il network

Sabato 17 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


#DIRITTODICRITICA

Le recensioni degli studenti di 'Ivanov'

Le recensioni degli studenti di 'Ivanov'

CREMONA - Ecco le recensioni degli studenti di 'Ivanov'.

LUCREZIA BARISELLI - V LICEO VIDA Arrogante e insicuro. Innamorato e apatico. Una mente affollata di un uomo che si sente solo. Questo è l’ Ivanov di Čechov messo in scena da Filippo Dini. Sul palco da solo mentre legge un libro Nicolaj accoglie il pubblico senza rompere la quarta parete, perso tra le parole del libro o forse tra i suoi pensieri. Con le luci ancora accese in teatro, un uomo gli si avvicina da dietro, prende la pistola dal tavolo e gliela punta alla testa. È forse la fine? Oppure è solo il suo inizio? Borkin non spara e da questo gesto gli spettatori capiscono che la storia deve ancora iniziare. Ivanov è un uomo ormai adulto, ma con un comportamento ancora infantile, è certo di non amare più sua moglie Anna, che per lui ha rinunciato a tutto, famiglia religione e perfino salute, ed anche di provare sentimenti. Il tutto cambia quando la scena si sposta dall’esterno della casa di Nicolaj, all’interno di un salotto ben arredato di una famiglia facoltosa, la cui figlia Saša è perdutamente innamorata del protagonista. Il medico personale della moglie di Nicolaj è L’Vov, sempre alla ricerca della giustizia in ogni cosa, che cerca di mettere al corrente tutti della verità, ma questo porterà ad un finale tragico. La scenografia è semplice e classica, atemporale come la storia raccontata tra tradimenti e colpi di scena, i costumi sono un insieme di ere, dai primi anni del 1900 fino agli anni Cinquanta, per raccontare la borghesia russa tardo Ottocentesca. La bravura e semplicità con cui gli attori portano in scena un’opera così ricca di significati e così profonda lascia senza parole. Una prova magistrale messa in atto per due sere, il 18 e 19 gennaio, al Teatro Ponchielli di Cremona.

FABIO FAVERZANI - V LICEO VIDA "Chiudetevi nel vostro piccolo guscio e cercate di portare a termine il compito che Dio vi ha affidato”, pontifica Nikolaj. È un microcosmo atrofizzato dalla noia, dalla collera e dalla pazzia, quello che ha popolato il palco del Ponchielli, martedì 17 e mercoledì 18 gennaio, ore 20.30. Tre ore di drammi e di battute velenose, sensi di colpa e recriminazioni reciproche, complessi mentali e tresche amorose. Uno spettacolo che ha conquistato il Premio le Maschere del Teatro per la Miglior Regia e il Premio della Critica ANCT a Orietta Notari, entrambi nel 2016. Un gruppo di attori più che validi: azzeccate le “maschere” date da indossare al loro animo da artisti, adeguate alla capacità teatrali di ognuno di loro; studiata e carica di passione la loro recitazione, senza mai scadere però in un tipo di gestualità innaturale e fuori luogo; verosimili i caratteri portati sulla scena. A capitanare tutti loro, Filippo Dini. È stata questa, in sintesi, la messa in scena di “Ivanov”, opera teatrale scritta nel 1887 da un ventisettenne Anton Čechov. “Ti supplico: permettimi di uscire di casa di sera. È un’ingiustizia, lo so, ma permettimi di commettere quest’ingiustizia”, sono le parole di Nikolaj, disperatamente egoista ed egoisticamente disperato, alla moglie Anna, malata di tubercolosi, bisognosa di cure e di compagnia. La morte della donna lo butta fra le braccia dell’amante Saša. Contemporaneamente però lo dà in pasto a un doloroso e irrazionale rimorso. “C’è qualcosa di morboso, di delirante in tutto questo. Dio mio, come mi sento in colpa”. “Di cosa?”. “Non so”. Come un flagello di Dio o un novello vaso di Pandora, semina malumori ovunque vada. Il fragilissimo equilibrio fra gli animi dei due amanti arriva a un punto di rottura nel giorno delle nozze, quello scelto da Ivanov per portare sulla scena il proprio suicidio. Passaggio sul quale si è focalizzata la maestria registica di Filippo Dini, che ha operato una scelta stilistica molto efficace, quasi da sequenza cinematografica: gli attori che sembrano muoversi al rallentatore, in un’effusione di note lugubri, mentre i riflettori sul palcoscenico vanno lentamente spegnendosi. Per quanto interessante possa essere stato, non si può dire che fosse un testo alla portata di tutti, tant’è che alcuni spettatori hanno scelto di lasciare la platea a metà serata. 

GIULIA CERATI-III LICEO MANIN Il 18 gennaio è andata in scena al Teatro Ponchielli la commedia “Ivanov” di Cechov, che ha visto come regista e protagonista Filippo Dini. Un leggero cicaleggio aleggiava già in teatro intanto che gli spettatori si accingevano a prendere posto, mentre sul palcoscenico, a luci accese, aveva dapprima preso posto Ivanov, seduto ad un tavolo ed intento a leggere nervosamente un libro. Piccolo proprietario terriero ed intellettuale di provincia, si ritrova ad aver perso quell’impeto di vita che era da sempre motivo di ammirazione delle persone a lui vicine. Lo stesso Ivanov si definisce “l’uomo inutile”, incapace di vivere e dare un senso alle giornate con un’inadeguatezza di fondo che lo rende impotente e disinteressato verso tutto e tutti, persino nei confronti della moglie Ania che, per amore incondizionato nei suoi confronti, aveva abbandonato la sua famiglia e la religione ebraica. Neppure la malattia e la sua successiva morte smuoveranno l’animo ormai svuotato del protagonista, pronto a sposare la figlia dei ricchi vicini, Sasha, in un’atmosfera di ozio in cui sembrano vivere tutti i personaggi della commedia tra una partita di carte e l’altra. Anche questa volta, però, Ivanov fuggirà alle proprie responsabilità sentendosi come sempre inadeguato nei confronti della ragazza ormai prossima alle nozze e, riconoscendo il sacrificio di quest’ultima nei suoi confronti, si spara con un colpo di pistola. Un gesto, questo, che lascia nello stupore chi assiste alla scena: i genitori della sposa quasi sollevati dal triste evento, l’arrampicatrice sociale pronta a sposare lo zio ormai “fuso” per avere il titolo di contessa, il dottore ossessionato dal far perseguire sempre ciò che è giusto, il chiacchierone furfante sempre pronto ad insegnare come arricchirsi ai danni degli altri.Un’ impotenza di fondo che coinvolge tutti ma che viene smossa dalla morte del protagonista quasi voglia essere una speranza di rinascita per tutta l’umanità. È così che si conclude lo spettacolo, a volte un po’ troppo lento nel susseguirsi degli eventi, con una rappresentazione lineare che non ha risparmiato comunque qualche risata dello scarso pubblico presente.

03 Aprile 2017