il network

Martedì 20 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Non c'è affetto senza rispetto. Forum all'Anguissola

Non c'è affetto senza rispetto. Forum all'Anguissola

La facciata dell'Anguissola

Ho giurato di non stare mai in silenzio, in qualunque luogo e in qualunque situazione in cui degli esseri umani siano costretti a subire sofferenze e umiliazioni''(Elie Wiesel).E' questa la citazione che ha fatto da sfondo all'incontro calendarizzato all’interno del progetto 'Affetto è rispetto', a cui due delle classi quarte del liceo delle Scienze Umane 'Sofonisba Anguissola' hanno partecipato, le quarte A e B. Non può esistere forma di amore che sia priva di rispetto: questa l’idea chiave che ha guidato le attività svolte nella mattinata. L'incontro si è svolto presso l'aula magna della scuola il 21 febbraio, per le cinque ore della giornata scolastica. Una prima parte prevedeva la visione del film 'Ti do i miei occhi' del regista spagnolo Iciar Bollain, seguita da un'attvità di gruppo destinata ad un dibattito e ad una riflessione. Per la seconda parte invece una testimonianza: la sig.ra Antonia Menclossi, insegnante in pensione, volontaria dell'associazione 'Donne contro la violenza' di Crema, ha dato una risposta ai numerosissimi interrogativi emersi riguardo il tema della 'Violenza sulle donne'. Ricca e coinvolgente, la testimonianza, ovviamente sempre attenta a garantire l’anonimato delle storie raccontate, ha permesso di incontrare metaforicamente le vite di donne, alcune delle quali “ce l’hanno fatta”, mentre altre no… ma tutte, a prescindere dall’epilogo più o meno roseo, sono entrate nel cuore e hanno toccato l’animo delle presenti. L’incontro calendarizzato aveva tra gli obiettivi quello di fare prevenzione tra i banchi di scuola: le studentesse hanno infatti avuto modo di capire che la violenza è un danno sociale che lascia nella donna una ferita grave e profonda, ma anche che ci sono sintomi che possono far intuire quando si ha a che fare con un possibile soggetto violento. Amore-possesso non è amore, alla base di quest'ultimo deve esserci il rispetto e qualora questo dovesse venire a mancare non si tratterebbe più di amore ma di un sentimento malato e anche il più azzurro di tutti i principi si tingerebbe di nero. Proprio per questo, parlarne è un primo passo per prevenire il problema, chiedere aiuto è fondamentale perché da sole non ce la si può fare... ''Dobbiamo sempre schierarci. La neutralità favorisce l'oppressore, mai la vittma. Il silenzio aiuta il carnefice, mai il torturato''.

27 Febbraio 2017