il network

Sabato 22 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


#DIRITTODICRITICA

Le recensioni degli studenti di 'Venere in pelliccia'

Le recensioni degli studenti di 'Venere in pelliccia'

Sabrina Impacciatore in 'Venere in pelliccia'

CREMONA - Ecco le recensioni degli studenti di Venere in pelliccia.

RICCARDO BARONI - Delle risate irritanti riempiono la sala, mentre viene spontaneo chiedersi: ”Ma cosa ci sarà mai da ridere?” A parte qualche battuta veramente azzeccata, c’è proprio poco di genuinamente comico in “Venere in pelliccia” in scena al Ponchielli, al punto che non è ben distinguibile il limite tra un ipotetico cattivo gusto del regista e protagonista Valter Malosti e la sicura superficialità umoristica del pubblico. Il linguaggio sboccato di Vanda Jordan (Sabrina Impacciatore)  è probabilmente molto più di una rozza forma d’esagerazione da commedia dell’arte, dato che il palese senso di finzione lascia ben presto il posto ad un cambiamento lento e sottile, che rivela progressivamente l’essenza del personaggio misterioso da lei incarnato. Peccato che l’abilità di Sabrina Impacciatore nel calarsi all’interno del proprio ruolo sia vanificata dalla debole interpretazione di Malosti, rendendo impossibile un reale coinvolgimento emotivo. È pur vero che gli attori devono fingere di recitare, essendo lo spettacolo un’audizione ricostruita, ma il passaggio dal tono fittizio all’assenza di intenzione scenica è assai breve, come risulta dall’algida freddezza di Malosti. Su di lui il fascino esercitato dalla provocante Vanda non sembra avere più effetto di quello esercitato sul legno del palco, con un risultato decisamente pessimo: lo spettacolo non decolla mai, perché l’indifferenza del protagonista maschile è assolutamente contagiosa. Opinabile è però anche l’uso della musica, che si risolve in una sorta di commento sonoro-emotivo da opera lirica, senza che ci sia né una pari intensità passionale, né un aperto dileggio di tale linguaggio: anche in questo caso, quindi, prevale un amorfismo emotivo decisamente soporifero. Dispiace che l’idea di base, un incontro- scontro tra un regista in cerca di un’attrice e una donna almeno in apparenza volgare, pronta a tutto per ottenere la parte, sia dissipata così, anche perché gli spunti di riflessione non sono affatto pochi, né superficiali. Dal maschilismo ancora subdolamente presente nella società contemporanea al ruolo dell’artista, in particolare dell’autore di teatro, le idee non mancano: la banalità in cui rischiano di cadere è frutto di una scarsa comunicatività, non d’assenza di pensiero; peccato che senza coinvolgimento emotivo, un buon libro di filosofia letto tra le coperte di casa sia meglio di una rappresentazione in palcoscenico.

ADRIANO VOLTINI - Mercoledì 11 Gennaio, al Teatro Amilcare Ponchielli di Cremona, è andato in scena “Venere in pelliccia” di David Ives, interpreti Sabrina Impacciatore e Valter Malosti; quest’ultimo ha curato anche la regia e l’adattamento. In un atto unico di novanta minuti i due protagonisti si muovono su una scena scarna che favorisce la loro duplice e crescente interpretazione, caratteristica pregnante del dramma; la trama alterna scene del libro omonimo di Masoch e scene inedite scritte da Ives. Partendo da una sala predisposta per un provino, dove un’attrice sboccata e disperata cerca di convincere un regista perso più che mai nella sua arte a darle la parte di Wanda Von Dunajew nella rappresentazione teatrale della “Venere in Pelliccia”, si arriva ad un hotel di fine Ottocento dove i due protagonisti vivono la loro esperienza d’amore mostrata nella sua forma più erotica, passionale e controversa. Il ritmo è incalzante ed i due ruoli si scardinano da un’idea di “unico personaggio”, entrando in un’atmosfera di atemporalità totale e ancestrale. Essi si incontrano, si scontrano, si confondono e infine si scambiano anche di ruolo; un gioco che termina con un finale enigmatico, che interroga indirettamente lo spettatore nel profondo, su eros e thanatos, su potere e morale, passando anche attraverso il sempre dibattuto e attuale discorso relativo alla parità dei sessi. Una pelliccia che in realtà diventa sinonimo di una femminilità intera e che passa attraverso i molteplici ruoli, da Venere a Wanda. Un metateatro che convince con tutta la sua poetica e psicologia, una rappresentazione introspettiva accompagnata da un’interpretazione magistrale, mai interrotta e senza cambi di scena. Lodevoli l’adattamento e gli aspetti tecnici, un palco mai vuoto nonostante la scarsità di elementi scenici. Giudizio: “deliziosamente angosciante”.

ANDREA COLLA - 2 GHISLERI - Mercoledì 11 gennaio 2017 al teatro “Amilcare Ponchielli” si è tenuto lo spettacolo “Venere in pelliccia”, pièce teatrale di David Ives, diretta e riadattata dal regista ed attore Valter Malosti affiancato dall’attrice Sabrina Impacciatore. L’esilarante commedia, rappresentata in Italia per la prima volta, racconta dello strano rapporto fra un regista e la sua attrice. Lei, Lui e una perversa e perfetta altalena fra realtà e finzione, separate da un semplice e sottilissimo filo di lana. Lui, Valter Malosti: un uomo abitudinario, innamorato della fidanzata ed alla ricerca dell’attrice perfetta nel ruolo di Wanda Von Dunayev per la sua rappresentazione di “Venere in pelliccia”. Lei, Vanda Jordan ( interpretata da Sabrina Impacciatore): una giovane donna, scurrile nei modi e nelle parole ma dotata di capacità attoriale ed interpretativa impensabile, che convincerà lo scettico regista a farne la sua “Venere”. Un divertente spettacolo nello spettacolo, dove i fili del vero e del falso si scambiano, si ingarbugliano, facendo restare il pubblico con l’occhio incollato al palcoscenico fino al macabro ed impensabile finale. I temi affrontati in questo spettacolo sono certamente vari, se valutati con un occhio critico: la sensualità e la perversione costituiscono una parte preponderante, naturalmente, ma non sono le uniche tematiche. Ad esse si affianca il rispetto per i diritti della donna. Il testo, in qualche modo, vuole cercare di eliminare uno stereotipo antiquato, che vede la donna come un essere inutile e causa di tutti i problemi. Bisogna inoltre riconoscere la bravura dei due ed unici attori: sono riusciti, pur utilizzando una scenografia relativamente scarna (costituita da un tavolo, un divano, un palo ed alcune tende), a rendere il senso dell’opera. Questo anche grazie alla loro duttilità mimica ed interpretativa, che ha saputo non solo suscitare continua curiosità nello spettatore, ma anche portare alla luce le mille “maschere” dei due interpreti. Di Sabrina Impacciatore in particolare. Che dire di più? Solo, complimenti.

ANNA FIAMENI - Una pelliccia. Una pelliccia morbida. Si tratta proprio del fulcro attorno al quale ruota e si sviluppa il racconto portato in scena da Valter Malosti nella rappresentazione teatrale andata in scena l’11 gennaio. Un storia complicata ed intricata: un regista che cerca l’attrice perfetta per il suo adattamento del romanzo di Leopold von Sacher Masoch e una ragazza spontanea e rozza che, nonostante il ritardo all’audizione, lo convince a farla recitare. Inaspettatamente la giovane si trasforma nella sensazionale protagonista Wanda Von Dunayev, incarnazione della Venere, che si mostra all’uomo vestita solo di una pelliccia, per vendicare un torto subito, con la giusta combinazione di sensualità e determinazione. Tra i due personaggi dell’opera nasce un rapporto di confidenza che infine sfocia in un insistente gioco di dominio e sottomissione, di ambiguità e seduzione che lega la realtà della storia alla recitazione della parte. Si tratta di due dimensioni distinguibili solo dal cambiamento di voce di Vanda che si alternano continuamente fino al punto di mescolarsi, sovrapporsi e confondersi, introducendo una dimensione psicologica complicata e affascinante: un continuo mutamento di identità, di voci, di luci e di costumi e, naturalmente, la presenza di una pelliccia. Della pelliccia. Quell’indumento semplice, che nella mente del personaggio maschile messo in scena dal regista e forse in quella del regista stesso, rappresenta un ricordo della sua tragica infanzia, ma che allo stesso tempo funge da simbolo di un doloroso piacere che l’uomo cerca continuamente di rivivere. L’impercettibile limite tra comicità e tragedia, tra reale e finzione, tra pazzia e ragione conferisce allo spettatore un senso di momentaneo, ma piacevole smarrimento che gli consente di essere trasportato dalla storia stessa, di indagare nella profondità del proprio essere e di venire allo stesso tempo sorpreso dall’imprevedibilità degli avvenimenti. Così, lasciando guidare dalla straordinaria bravura di Sabrina Impacciatore e Valter Malosti, arriva a comprendere il significato più profondo dello spettacolo, che va oltre la volgarità del linguaggio, utilizzata in questo sensuale gioco di attrazioni che porta metaforicamente a mettere a nudo la vera identità di Vanda, vestendola solamente della simbolica pelliccia.

ANNALISA CORRADI - Scambi di ruoli, realtà e finzione, dominazione e dipendenza, citazioni delle Baccanti di Euripide e della Bibbia: è questo il mix di elementi che ha reso coinvolgente la commedia “Venere in pelliccia”, spettacolo portato in scena mercoledì 11 gennaio al Ponchielli dall’attrice Sabrina Impacciatore e dal regista – attore Valter Malosti. La scena si apre sul palcoscenico di uno squallido teatro, con il protagonista maschile, Valter Malosti che, come Thomas Novachek, regista e autore di una nuova commedia, è alla ricerca di un’attrice per il suo adattamento del romanzo ottocentesco “Venere in pelliccia”. Al termine di una giornata di audizioni che non hanno avuto successo, proprio mentre il regista sta per lasciare il teatro, irrompe con prepotenza sulla scena Vanda Jordan: tacchi alti, abbigliamento volgare, linguaggio sboccato. Anche se apparentemente inadeguata, con fare intraprendente e sfacciato, costringe il regista a farle un’audizione e si scatena di fronte a lui in un vortice di energia e di ambizione. Vanda stupisce Valter, dimostrandogli di conoscere bene la storia e la psicologia dei personaggi; con il suo fascino misterioso lo seduce e mette in crisi la sua personalità, facendo emergere i suoi desideri sepolti nel subconscio. E’ Vanda che decide quando recitare e quando interrompere la recitazione, decide come regolare le luci di scena, procura gli accessori e i costumi ma soprattutto mette in discussione il testo della commedia e Valter perde sempre più la volontà di opporsi a lei, che non a caso, si chiama proprio come la protagonista dell’opera teatrale. L’attrice seduce e comanda il regista, che verrà umiliato e annullato dal suo potere, al punto tale da ridursi ad interpretare lui stesso Vanda. La conclusione è un inno alla rivendicazione del potere femminile: nel masochismo, diversamente da ciò che appare, l’uomo si finge sottomesso e continua a condurre il gioco pretendendo dalla donna comportamenti decisi da lui. Vanda, Venere in pelliccia, ribalta questa situazione e si prende il potere di umiliare l’uomo: il regista diventa attore e assume un ruolo subalterno, diretto da Vanda, vera padrona della scena, sedotto dalla forza della sua recitazione. E così la donna, da sempre sottomessa, impone il proprio dominio sull’uomo, talmente soggiogato da accettare qualsiasi umiliazione senza reagire e, nella scena finale Vanda se ne va indifferente fra i tuoni e i fulmini di un acquazzone, dopo averlo truccato e vestito da donna, nonché legato al palo, che ha dominato la scena per tutto il tempo della recitazione. Convincenti entrambi gli attori, ma una nota di merito va alla recitazione della brava Sabrina Impacciatore, spigliata e convincente, che ha dato buona prova delle sue capacità interpretative.

LORENZO BOCCACCIA - Rosso il pavimento, rosso il tavolino; rosso il divanetto e rossa la luce, tanto erotica quanto angosciante, che illumina ancora gli occhi degli spettatori di un Ponchielli quasi gremito quando il sipario, anch'esso rosso, nascondendo dietro di sé l'angusta sala prove, dà via libera alla scrosciante cascata di applausi che si riversa sulla performance attoriale di Valter Malosti e della provocante Sabrina Impacciatore. Nella tarda serata di un comune e inconcludente giorno di audizioni per lo spettacolo Venere in Pelliccia, il regista, in cerca della giusta interprete per la protagonista Wanda Von Dunayev, accoglie di malavoglia l'ultima attrice, presentatasi ben oltre l'orario consentito: una certa Vanda Jordan, ragazza rozza e sboccata, distinta dal leggero (si fa per dire) accento romanesco. Nel concederle una chance è costretto ad interpretare la parte maschile di Severin, uomo che trova l'estremo piacere amoroso nella sofferenza, fisica e psicologica, e nella sottomissione. Vanda appare inizialmente una sorta di "Dr Jekyll and Mr.Hide", una figura dalla personalità doppia la cui volgare naturalezza erompe troncando momenti di magica e impeccabile immedesimazione nel personaggio, come nel tentativo di rimarcare il netto confine che esiste tra finzione e realtà. L'effetto di straniamento prodotto dalla risata si rivela tuttavia progressivamente inefficace nel salvaguardare questo limite, e, poco a poco, il piano della recitazione si confonde in quello della vita reale: di qui una continua inversione di ruoli e una costante inchiesta sulla vera identità del regista, reso via via schiavo, e di Vanda, la quale tira le fila di un'ambigua lotta di potere e seduzione che si spegne solo quando Valter crolla soggiogato dal sortilegio e si ritrova incatenato. Ella, dopo aver declamato i versi delle Baccanti di Euripide, abbandona, soddisfatta, la scena. Venere ha ottenuto la sua vendetta. Uno spettacolo alquanto ex lege ma non per questo fuori luogo, in grado di suscitare un climax ascendente di riflessione e interrogazione personale, sul contrasto tra il ruolo che impersoniamo e chi invece siamo effettivamente. Il tutto è condito da un travolgente gioco di luci, che include effetti stroboscopici, e da un discreto comparto di suoni che accompagna i gesti mimati degli attori. Da non perdere. 

DARIO DESTER - In una diroccata sala prove è successo l’inverosimile grazie ai due protagonisti Valter Malosti e Sabrina Impacciatore. Verso l’ora di cena nella sala il regista della Venere in pelliccia sta per andare dalla sua fidanzata dopo una lunga giornata di audizioni, quando all’improvviso arriva Vanda Jordan (nome d’arte). La donna è una ragazza scurrile e poco adeguata alla situazione, già da subito si capisce la sua determinazione. Dopo poco che è entrata nella sala prove i due protagonisti sotto esortazione della ragazza iniziano a provare il copione. Tra i due inizia uno scambio vivace di battute che verso la fine si fanno anche sensuali e spinte, infatti il regista ha adattato la versione originale di Von Sacher Masoch. C’è una atmosfera molto tesa tra la brutalità e il mistero. Questo ci fa riflettere sul fatto che nel teatro sono sufficienti due personaggi per rendere tutto intrigante, misterioso e molto riflessivo soprattutto nel finale quando il regista si veste da donna con abiti tipici del ‘800 e viene legato alla tubatura rotta della sala prova da Vanda Jordan che interpreta la protagonista Wanda Von Dunayen. Il regista si chiede chi è veramente Vanda Jordan e come ha fatto a sapere già tutta la parte a memoria dal momento che il copione originale lo aveva solo lui. Forse era una vera attrice o forse era stata mandata dalla sua fidanzata per controllare se il loro amore era ancora stabile? Inoltre il finale molto crudo e quasi inaspettato ha lasciato il pubblico senza fiato. Il regista ha fatto dunque un lavoro di adattamento straordinario che ha lasciato tutti molto sorpresi e dopo il finale infatti è scoppiato un grande plauso. Il giusto equilibrio tra pesante e leggero che ha reso il pubblico soddisfatto e per una squadra di sole due persone è stato un grande traguardo. Sabrina Impacciatore molto brava nei suoi due ruoli di Venere e di ragazza rozza che cerca un lavoro, lavoro molto difficile quello di cambiare soggetto nella stessa scena. I complimenti vanno anche a Valter Malosti, molto bravo nel suo compito di regista e di protagonista.

FABIO FAVERZANI – 5 LICEO VIDA - Il “dietro le quinte” portato sul palcoscenico. Si tratta di “Venere in pelliccia”, di David Ives: non tanto l’adattamento teatrale dell’omonimo romanzo di Leopold von Sacher Masoch, quanto la messa in scena di ciò che rimane di solito celato agli occhi del pubblico. Nascosto dal sipario; dalle “maschere” indossate dall’ attore, a coprire volto e animo; dall’ostinata volontà di non identificarsi coi personaggi frutto della propria penna. Un provino a dare il via a un singolare gioco delle parti. I brillanti dialoghi fra due soli personaggi a dettare il ritmo di un’ora e mezza di spettacolo. Il loro animo, le loro inquietudini, le loro ambiguità a fornire la “materia prima” di una complessa e interessante introspezione. Una sola scenografia, a fare da scenario all’intera serata. Valter Malosti ha firmato la regia e interpretato questa prova d’artista, messa in scena al Ponchielli mercoledì 11 gennaio. Già aveva preso parte alla stagione di prosa dello scorso anno, con la rivisitazione de “Il berretto a sonagli” di Luigi Pirandello. Questa volta, affiancato da Sabrina Impacciatore, ha vestito i panni di un regista, in cerca di un’attrice nel ruolo di Wanda von Dunayev, protagonista del testo che dà il titolo allo spettacolo. A bussare alla sua porta, ecco Vanda Jordan: volgare, scostumata, impertinente e pure in ritardo per il provino. Dopo un iniziale rifiuto, Malosti (sul palcoscenico nei panni di se stesso) prende atto del talento della giovane, se ne lascia incantare e ne accetta le condizioni: si finisce coll’interpretare l’uno il testo dell’altra e addirittura coll’identificarsi e confondersi con i personaggi dell’opera. “Io sono una pagana, una greca, non come i moderni, nelle loro menti, e nemmeno come i cristiani, sulle loro croci. Io sono io, qui, in questo momento”. “Non posso che rispettare la vostra devozione a questi principi”. “Non me ne faccio niente del vostro rispetto. Io voglio la felicità, la mia, non quella della società”. Sempre in bilico fra la commedia e il dramma, l’analisi psicologica e il metateatro, lo spettacolo ha saputo intrattenere, con pochi mezzi, una platea gremita e soddisfatta di quanto è stato proposto. A prova di questo, gli applausi scroscianti a fine serata e il nutrito gruppo di spettatori che ha voluto avvicinare gli attori all’ingresso artisti.

GIORGIA PACHE JAVIER - 3B ASELLI - Intrigante e coinvolgente la “Venere in pelliccia” del regista Malosti si articola in un susseguirsi di giochi di potere e di sentimenti che travolgono il pubblico in un turbinio di emozioni appassionanti. Sabrina Impacciatore, nelle vesti di un’attrice romana dilettante in cerca di lavoro e Valter Malosti, come Novachek che interpreta un regista- adattatore in cerca di attrice. Hanno recitato da unici protagonisti al Teatro Ponchielli. La protagonista Vanda, stravagante e volgare, riesce ad ottenere con tono insistente l’audizione e, muovendosi con estrema disinvoltura e parlando anche con un accento tedesco, abbandona la maschera da principiante immergendosi, nonostante l’abbigliamento provocante, nel ruolo di una seducente donna dell’Ottocento. La donna che prova piacere è archetipo della dea Venere simbolo di sensualità, bellezza e seduzione. Lui invece, uomo classico e flemmatico, stravolto dall’invadenza di Vanda, cede alle lusinghe e da regista diventa anche attore-interprete della storia di Sacher Masoch.

NATHALIE ALQUATI BONISOLI - L’uomo e donna sono fatti all’origine per non intendersi, mai. Questo continuo conflitto fra i due sessi è interpretato abilmente da Valter Malosti e Sabrina Impacciatore, nello spettacolo “Venere in pelliccia” scritto da David Ives. Il campo di battaglia è una pedana rossa e spoglia: solo un divano, un tavolo, un uomo e una donna completano lo scenario. L’azione si svolge all’interno di un teatro, in una giornata di pioggia, in cui tutti hanno già fatto ritorno alle loro abitazioni, e non rimangono che due personaggi. Vanda Jordan è l’ultima candidata che deve provare di essere all’altezza d’intrepretare Wanda Von Dunayev, la Venere del romanzo di Leopold von Sacher Masoch. Vanda, però, non è Venere, è una donna rozza e volgare e non ha niente a che vedere con la figura idealizzata di Tiziano. Solamente nel momento in cui inizia a recitare, s’incarna nella perfetta Vanda. Il regista, catturato dall’interpretazione, risponde alle sue battute diventando a sua volta il protagonista maschile, Kushemski. Da questo momento la pièce prende vita spostandosi da un profondo rapporto tra attrice e regista a quello tra i due personaggi del romanzo. Al crescere dell’intensità del rapporto è proporzionale il dissolvimento dei caratteri, al quale prende parte un dialogo in cui Vanda diventa Kushemski, Kushemski diventa Vanda, il regista diventa attore e l’attrice diventa regista. I ruoli si spezzano e le personalità si mischiano e si confondono per poi definirsi nel finale nei ruoli di uomo e donna, perché è su questo che verte il tema dello spettacolo. Il conflitto viene alimentato dai giochi di luce che trasportano inizialmente gli spettatori dalla realtà della vita dei due personaggi alla messa in scena del fatidico provino, fino alla spaccatura totale perché le personalità complesse dei personaggi emergono solo dopo essere state provocate per raggiungere l’apice nel finale enigmatico e interrogativo. Com’era il dubbio iniziale su chi fosse e su cosa volesse veramente la Vanda di Sacher Masoch anche Malosti nel suo finale lascia il suo ultimo interrogativo. Attraverso la passione inscenata, la psicologia dei personaggi, e la sottile ironia dei dialoghi i due attori riescono a tenere in pugno il pubblico che è invitato a prendere parte alla riflessione su tematiche che riguardano ogni coscienza.

PIETRO COPPIARDI - 1 LICEO ASELLI - La sera di Mercoledì 11 Gennaio è andata in scena al teatro Ponchielli una Venere in pelliccia firmata Valter Malosti. Adattamento della commedia di David Ives, la vicenda nasce dalla profonda ammirazione che lo scrittore americano nutriva per l'omonimo romanzo di Sacher Masoch. Il sipario si apre su un regista che non riesce a trovare l'attrice adatta per la protagonista di Venere in pelliccia, da lui stesso adattata quando inaspettata entra Vanda Jordan, personaggio da subito ironico per l'abbigliamento poco fine e la scurrilità del suo linguaggio. Tuttavia si rivela molto interessata alla parte e determinata ad ottenerla. Le prove iniziano subito: i due protagonisti dello spettacolo interpretano i due del dramma. Si instaura così un'elegante commedia nella commedia dove ad alimentare l'ironia è il netto contrasto fra l'erotica passione del testo recitato e la leggera volgarità della “realtà”. A intrigare più di ogni cosa sono però le analogie tra i vari piani della vicenda: il regista e adattatore della rappresentazione infatti interpreta l'altro omonimo adattatore, quello che deve rappresentare la Venere; e la protagonista femminile, Sabrina Impacciatore, interpreta la giovane attrice Vanda Jordan determinata ad ottenere il ruolo di un'altra Vanda, la Von Dunayev del testo di Masoch. Il confine fra realtà e finzione va progressivamente assottiliandosi fino a sparire del tutto sul finale dove i ruoli si scambiano ed è impossibile comprendere se i personaggi stiano seguendo il copione. Minimalista è la scenografa: un piano rosso inclinato a simulare la stanza dove i due soli personaggi interagiscono, un divano, una scrivania e un tubo del gas costituiscono l'arredamento che viene integrato da ottimi effetti sonori. La costruzione della vicenda si è rivelata elegante ed accurata, anche se non molto originale, ma in alcuni tratti l'intreccio si faceva pesante ed era difficile seguirne il filo. A rovinare la commedia era anche l'eccessivo erotismo del copione recitato che, se a tratti era azzeccato, in molti punti sarebbe stato meglio evitarlo. Nel complesso un'idea vincente che poteva essere meglio realizzata.

18 Gennaio 2017