il network

Lunedì 24 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


#DIRITTODICRITICA

Le recensioni degli studenti di "Questo è il mio nome"

Le recensioni degli studenti di  "Questo è il mio nome"

CREMONA - Ecco le recensioni degli studenti di "Questo è il mio nome"

GIORGIA PACHE - 3a LICEO ASELLI - Storie diverse di cinque giovani migranti africani, accomunate dal forte senso di riscatto, di fiducia e di coraggio, si dipanano sul palcoscenico del Teatro Ponchielli la sera del 25 gennaio durante lo spettacolo “Questo è il mio nome”. I registi Monica Morini e Bernardino Bonzani del Teatro dell’Orsa di Reggio Emilia, nel progetto di laboratorio teatrale con alcuni richiedenti asilo, invitano il pubblico a cambiare prospettiva e ad aprirsi per una possibile integrazione con i migranti, persone con pari diritti e doveri. Ci si interroga sulla capacità di accettare il prossimo abbattendo pregiudizi e discriminazioni. Con una forte energia gli attori-non-attori comunicano le loro storie con estrema semplicità e spontaneità tanto che il pubblico, vivendo i momenti ricchi di emozione, ne resta commosso. In uno spazio privo di scenografia, a cui spesso non si è abituati, l’attenzione si focalizza sulla forza della parola, sulla gestualità pregnante e sui suoni dati da battiti di mani, di piedi e da un’alternarsi di canti africani a canzoni italiane come “mamma dammi 100lire”. Denso e corposo lo spettacolo rompe subito l’illusione scenica con un’improvvisa domanda legata alla felicità e prosegue poi con ordine scandendosi tra i ricordi, i sogni, le paure e le speranze della grande Odissea in mare. È un viaggio fatto di preparativi, di attese, di fatiche, di angosce, di dolore, di conquiste, di condivisioni, di aiuti, di morte. Si riaccendono elementi inscindibili con il ricordo del “viaggio di speranza” come la descrizione profonda del mare, la barca bucata, l’approdo in terra straniera e l’aiuto da parte di alcuni italiani. È pertanto un’Odissea di difficoltà in cui si pensa a sopravvivere e, nella dura corsa della vita, si impara a lottare come individui.  Dalla scena dell’uomo nero che si colora la faccia di bianco si passa all’interpretazione ironica del colore della pelle: un uomo di colore è sempre nero ma, un uomo bianco, abbronzato, malato o morto ha sempre colori diversi. Il teatro allora assume una dimensione sociale che fa riflettere con umorismo e amarezza sulla realtà che ci circonda. I ragazzi trasmettono con i loro sguardi coraggio per accettare il cambiamento con cui si impara a costruire un futuro collettivo di persone pronte a “tendere la mano al pazzo”, come dice un attore. Ognuno è infatti qualcuno e “ogni vita è una vita, ogni vita vale”.

LAURA LANFRANCHI- 2 GHISLERI - “Ogni vita è una vita e ogni vita vale”, una frase che rimane impressa nella mente di chi ha assistito allo spettacolo portato in scena dalla compagnia Teatro dell’Orsa al Ponchielli il 25 gennaio scorso. Il fenomeno della migrazione viene presentato attraverso il vissuto dei protagonisti, gente comune che diventa attore per l’occasione. Sono un gruppo di richiedenti asilo e rifugiati ospitati a Reggio Emilia, supportati per l’ideazione e la regia da Monica Morini e Bernardino Bonzani. Provengono da parti diverse del continente africano, Senegal, Costa d’Avorio, Guinea, Mali, Nigeria, Gambia, ma hanno fatto le stesse esperienze; la partenza, il distacco dalle origini, la paura del viaggio e il timore dell’ignoto. Le loro storie trasformano il palcoscenico e lo riempiono nonostante una scenografia essenziale, rendendolo un luogo di incontro tra mondi, culture, persone, per riscoprire la legge più antica del mondo, quella dell’ospitalità, difficile da realizzare a causa dei pregiudizi. I giovani raccontano di quando sono nati, di quando hanno visto il mare per la prima volta e attraverso le loro storie cresce la consapevolezza che ogni vita debba essere rispettata, protetta, aiutata a realizzarsi in qualsiasi parte del mondo si trovi. Significativa è la narrazione della preparazione del tè per il quale il punto di ritrovo è un ghetto, inteso come luogo dove c’è sempre qualcuno e nel quale ognuno porta qualcosa per la bevanda: acqua, zucchero, tè, mentuccia, in modo che il contributo di tutti serva per realizzare un prodotto del quale tutti possano poi averne una parte, anche se, come nella vita, una piccola goccia.

FABIO FAVERZANI- 5a LICEO VIDA - “Buonasera! Mi chiamo Ezekiel, vengo dalla Nigeria e ho 18 anni”. Potrebbe frequentare il quinto anno di scuola superiore. Mercoledì 25 gennaio, in vista della ‘Giornata della Memoria’ del 27, era al Ponchielli insieme ad altri quattro ragazzi: Ogochukwu, Djibril, Ousmane e Lamin. Seduti in platea? Macché, tutti insieme sul palco a mettere in scena uno spettacolo dai toni scanzonati, ma non per questo a corto di contenuti, in collaborazione col Comune di Reggio Emilia, con la Cooperativa Dimora d’Abramo, col progetto Sprar e col Centro d’Accoglienza Straordinaria. Monica Morini e Bernardino Bonzani hanno ideato, scritto e diretto una pièce che si è valsa il “Premio del Pubblico al 15° Festival di Resistenza, Premio Museo Cervi – Teatro per la Memoria”. “Questo è il mio nome” ha presentato la realtà del ghetto, non meccanicamente associato all’idea di emarginazione. Qui “c’è sempre qualcuno, non ci si sente mai soli”: contesto privilegiato della creazione collettiva. “Mi piacciono le canzoni che raccontano le storie antiche – spiega Ezekiel, all’incontro fra pubblico e artisti seguito a uno spettacolo di poco più di un’ora – Ho capito, quando sono arrivato in Italia, che quasi tutte ne portano. Quindi imparo e canto quasi tutte quelle che sento. È così che sto imparando l’italiano”: parole che, nella loro semplicità, dissolvono ogni traccia di luogo comune. Questi ragazzi provano di non aver bisogno di nessuno che nutra pietà e niente più nei loro confronti, non aspettano chissà quale “deus ex machina”. I protagonisti dell’integrazione sono proprio loro. “Come va?”, chiedono dal palco con una naturalezza da lasciare senza parole, eppure eccoli a insistere, finché non sentono rispondere due persone, tre, quattro: coinvolgerebbero l’intera platea. “Non siamo partiti dalle ferite: chi arriva non è solo portatore di dolore”, commenta la regista. “Voi siete felici? – è la domanda che ha aperto la serata – Una volta anch’io sono stato felice”. Basta un pomeriggio allo stadio. Il ricordo di un sorriso: quello della ragazza dei propri sogni. Ecco un match deludente diventare una vittoria personale, che rende questi ragazzi raggianti di entusiasmo. Uomini e donne, giovani e meno giovani, italiani ed extra-comunitari: l’obiettivo comune è diventare cittadini, non consumatori passivi. Se perseguendolo si strappa qualche risata, il risultato è garantito.

CHIARA GIAZZI – 3a LICEO MANIN - “Voi siete felici?”. Con questa domanda si apre Questo è il mio nome, lo spettacolo andato in scena mercoledì 25 gennaio al teatro Ponchielli. La rappresentazione nasce da un progetto per l’accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati ospitati a Reggio Emilia. Gli attori d’eccezione hanno portato sul palco di un Ponchielli gremito le loro storie e le loro speranze, non tanto per denunciare la loro situazione, ma per far riflettere. Ogochukwu, Djibril, Ousmane, Ezekiel e Lamin si sono raccontati con semplicità, riempiendo, con i loro canti, le loro danze, i colori dei loro costumi e la voglia di vivere, il palco, la cui scenografia era molto povera. Con un pizzico d’ironia gli attori hanno portato sul palco quella che è la condizione di milioni di rifugiati, scampati ad una traversata infernale e molto spesso cacciati dai Paesi nei quali cercavano una speranza. Con molta umiltà ognuno ha raccontato la storia, le sue speranze, andando oltre la semplice notizia di cronaca ma portando testimonianze di esperienze vissute sulla propria pelle, per insegnarci a guardare da un’altra prospettiva la condizione dei rifugiati. “Sono storie incise nella polvere e nella carne, scintille di memoria, passi protesi in avanti e occhi che guardano indietro”, affermano i due registi Monica Morini e Bernardino Bonzani. Questi ragazzi provenienti da Niger, Costa d’Avorio, Mali, Gambia, Senegal, portano nel loro bagaglio non solo le speranze ma anche i ricordi, i ricordi della propria famiglia, degli amici, dei profumi e dei suoni dei Paesi che sono costretti a lasciare e questi ricordi vivranno per sempre in loro, come la speranza di poter ritornare, un giorno, a casa. Questo è il mio nome ha ricevuto il Premio del Pubblico al 15° Festival di Resistenza, Premio Museo-Cervi-Teatro per la Memoria, grazie all’importante lavoro svolto e al grande impegno manifestato dagli attori. Sia la rappresentazione della mattina- alla quale hanno preso parte gruppi studenteschi- che quella serale sono state seguite da un dibattito molto interessante, durante il quale i cinque ragazzi hanno potuto rispondere a domande e curiosità del pubblico e raccontare le proprie storie. Elemento ricorrente è infatti il ricordo: “Forse uno muore solo se gli altri si dimenticano di lui, non dimenticare.”

CAMILLA CAPONI- 3a MANIN - Rosso, arancione, verde, blu e azzurro: le camicie dei cinque giovani migranti sub sahariani che dal palcoscenico arrivano efficacemente a parlare ai cuori degli spettatori. Questo è il mio nome è uno spettacolo che si apre con i colori sgargianti e i ricordi di una lontana felicità nella propria terra, di una casa che un giorno ti mormora nell’orecchio “Vattene, scappa, qualsiasi altro posto è più sicuro che qui”. Come Odisseo alla corte dei Feaci i ragazzi ci raccontano con canti e balli del loro viaggio, dello sbarco e di quella voce che ha spinto loro a prendere il largo nel mare quando ormai l’acqua era più sicura della terra. “Mamma mia dammi cento lire che in America voglio andar” questi ragazzi, che ci sembrano così distanti da noi e dalla nostra storia, ci ricordano che le paure che hanno provato non sono del tutto estranee a noi italiani. Ogni ragazzo è un colore diverso, è un sogno diverso, è una paura diversa, ogni ragazzo è una vita diversa, ma ogni vita vale. Uno spettacolo del Teatro dell’Orsa di Reggio Emilia che nasce dal laboratorio diretto da Monica Morini e Bernardino Bonzani che, finito lo spettacolo, parlano al pubblico insieme ai loro ragazzi e spiegano come il teatro sia per loro il modo migliore per esprimersi e far parlare direttamente le loro speranze e la loro voglia di mettersi in gioco, di diventare cittadini con diritti, ma soprattutto doveri, di poter definire la felicità. Nello spettacolo, con i loro canti energici e i balli vivaci e travolgenti, i cinque migranti divengono ragazzi che, con il loro passato sulle spalle, corrono e si danno da fare per arrivare verso un futuro. I giovani africani ringraziano calorosamente il pubblico, ma forse dovrebbero essere gli spettatori a ringraziarli per aver ricordato che nessuno muore, nessuna speranza è vana finché non si dimentica… Ogochkwu, Dijbril, Ousmane, Ezekiel e Lamin ci dicono “Questo è il mio nome, non dimenticarti di me” e ci lasciano dentro la loro storia, il loro presente e le aspettative di un futuro che riscaldano il cuore.

ANNALISA CORRADI – 3a LICEO MANIN Che cos’è la felicità? Quali sono le paure e i sogni di un ragazzo che si sente sussurrare dalle pareti della propria casa “Fuggi perché questo non è più un luogo sicuro per te”? Cinque giovani migranti con camicie di colori diversi, provenienti da altrettanti Paesi dall’Africa subsahariana, hanno provato a spiegarlo, mettendo in scena sul palco nudo del teatro Ponchielli lo spettacolo “Questo è il mio nome”. Il titolo, che esprime il desiderio dei ragazzi di rivendicare la loro identità, sottolinea con forza che dietro al nome delle persone ci sono la loro storia, la loro cultura e il loro background che non può e non deve per nessuna ragione essere mai cancellato. Lo spettacolo, anche se non strutturato in modo professionale, riesce ad emozionare, raccontando non tanto il drammatico viaggio dei migranti, quanto il loro desiderio di riscatto, il loro impegno e le opportunità offerte dalle persone che li hanno accolti, verso le quali esprimono sinceri sentimenti di riconoscenza. E come potremmo noi Italiani dimenticare il nostro passato e non condividere queste esperienze? Ce lo ricorda la canzone che fa da colonna sonora allo spettacolo: “Mamma mia dammi cento lire che in America voglio andar”, nella quale si narra la storia di emigrazione di una giovane, tragicamente conclusasi in mezzo al mare. Diretto ed allestito con pochi mezzi e tanto entusiasmo da Monica Morini e da Bernardino Bonzani, il racconto ha permesso agli spettatori di immedesimarsi nei protagonisti, rifugiati e richiedenti asilo, ospitati a Reggio Emilia, fino a far condividere il loro desiderio di rialzarsi e di concretizzare realmente un futuro migliore. Emozioni, racconti e storie sono emersi con passione al termine dello spettacolo durante un dibattito con i registi e gli attori, evidenza di un ruolo sociale che il teatro può svolgere con efficacia.

SILVIA ANDREA RUSSO 1 LICEO MANIN - “La morte si trova solo dove vi è dimenticanza”. Il 25 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria, il Teatro Ponchielli ha aperto le sue porte alle problematiche sociali attuali con lo spettacolo “Questo è il mio nome”. Sul palco cremonese hanno trovato casa, sotto la creatività e la regia di Monica Morini e Bernardino Bonzani, i vissuti di cinque rifugiati politici e richiedenti asilo a Reggio Emilia, cinque ragazzi provenienti da diversi Paesi africani, ognuno con un proprio bagaglio culturale, accompagnato semplicemente dal ricordo più dolce della propria vita. È stato un viaggio, quello intrapreso dal pubblico, alla scoperta del Mondo, ma anche del punto di vista di chi vive oltre la soglia. Tanti sono stati gli spunti di riflessione: dalla ricetta della vera felicità al dramma del mare, dalla toccante richiesta di oltrepassare la fatidica porta rossa di casa, ai sogni nel cassetto, dal desiderio di essere bianco, alla paura della morte. Eventi ripetutamente e quotidianamente alla ribalta sui giornali e diffusi da televisore e da internet, questa volta sono stati riproposti da chi ne porta vive le cicatrici sulla propria pelle. Brevi e semplici vicende, memorie di un’infanzia lontana e della traversata del Mediterraneo. Nel tessuto melodico delle sonorità africane, sottofondo dei ricordi dei cinque protagonisti, ha trovato spazio anche la musica italiana, con il canto popolare “Mamma mia dammi cento lire”, tassello storico del nostro dopoguerra, non più interpretato dall’immigrato italiano di allora ma dal migrante africano di oggi. Una fusione tra vissuti diversi, credenze diverse, culture diverse. L’accostamento di due uomini appartenenti a due realtà opposte e nello stesso tempo così vicine e simili nel momento del pericolo. A riempire il palco privo di scenografia solamente la saggezza di chi ha conosciuto veramente la paura, la tenacia di chi lotta per una vita migliore, l’ironia di chi ha sofferto, ma ha imparato a ridere. Uno spettacolo toccante, nella semplicità e nella tenerezza degli attori, un concentrato di emozioni estrapolate dalle esperienze degli stessi protagonisti, un grido di libertà, di uguaglianza, di identità. Non solo carne, su dei traballanti barconi tra la vita e la morte, ma uomini, uomini con un nome.

RICCARDO BARONI VA LICEO ASELLI - “Questo è il mio nome” è un monito gravoso, un appello, introdotto fin dal titolo, ad una consapevolezza umana troppo spesso soffocata. Tra cifre astratte, drammatizzazioni sentimentalistiche o, peggio ancora, propaganda xenofoba, si rischia di smarrire ogni contatto umano con la realtà sotto gli occhi di tutti, fino all’assurdo limite di vivere in un mondo creato, ex novo, dai mezzi di informazione: è quello che accade ogni giorno in Italia, dove i migranti, di cui tanto si dibatte, sono poco più che una presenza astratta, un velo impalpabile di cui si percepisce l’odore, ma non la consistenza. La loro corporeità ed espressività, invece, è emersa a viva forza ieri sera, sul palco del teatro Ponchielli, in un’occasione d’incontro veramente imperdibile: cinque giovani ragazzi africani hanno espresso con un’energia ed una vitalità uniche la loro esperienza, trasfigurata in un linguaggio simbolico semplice, ma efficace. Monica Morini e Bernardino Bonzani hanno guidato il progetto fin dagli albori, due anni fa, quando ancora i protagonisti non conoscevano una parola di italiano, ottenendo un risultato più che soddisfacente, capace di fondare le basi per un’interazione culturale altrimenti non facile. Il frutto è uno spettacolo breve, di soli 60 minuti, eppure estremamente denso. Non tanto per il contenuto, significativo ma elementare, quanto per la presenza scenica dei protagonisti: schietti, sinceri e comunicativi, ci ricordano un modo non solo di recitare, ma anche di vivere, spesso occultato dal peso schiacciante di una frenesia e di un’incomunicabilità tutte occidentali. Del resto il loro calore si è sprigionato anche a spettacolo ultimato, quando, a coronare la serata, si è tenuto un incontro direttamente in sala con protagonisti e registi che ha rivelato, oltre alla genesi dello spettacolo, un’intensa e rincuorante partecipazione del pubblico. Forse i migranti non sono solo carne stipata in barconi stracolmi, o solo vittime da compatire, come sembra a tratti suggerire la televisione, usando queste vite come pedine di una grande ragnatela politica: sono uomini, esattamente come noi. Ognuno di loro può e dovrebbe ricordarcelo, purché noi decidiamo di ascoltarlo, con una semplice frase: “Questo è il mio nome”.

NATHALIE ALQUATI BONISOLI - Teatro è rappresentazione, è intrattenimento, è espressione. Quando comunicare risulta difficile, subentrano le arti e il teatro, in prima posizione, spalanca le porte a chi ha bisogno di manifestare e di esprimere il proprio pensiero. Il 25 gennaio, presso il Teatro Ponchielli, il messaggio risuonava forte e chiaro, era il messaggio di cinque ragazzi che hanno visto nell’arte della recitazione la possibilità di raccontare e interpretare una realtà comune a migliaia d’individui. Sono le persone presenti ogni giorno nelle nostre case tramite la televisione e i giornali. Fanno parte delle nostre vite, eppure sappiamo così poco di loro e per questo la gente tende a omologarli attraverso tanti sostantivi dimenticandosi che anche loro hanno un nome. Questo è il mio nome, è il titolo dello spettacolo diretto da Monica Morini e Bernardino Bonzani, perché l’importanza del loro nome rivendica l’umanità e l’identità di ognuno di loro.  La Giornata della Memoria è alle porte e ci ricorda ancora una volta che qualcuno in passato aveva già tentato di strappare l’identità degli uomini classificandoli in numeri e spogliandoli di tutto ciò che erano. Questa rappresentazione teatrale non nasce per denunciare o per arrabbiarsi contro un sistema, nasce semplicemente dalla spontaneità di cinque ragazzi che hanno bisogno di trovare un contatto e portare tutte quelle persone, comodamente sedute nelle poltrone della platea, nel più profondo della loro storia. Parlano di felicità, di sogni, ridono e ballano accompagnati da musica che si alterna tra ritmi africani e canzoni popolari italiane, il pubblico ride e si diverte. Questa, però, non è una commedia, è una delle storie più reali e drammatiche dei giorni nostri: è il racconto di chi ora ride dopo aver superato le insidie del deserto, dopo aver visto il mare inghiottire altri esseri umani, di chi ha lottato e di chi non ha perso la speranza. È un nuovo giorno, è una nuova vita per me, e mi sento bene cantava Nina Simone sulle note di Feeling good, e questi ragazzi hanno avuto la possibilità di costruirsi una nuova vita dopo che la loro terra non era più un posto sicuro per loro. Ora stanno bene, non sono più su quel gommone che oscillava tra la vita e la morte, sono qui per ricordare la loro vicenda e per invitare a una riflessione profonda riguardante una delle più grandi emergenze umanitarie del nostro secolo.

MARIA FRANCESCA DI LAURO – 3a LICEO MANIN - Cinque ragazzi immigrati in Italia provenienti da Paesi e realtà differenti si sono impegnati a mettere in scena il loro vissuto la sera di mercoledì 25 gennaio presso il teatro Amilcare Ponchielli. "Questo è il mio nome", rappresentazione teatrale con tema principale l'immigrazione, è già oggetto di discussioni, apprezzamenti e critiche ancora prima del suo inizio. L'originalità del metodo interpretativo dei ragazzi, totalmente privi di esperienza in questo settore, gioca a loro favore, contrariamente ad ogni aspettativa. L'autoironia e gli stereotipi esasperati fino alla nausea rendono lo spettacolo ridondante ma dai concetti molto chiari e diretti, schiettezza che risulta punto cardine dello spettacolo ed uno dei suo aspetti più facilmente apprezzabili. Un giovane che si spoglia di sé stesso per vestirsi di qualcun'altro col solo fine omologarsi al mondo occidentale e si dipinge il volto di bianco, lascia l'amaro in bocca e la mente piena di interessanti spunti di riflessione. Ricchi di speranza e gioia, questi ragazzi trasmettono una pienezza di vita e di felicità provata nel viverla che alla maggior parte di noi risulta ignota o quantomeno inusuale. Scarna, cruda e diretta, la pièce teatrale pone l'attenzione su temi già più volte discussi ,tuttavia letti in chiave diversa ed inedita. La morte, compagna di viaggio e di vita, accomuna i migranti come il mare che li culla nello stesso modo in cui era solita cullarli la madre. Pieno di identità personale e privo di pretese tecniche o scenografiche, "Questo è il mio nome" si fa ricordare. Dal successo quasi scontato grazie ai temi trattati, è in grado, al tempo stesso, di sorprendere e deludere, portando lo spettatore a dimenticarsi di tutto, ma non della sofferenza che, tramite esperienze e racconti, è riuscito a trasmettere e incastonare nella memoria di ciascuno.

03 Febbraio 2017

Commenti all'articolo

  • BONZANI

    2017/02/12 - 01:01

    Leggere le recensioni degli studenti allo spettacolo Questo è il mio nome del 25 gennaio scorso al Teatro Ponchielli di Cremona ci riempie di gratitudine e soddisfazione. Ognuno di loro riporta uno sguardo competente e attento ai contenuti. Grazie ragazzi! Le vostre recensioni valgono dieci volte di più quelle dei vecchi critici tromboni. La freschezza delle riflessioni e l'autenticità dei sentimenti mossi ci danno nuovo vigore per continuare nel nostro lavoro artistico. Bernardino Bonzani Teatro dell'Orsa

    Rispondi