivo è divertirsi, in “Molière: la recita di Versailles” c’è comicità per tutti i gusti, pronta solo a sollecitare risate o riflessioni a seconda dell’occasione.


GIULIA CERATI– 3A LICEO LINGUISTICO MANIN

MOLIERE A MODO SUO. Mettiamo in scena L’improvvisazione di Versailles riscritta da Stefano Massini, il capocomico Paolo Rossi con la sua ironica compagnia e un regista di livello come Solari e il gioco è fatto! Voilà Molière. Tutto nasce dalla richiesta di Luigi XIV a Molière di creare una commedia per la sera stessa che fosse per la corte ma contro la corte. Ed è proprio da qui, con un teatro nel teatro, che nasce la storia del dietro le quinte di una compagnia che prova ad allestire uno spettacolo in poco tempo tra recitazione e improvvisazione. Paolo Rossi, così, con gli autori che “recitano improvvisando e improvvisano recitando”, crea il suo spettacolo alternandosi tra la figura di Molière e se stesso come “regista” della scena. Ecco che sul palcoscenico prende forma in un tutt’uno l’attore, il personaggio che lo evoca e la persona stessa, in un gioco continuo di recita, citazioni e naturalezza dando allo spettacolo un profondo senso d’innovazione a cui il pubblico risponde con entusiasmo, grandi risate e continui applausi. E’un modo diverso di fare teatro che mantiene il sapore del classico con un tocco di modernità in cui l’esigenza di maggior spontaneità porta gli attori a una recita più naturale, in una realtà quotidiana dove ormai tutti recitano, dai politici ai commercialisti e ai dottori e dove gli stessi attori sono quelli che recitano peggio (con copione). Lo spettacolo ha tutte le caratteristiche di un viaggio nel tempo-senza tempo, dal ‘600 a oggi in un continuo andirivieni tra il presente, “stai sereno!”, e il passato toccando capolavori quali Il Tartufo, Il malato immaginario (che chiuderà ironicamente lo spettacolo senza che Paolo Rossi-Molière muoia) e Il Misantropo. Da balli in abito ecclesiastico e saio, un Paolo Rossi papa vestito di bianco col cappello di Che Guevara a (riferimenti storici) bizzarri sui bagni di Versailles, si arriva a ironizzare su San Paolo che scriveva sempre ai Corinzi senza avere mai risposta, creando, così, uno spettacolo che cavalca l’onda divertita degli spettatori coinvolti personalmente nella scena. Dove finisce la finzione teatrale e inizia la vita reale? Non si sa quanto Paolo Rossi sia tale, personaggio o attore ed è questo che rende la sua rappresentazione unica di sera in sera. Ma... il cane sul palcoscenico ci sarà ancora nelle successive serate?

GIADA CESURA – 1C LICEO ASELLI

Un salto in politica, uno alla Reggia di Versailles del 1600 e perché no, uno in Vaticano. Queste le tappe previste dal tour di Paolo Rossi, andato in scena con “Molière: la recita di Versailles” lo scorso martedì sera al Ponchielli. L’artista, aiutato da altri attori, ha voluto mettere insieme la figura di Molière con il comico che c’è dentro di lui. A tratti si poteva osservare Paolo Rossi nella sua totalità, a volte Paolo Rossi che interpretava Molière. Durante lo spettacolo si potevano notare varie critiche sulla società odierna mascherate dietro ad apparenti battute. Nel primo atto ci si è concentrati sulla politica italiana e i suoi problemi, poi si è passati alle problematiche della corte di Versailles; il secondo atto si è aperto con tutti gli attori abbigliati con abiti religiosi: ora una suora, ora un parroco, ora ancora niente di meno che il Papa. Ovviamente dal contesto si può ben capire l’oggetto delle comiche di Paolo Rossi. Il pubblico ha apprezzato molto entrambi gli atti. Si poteva definire come un teatro nel teatro, delle prove di uno spettacolo alle quali ha assistito un teatro gremito. Dalla semplicità della scena si poteva veramente credere di star assistendo a delle prove. Si è presentato come uno spettacolo molto coinvolgente grazie anche alle interazioni degli attori con il pubblico. Un intreccio che ideologicamente risulta complicato è stato messo in scena in modo soddisfacente e completo, con quell’ironia che caratterizza Paolo Rossi. La piccola orchestra composta da quattro musicisti faceva da ciliegia su di una torta già perfetta. Un’idea ben realizzata e ben calibrata tra temi attuali e temi dell’opera originale di Molière. Una freschezza inaspettata.


BARBARA PEDRONI– 3A LICEO CLASSICO MANIN

“L’attore è un bicchiere di cristallo, il personaggio un vino pregiato, il sangue la persona. Se il bicchiere cade, i pezzi feriscono la persona. Ne esce sangue, che si mischia con il vino. In questo spettacolo tutto sarà confuso: il cristallo, il vino e il sangue”. È così che Paolo Rossi, sfidando gli spettatori a “capirci qualcosa”, presenta al pubblico “Molière: la recita di Versailles” di Giampiero Solari e Paolo Rossi: il personaggio e l’attore si confondono, la sottile linea che separa finzione e realtà è quasi impercettibile. Sarà lo stesso Paolo Rossi a dirigere le prove della sua compagnia di commedianti, ora nelle vesti di Molière, incaricato da re Luigi XIV a mettere in scena una rappresentazione in tempo brevissimo, ora nei panni di un un Papa/Che Guevara che amministra gli intrighi del Vaticano, ora di se stesso. Su tre pedane di legno, tre palcoscenici sovrapposti, il capocomico e la sua troupe, una sorta di famiglia allargata, mettono in scena improvvisando alcune delle opere più celebri di Molière: Il Misantropo, Il Tartufo e Il Malato immaginario. Su canovaccio di Stefano Massini, i dodici attori della stramba compagnia si muovono tra il palco e la platea, rendendo lo stesso pubblico protagonista dello spettacolo. Musiche originali eseguite dal vivo dai Virtuosi del Carso, balli improvvisati, metateatro, costumi settecenteschi e maschere grottesche, stralci della biografia di Molière, battute pungenti. Paolo Rossi regista, attore, comico e cantante è indubbiamente riuscito nel suo intento di riportare sul palcoscenico il teatro di strada, in un mondo in cui «Recitano tutti, i commercialisti, i dottori, i politici. Quelli che recitano peggio sono gli attori, se continuano a farlo alla vecchia maniera». A teatro dunque si parla di teatro, perché paradossalmente è proprio il palcoscenico il luogo in cui è più facile togliere la propria maschera.

28 Febbraio 2017