il network

Lunedì 24 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Al Manin si parla cinese
‘Valorizziamo i talenti’

Cerimonia di consegna dei diplomi di certificazione linguistica

Al Manin si parla cinese‘Valorizziamo i talenti’

CREMONA – «Valorizzare la lingua e la cultura cinese, oggi più che mai importanti, è un obiettivo raggiunto». Si è aperta così questa mattina, con le parole del dirigente scolastico del liceo classico e linguistico 'Manin', Mirelva Mondini, la cerimonia di consegna dei diplomi delle certificazioni ‘HSK’, dei livelli 2 e 3, di lingua cinese. Un momento tanto atteso che, come si è evidenziato più volte nel corso dell'appuntamento, è stato reso piacevole dai ragazzi delle classi 3B, 4B, 4E e 5B, dalla loro spontaneità e determinazione, che li ha portati a presentare davanti alla platea di studenti alcuni brani musicali e brevi intermezzi recitati in lingua cinese. Una serie di diapositive iniziali hanno tracciato le fila dello scambio culturale di alcuni studenti del liceo, che hanno avuto la possibilità di scoprire una realtà totalmente diversa dalla loro, partecipando ad un soggiorno studio a Canton. L'incontro, coordinato dalla professoressa Debora Marzi e dalla madrelingua Liu Jing, ha voluto tracciare una panoramica sugli esiti dello studio della lingua orientale, sul quale l'istituto di via Cavallotti punta ormai da anni. «Abbiamo voluto valorizzare i nostri talenti - ha sottolineato Marzi -, anche quelli che quest'anno affronteranno la prova di maturità in cinese. Il loro impegno, dimostrato anche nella preparazione della premiazione, è determinante per la continuità dello studio di questa disciplina». Significativa anche la presenza di Clara Bulfoni, docente dell’istituto ‘Confucio’ dell’Università degli Studi di Milano, a Cremona proprio per assistere alle premiazioni dei candidati alla certificazione internazionale. Un incontro dal grande valore culturale, perché, come hanno concluso le organizzatrici: «Solo attraverso la conoscenza e il confronto si abbattono i pregiudizi e si acquisisce una maggiore consapevolezza di sé stessi». (e.gal.)

07 Dicembre 2015