il network

Sabato 17 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


#DIRITTODICRITICA

Le recensioni degli studenti di Ballata di uomini e cani

Le recensioni degli studenti di Ballata di uomini e cani

Marco Paolini al Ponchielli per Ballata di uomini e cani

CREMONA - Terzo appuntamento con Diritto di critica, l’iniziativa di Fondazione Ponchielli e del quotidiano La Provincia che è giunta alla sua terza edizione. Manin, Torriani, Aselli, Anguissola e Vida sono le scuole che hanno aderito, grazie alla disponibilità dei rispettivi dirigenti e all’intermediazione degli insegnanti. Gli studenti dovranno vedere e recensire almeno tre spettacoli della stagione di prosa 2014/2015 e inviare gli articoli entro 48 ore dallo spettacolo recensito. Le varie recensioni saranno pubblicate sui siti del quotidiano e del teatro, poi a fine stagione le migliori critiche avranno la pubblicazione sull’edizione cartacea de La Provincia.

Le recensioni di Penso che un sogno così...

Le recensioni di Frankenstein Junior

 

Ecco le recensione degli studenti relative a Ballata di uomini e cani

 

VIRGINIA FIAMENI (1 LICEO SCIENTIFICO ASELLI) - “La vita è fatta di periodi che hanno un inizio, una fine e non si ripetono più”. Ma questi periodi rimangono come cicatrici sulla pelle. Esperienze estreme, estenuanti, dove la natura gioca un ruolo fondamentale nel mettere a dura prova quell'essere possente quanto fragile che è l'uomo. È questo il destino riservato ai personaggi di Jack London che si ritrovano a vivere in un ambiente ostile come il gelido grande Nord America. Nel suo monologo Paolini visto al Ponchielli è più che un semplice narratore, entra nelle storie e le fa sue, percepisce il freddo del vento sulla sua pelle, crea un'atmosfera gelida che porta gli spettatori a rimanere quasi congelati ad ascoltarlo grazie anche al meraviglioso aiuto delle musiche di Lorenzo Monguzzi. Non manca certo il lato comico dell' interprete che inframezza il racconto con battute e aneddoti che sembrano quasi riscaldare il clima venutosi a creare. In questi racconti è come se i personaggi venissero guardati da un'altra prospettiva, da occhi diversi, gli occhi di un cane. Un cane che ha un'intelligenza sopraffina,come nel caso di Macchia che compare nel primo racconto, un cane che lotta e che odia, che si rispecchia in Bastardo presente nella seconda storia, o un cane che segue, che obbedisce nonostante il suo istinto gli dica tutt'altro, istinto che all'uomo manca. Ed è proprio sul rapporto tra l'uomo ed il cane che si basano questi scritti. Uomo e cane sono coprotagonisti delle vicende tanto da permettere a Paolini di passare alterantivamente dal punto di vista dell'uomo a quello del cane. In Bastardo ad esempio la narrazione perdura dopo la morte dell'uomo fino a quando il cane sente, ma non vede, il colpo di fucile che mette fine alla sua esistenza ed al racconto stesso. In preparare un fuoco l'uomo che ha voluto sfidare la sorte ed affrontare il gelo, ne viene sopraffatto, egli infatti muore, il cane assiste a questa resa e se ne allontana. Evidente appare quindi che Paolini abbandona il pensiero dell'uomo per far emergere definitivamente quello del cane. Come egli stesso dichiara ”se posso raccontare la morte dell'uomo è perchè io, in tutte queste storie, sono sempre stato il cane”.

ALBERTO CONTINI (LICEO SCIENTIFICO ASELLI) - “...In tutte queste storie sono sempre stato il cane”. Così Marco Paolini si definisce durante lo spettacolo tenutosi martedì 12 e lunedì 13 gennaio al Teatro Ponchielli di Cremona. Una rappresentazione dedicata al famoso scrittore Jack London, che ha divertito e meravigliato il pubblico cremonese. Il suo stile non cambia mai; è coinvolgente e ironico, ma in ogni sua frase riesce ad inserire quel pizzico di drammaticità che contraddistingue le storie dello scrittore americano. Entra in scena a luci accese, come volesse semplicemente dialogare con il pubblico, e spezza subito il ghiaccio con varie battute riguardo i cremonesi. Accompagnato sempre dalla musica di Lorenzo Monguzzi con Angelo Baselli e Gianluca Casadei, crea atmosfere adatte ad ogni momento, ad ogni racconto, portando il pubblico con sé in un altro mondo. “Macchia”, “Bastardo” e “Preparare un fuoco” sono i suoi tre cavalli di battaglia, con i quali fa riflettere sulla sottile differenza presente tra l'uomo e il cane, entrambi animali ed entrambi allo stesso livello in condizioni estreme come il freddo polare. Noi abbiamo la razionalità, loro l'istinto, ma la domanda è: quale è più importante? Chi è più “intelligente”? A questi quesiti Paolini cerca di rispondere sempre in modo generico, come se una vera differenza non esistesse realmente. Racconta con disinvoltura, si rivolge direttamente a Jack London, si definisce suo profeta e sempre con toni diversi, con accompagnamenti musicali perfetti e adatti alla situazione, narra le vicende dei cercatori d'oro negli ultimi anni del XIX secolo. La scenografia è semplice e azzeccata. Un piccolo piano rialzato e dei barili ospitano gli attori, mentre dei ghiaccioli appesi e un grande schermo formano lo sfondo. I colori accompagnano la musica e le parole, i movimenti degli attori ipnotizzano i presenti in sala e le leggende del Grande Nord invadono il teatro e portano il pubblico a sognare. “Le sue frasi non si possono parlare semplicemente - dice l'attore – ma bisogna reinventarne il ritmo orale”, una interpretazione, a parer mio, impeccabile e soprattutto interessante e divertente. Quindi chi è più intelligente, l'uomo o il cane? La risposta è Paolini, che ha saputo sorprenderci come solo lui sa fare.

CRISTINA MORRA (5 LICEO SCIENTIFICO) - Quello sul palcoscenico del teatro Ponchielli la sera del 12 gennaio è stato un Marco Paolini decisamente sottotono rispetto a come il pubblico cremonese è abituato a vederlo. ‘Ballata di uomini e cani’, dedicato a Jack London è, infatti, sembrato il solito, consumato, rimasticato spettacolo di Paolini, il consuetudinario monologo a tratti in musica che, certo, rientra nel suo stile, ma questa volta con una qualità scolorita, una preparazione forse non scrupolosa come al solito o di cui non ha voluto dare davvero prova. Lo spettatore, deluso, non ha potuto fare a meno di chiedersi perché, tra tutto quello che Jack London può avere rappresentato, scritto e immaginato di interessante, Paolini sia andato a scegliere proprio tre racconti sul rapporto cane/uomo. Quale volesse essere la conclusione da trarre e come sentire coerente il collegamento finale all’attualità si è perso tra le tante parole dell’attore, come sempre impeccabile nella sua capacità di incantare e ricreare una scena da pochi oggetti e un linguaggio immaginifico che, tuttavia, non è quello di London. D’altronde egli stesso ha messo le mani avanti dicendo che uno spettacolo teatrale non sarà mai al livello di un romanzo, per la necessità di fare tagli e di accentuare la drammaticità dei fatti. Eppure questa volta tutta la sua bravura non è stata sufficiente a fargli toccare – neanche sfiorare, a dirla tutta - i suoi standard di drammaturgo che insegna e stupisce. La narrazione si svolge su una scenografia semplice e spoglia fatta di barili e una pedana, e si svolge attraverso, come già detto, delle parti recitate e delle ballate scritte e interpretate da Lorenzo Monguzzi, non nuovo alla collaborazione con l’attore veneto, assieme a Angelo Baselli e Gianluca Casadei. I racconti messi in scena – Macchia, Bastardo e Preparare un fuoco – hanno dunque in comune i protagonisti, uomini dagli istinti bestiali e senza immaginazione e cani dai sentimenti umani, che insieme affrontano il freddo glaciale e la ricerca all’oro. Che sia possibile, con qualche sforzo, intravedere una morale sulle trasformazioni della società e dei suoi valori?

CRISTINA SIVIERI (5 LICEO CLASSICO MANIN) - Il teatro non sta morendo, per lo meno non quello cremonese. A dimostrarlo è stata la folla di spettatori che lunedì 12 gennaio ha accolto con un fragoroso applauso sul palcoscenico del teatro Ponchielli Marco Paolini, Gianluca Casadei (fisarmonica), Angelo Baselli (clarinetto), Lorenzo Monguzzi (chitarra). “Macchia”, “Bastardo”, “Come preparare un fuoco”. Questi i tre racconti scritti da Jack London e magistralmente narrati da Marco Paolini. “Ballata di uomini e cani” vede come protagonisti queste due creature, che Paolini indaga nel profondo per poi scoprire – e dimostrare – che non sono poi così diversi. Tant’è che, giunti alla conclusione, egli stesso affermerà, tra lo sgomento e la perplessità del pubblico, che “io, in tutte queste storie, sono sempre stato il cane”. Il primo racconto parla di Macchia, un cane che fa fede al suo nome, in quanto è assai fastidioso e i suoi sventurati padroni, nonostante numerosi tentativi, non riescono a liberarsi di lui. Il pubblico prova subito simpatia per l’animale e la narrazione è accompagnata da risate e commenti divertiti. L’atmosfera cambia decisamente quando inizia la seconda storia, quella di Bastardo, un cane che, come il suo padrone, non ha mai conosciuto – e mai conoscerà – l’affetto. Un costante sentimento di amore-odio si instaura tra i due e fa si che le sorti dei protagonisti – irrimediabilmente legate – paiono appese a un filo fino alla loro tragica e comune conclusione. Pietà e speranza si agitano nell’animo dello spettatore durante il terzo racconto. Un uomo e un cane senza nome compiono fianco a fianco un lungo cammino. Ma il clima troppo rigido provoca la morte dell’uomo, che non è stato in grado di “preparare un fuoco” che avrebbe potuto salvargli la vita. Paolini, famoso per la sua abilità narrativa, non si smentisce e mette in scena uno spettacolo piacevole, coinvolgente, concedendo il giusto spazio alla serietà e all’ironia. I giochi di luce creano l’atmosfera adatta ad ogni storia. Il sottofondo musicale è sempre opportuno e mai invadente. In questo modo parole e musica, in perfetto equilibrio, creano un’armonia simile a una ninna nanna che accompagna e culla lo spettatore che si lascia trasportare durante tutte le due ore della rappresentazione, alla fine delle quali si “sveglierà”desiderando di sognare ancora.

DANIELE CROTTI (2 LICEO SCIENTIFICO ASELLI) - Al teatro Ponchielli di Cremona è andato in scena, il 12 e 13 gennaio, Marco Paolini con Ballata di uomini e cani omaggio allo scrittore statunitense Jack London. Uno spettacolo che vede Paolini alle prese con tre racconti dello scrittore di Zanna Bianca e del “Richiamo della foresta” che vengono spesso presi come libri da bambini, a causa della loro trama all'apparenza banale. I tre racconti “Macchia”, “Bastardo” e “Preparare un fuoco” sono tutti e tre racconti in cui i protagonisti sono uomini e cani, racconti in cui Paolini rimarca molto l'importanza di quest'ultimi capaci di provare sentimenti come l'uomo. Lo scenario spoglio con soltanto uno sfondo formato da dei rettangoli appesi a dei fili che si accendevano in base alle situazioni, è servito a concentrare l'attenzione solo sull'attore e sui musicisti Monguzzi, Baselli e Casadei che hanno reso ancora più unica l'intera esibizione, capaci di sottolineare maggiormente le situazioni seguendo molto bene il tono di voce usato da Paolini e la sua velocità, creando un armonia di voci e suoni davvero emozionanti e coinvolgenti. In ogni racconto la musica è stata fondamentale, a volte ci si distraeva facendo caso a come veniva accompagnato Paolini e se in alcuni spettacoli la musica viene messa in secondo piano, in questo caso si può dire che la musica sia come un secondo attore, essenziale per creare un'atmosfera capace di rendere la scena più reale e di marcare i momenti di spannung. Il tributo a Jack London è stato davvero un successo, a partire dall'apertura del sipario fino al lungo applauso finale del pubblico cremonese che ha apprezzato quest'esibizione, coinvolto in più punti.

ELENA PRIORI (1 LICEO SCIENTIFICO ASELLI) - “E ricordatevi che questa sera io sono sempre stato il cane”. Così Marco Paolini, 58 anni, termina il suo monologo “Ballata di uomini e cani” al teatro Amilcare Ponchielli di Cremona la sera del 12 gennaio. Un omaggio a Jack London, e in particolare alle relazioni tra uomini e cani emerse dai suoi racconti, in cui il cane non muore mai. O almeno la sua morte è di irrilevante importanza rispetto al resto della storia. L’avventura e la necessità e l’urgenza di sopravvivere al gelo del Klondike si ripercorrono durante la narrazione di “Macchia” e “Prepararsi un fuoco”, mentre si crea un clima di inquietudine nel teatro durante “Bastardo”, un racconto pieno di sangue e odio. La scenografia e l’atmosfera non sono certo da meno dell’eccellente recitazione dell’attore: i musicisti (Gianluca Casadei, fisarmonica, Angelo Baselli, clarinetto e Lorenzo Monguzzi, chitarra), riescono a trovare sempre un brano che descriva la scena recitata, e le luci e gli effetti riescono ad animare o a spegnere l’atmosfera proprio in base alle caratteristiche dei cani protagonisti. Impressionante la magia dei musicisti e del teatro, che trasmettono il gelido brivido della neve semplicemente lacerando la stoffa, il dolce crepitio del fuoco reso dallo scuotere un mazzetto di paglia… Il pubblico è risultato soddisfatto del racconto in prosa anche grazie alla scorrevolezza del linguaggio di Marco Paolini: è riuscito ad inserire lievi modifiche e battute distribuite molto bene all’interno della serata senza coprire il significato della storia e riuscendo a far ridere gli spettatori ben più di una volta. Lo straordinario dello spettacolo sta proprio in questo, il ripercorrersi di avventura e ironia, nonostante le storie non siano contemporanee e raccontino la vita di poveri “pastori erranti”, non sempre senza una destinazione, ma che sono costretti a vivere in terre gelide alla ricerca dell’oro che probabilmente mai troveranno, e talvolta riflettono la vera vita di London. Lo scrittore americano appare in modo insolito rispetto all’immagine che ne abbiamo di autore per ragazzi di “Zanna bianca” o de “Il richiamo della foresta”, ossia di semplici storie per bambini, grazie alla grande maestria di un attore che fa vivere momenti indimenticabili e sicuramente da riprovare.

ELISA ANGLOIS (1 LICEO SCIENTIFICO ASELLI) - Ballata di uomini e cani è uno spettacolo dedicato allo scrittore statunitense Jack London. Marco Paolini, accompagnato nella rappresentazione teatrale da ballate musicate e cantate da Lorenzo Monguzzi, mette in scena tre racconti dello scrittore, che hanno come protagonisti l’uomo e il cane: Macchia, Bastardo e Preparare un fuoco. L’attore è stato in grado di attirare l’attenzione del pubblico presentando in tutti i racconti aspetti di riscontro nella vita umana di tutti i giorni. Con ironia, ha messo in evidenza come l’atteggiamento del padrone nei confronti del suo cane influisca sul comportamento stesso dell’animale. La scenografia e l’accompagnamento musicale, non hanno assolutamente distolto l’attenzione dall’attore, ma al contrario, hanno attirato maggiormente l’interesse degli spettatori. Il monologo mette a confronto il modo di agire e di pensare dell’uomo e dell’animale; mostra come l’istinto della bestia, porti il cane alla percezione del pericolo e alla sua stessa salvezza. Paolini riesce a fare provare, al pubblico, le stesse sensazioni che provano i protagonisti dei brani recitati. Inoltre è stato in grado di rendere più stimolanti i testi dello scrittore statunitense, senza sbiadire il contenuto, ma mostrandolo da un’altra prospettiva. La rappresentazione teatrale dimostra che la definizione che inizialmente era stata attribuita allo scrittore non è adeguata al romanziere, che tratta temi molto profondi. Alla conclusione dell’ultimo brano, Preparare un fuoco, l’attore descrive la reazione del cane che, dopo la morte del padrone, si allontana in cerca di un altro “creatore di fuoco”. Paolini riflette, e fa riflettere sul perché lui, che ha raccontato tutti i brani come se li stesse vivendo, è in grado di descrivere la morte dell’uomo e la reazione del cane dopo l’accaduto… “Se posso raccontarla la morte dell’uomo è perché io, in tutte queste storie, sono sempre stato il cane”. Uno spettacolo ben strutturato e molto piacevole da seguire, un vero omaggio a Jack London e ai suoi testi.

EMANUELE DUCHI (1 LICEO SCIENTIFICO ASELLI) - La scenografia del tributo a Jack London del 12 gennaio è essenziale: una piattaforma in legno e qualche barile vuoto. Paolini, con la sua voce unica e particolare, dopo aver introdotto la triade di racconti con un quadro generale della vita del celebre scrittore americano da lui stesso impersonato, per le successive due ore darà vita ad un monologo che non annoia mai. Fondamentale la presenza dell'accompagnamento musicale di Monguzzi, Baselli e Casadei, rispettivamente alla chitarra, clarinetto e fisarmonica, senza il quale probabilmente la “ballata” non sarebbe tale. Lo sfondo si tinge di colori tenui all'annuncio del primo racconto, Macchia. Paolini mette in risalto l'importanza morale che ha il miglior amico a quattro zampe dell'uomo nelle composizioni di London in modo travolgente e ironico. Egli espone la sua rivisitazione in modo semplice e spontaneo, effettuando alcune modifiche che rendono più personale e adatto al teatro il racconto, intrattenendo egregiamente il pubblico, tanto quanto il piccolo complesso che accompagna la narrazione. La platea reagisce più che bene e gli applausi rimbombano nel teatro come subito dopo il componimento successivo, con cui la serata si carica di un'atmosfera inquietante: Bastardo. Incredibile come la narrazione delle vicende macabre esposte nel monologo sia contrappuntata dal senso dell'umorismo pungente, ma comunque apprezzato, caratteristico dell'attore veneto. Sono originali i riferimenti alla situazione socio-politica attuale. Parte della tensione creata da Bastardo scorre anche tra le righe di Preparare un fuoco, introdotto da un brevissimo corto che anticipa ciò che lo spettatore vedrà in seguito, proiettato su prismi luminosi appesi allo sfondo. L'accompagnamento musicale è qui meno importante, probabilmente per sottolineare il silenzio della neve e l'insensibilità fisica dovuta al gelo, ma è comunque sostituito da interessanti onomatopee. Non ben compreso resta la scelta del brano finale. Si tratta infatti di una storia vera: forse un messaggio che l'attore ha voluto trasmettere al pubblico, anche se non molto coerente con il resto. Dopo applausi scroscianti, per assecondare la proposta di un bis di Paolini, Monguzzi si esibisce in una canzone in dialetto brianzolo sull'intolleranza, da lui composta.

FRANCESCA BALESTRERI (4 LICEO VIDA) - Musica, azione e magia: c’è tutto. Su una scena spoglia dove la luce cangiante dei riflettori accarezza i profili taglienti di barili di latta arrugginita misti a quelli ancor più aspri delle storie di Jack London, non manca niente per rendere indimenticabile questo spettacolo, anzi questa Ballata di Uomini e Cani, rappresentata al teatro Ponchielli il 12 e 13 gennaio, in cui canzoni e prosa si fondono con suggestiva continuità narrativa. Le musiche di Monguzzi, Baselli e Casadei, rispettivamente con chitarra e voce, clarinetto e fisarmonica, accompagnano infatti in un crescendo di intensità le parole e i gesti di Marco Paolini trascinando l’animo degli spettatori nel Grande Nord, alla corsa all’oro, tra avventurieri e cani da tiro, sullo sfondo di tre racconti brevi di London - Macchia, Bastardo e Preparare un fuoco - che nulla hanno da invidiare ai più noti romanzi, solo apparentemente per ragazzi, di questo complesso autore. La narrazione di Paolini è coinvolgente ed in grado di stemperare anche le crudezze delle realtà descritte, sdrammatizzando e riuscendo a strappare un sorriso anche nel momento più drammatico; eppure, definire la Ballata uno spettacolo semplicemente comico sarebbe riduttivo: dall’unione di musica e prosa emergono una serietà dura e mista a quel senso di realtà che costituiscono l’inchiostro nero privo dei colori delle fantasiose illusioni, che Jack London usava per scrivere. Inseriti tra i tre racconti principali sono poi brevi spunti tratti dalla vita dello scrittore, portati a confronto con una conclusione satura di attualità, Canto di un saldatore errante dell’Asia, quasi fosse l’epitaffio per i migliaia di giovani Jack, avventurieri in cerca della loro miniera e cani da tiro allo stesso tempo, che spesso cadono, dimenticati, in una realtà crudele che trova espressione nel mortale inverno del Grande Nord. Uomini e cani sono qui posti su pari livelli, coprotagonisti di una vita guardata con occhi ora umani ora ferini, senza che questi attributi siano necessariamente riferibili a una parte piuttosto che all’altra, scoprendo che in fondo spesso i ruoli si possono invertire e che nel giocoforza della sopravvivenza possiamo tutti assumere la parte dell’uomo come quella del cane, che non sempre è la peggiore.

ILARIA CAUZZI (4 LICEO CLASSICO MANIN) - “Ballata di Uomini e Cani” è un omaggio a Jack London ambientato nei freddi paesaggi innevati del Nord dell’America, nel periodo della corsa all’oro. L’autore e attore protagonista del palco, Marco Paolini, dà forma, voce e movimento a tre racconti, accompagnato da una musica ora incalzante, ora seducente, ora placida. Martedì 13 Gennaio il teatro Ponchielli era gremito di spettatori entusiasti. La narrazione ritmata e cantata trasforma l’atmosfera: è una storia di fedeltà, amore, odio, indifferenza tra cani ed uomini. Paolini indossa le vesti di Jack London all’inizio, ma si accorge sul finire dello spettacolo di aver sempre recitato il ruolo del cane. Ironico, toccante, attuale, comico nella sua tragicità, tragico nella sua comicità, brillante, leggero, coinvolgente nonostante la sua profondità, intensità e durata, il racconto di queste storie di uomini e cani fluisce aggraziato nella sua immediatezza sotto gli occhi di un pubblico rapito ed entusiasmato. Nel primo dei tre racconti il protagonista è Macchia, cane fatalmente fedele al suo padrone; pigro, viziato e scodinzolante, diviene la maledizione dei propri padroni, che tentano in qualsiasi modo di sbarazzarsene, senza successo alcuno. Il ritmo è divertente e coinvolgente, il cane intelligente, ironico e pensante. Macchia è comicamente fedele e sul finale pare dire al padrone, del quale era stato un ottimo ‘porta sfortuna’: “Che importa del resto finché io e te siamo insieme?”. Nel secondo racconto è un legame indissolubile costruito di odio ad essere protagonista; l’uomo e Bastardo sono incatenati da un sentimento più forte dell’amore, e con l’amore suggellato. Uomo e cane, entrambi bestiali, nel corso della vita si squadrano, accompagnano, sfidano, odiano, amano. Il terzo racconto è divertente nella goffaggine umana e tragico nella morte impellente e nel distacco quasi solenne del cane. Ma la morte non fa nemmeno paura, forse, tanto è interessante, incuriosisce. Il gioco di frecciatine all’attualità incoraggia una riflessione sulla società odierna: il mondo è ostile a chi nasce via di mezzo e non si mostra incline ad essere comandato. Caricaturalmente è dipinta la figura dell’uomo ‘in pantofole’ e quella dell’arrogante, incapace di ascoltare suggerimenti. La condizione umana di affanni è ridicolizzata dalla presenza dei cani, “e finché sarà cosi, tu continua a fare il cane!”

MARCO PINI (5 ITIS) - Biglietti esauriti per la prima messa in scena al teatro Ponchielli de “Ballata di uomini e cani” dell'ormai celebre e consolidato Marco Paolini che si fa autore ed interprete di un “viaggio” fra tre racconti di Jack London, autore statunitense tra i più prolifici ed inquieti che ha accompagnato l’infanzia di molti con romanzi quali “Zanna Bianca” e “Il richiamo della foresta”. Paolini diventa fin da subito il “burattino” dello spirito di un ironico Jack per raccontarci tre dei suoi più noti racconti: Macchia, Bastardo e Preparare un fuoco. Parte così una narrazione forte, intensa, ricca di dettagli ed accompagnata da un trio di ottimi artisti/musicisti sia cui spicca Lorenzo Monguzzi, voce e chitarra, in grado di colpire il pubblico con la sua voce calda e un suo interessante brano in dialetto brianzolo dal titolo “Portaverta” che integra e completa – se mai ce ne fosse stato bisognom – la serata. Le tre storie sono capaci di tenere ben salda l'attenzione dell'ascoltatore per l'intera durata dello spettacolo, due ore senza intervallo, grazie a notevoli riflessioni e collegamenti che Paolini ci regala sulla realtà attuale e quella dei racconti, facendo ridere il pubblico con battute tutt'altro che scontate. Nella sua rappresentazione si percepisce la capacità incredibile, data da esperienza e grande talento, di dialogare e coinvolgere un pubblico leggermente “timido”, che Paolini scioglie lentamente, cambiando i toni con agilità e destrezza, suscitando anche risate nonostante la tragicità dei racconti. “Ballata di uomini e cani” è dunque uno spettacolo da non perdere: un riuscito insieme di complicità tra il grande attore Marco Paolini, la buona musica, un intramontabile Jack London ed un finale capace di staccarsi da un “intrattenimento” serale per lasciare allo spettatore una riflessione seria e difficile sull'uomo in un mondo ricco di troppi confini, fisici e non.

SABRINA CAPPELLETTI (4 LICEO SCIENTIFICO ASELLI) - 12 gennaio e il Ponchielli si riveste di una coltre di neve candida fatta di parole… parole di un Marco Paolini che interpreta Jack London facendone, a suo dire, un abuso riportando in teatro tre racconti di London. Sulla scena solo un patibolo con dei barili metallici che costituiscono una sì misera scenografia ma nel contempo molto versatile ed espressiva. Il Ponchielli sembra proprio immerso nella neve, una fredda neve dell’Alaska e del Canada. I luoghi di London. Paolini non è solo sul palco, con lui tre musicisti guidano e si fanno al contempo guidare da Paolini, rendendo lo spettacolo ancora più vivo e rendendosi parte integrante di esso. Tre racconti, un filo conduttore: il cane. Ma non il cane come fedele compagno di vita bensì come riflesso del nostro mondo odierno, simbolo tangibile del nostro inselvatichimento, del nostro allontanamento dal essere sociale. Ecco allora che London-Paolini ci introduce in Alaska e si parte per il primo viaggio, dove si incontra il comico cane macchia, un mascalzone di prima categoria buono a nulla come tiratore di slitta che tra centinaia di disavventure comiche riesce sempre a tornare a casa. Ogni battuta e ogni mossa è accompagnata dal riso, un riso caldo che riscalda l’ambiente freddo, gelido dell’ambientazione. L’ilarità lascia però spazio ad un ghigno di amarezza nel secondo racconto dal titolo “Bastardo”. Un padrone crudele che alleva un cane a suon di frusta e bastonate, il cane, Black per l’appunto subisce fino al momento in cui decide di agire. Ma il suo agire lo legherà al suo padrone sino alla morte, una scodinzolante e amara morte. Nel freddo dell’Alaska un fuoco di musica si accende con il terzo ultimo racconto “fare un fuoco” ed è solo sul finale di questo malinconico racconto che Paolini ci svela “io sono stato il cane per tutta la sera”. Lo spettacolo pare terminato, ma così non è… infatti un’ultima canzone tratta dal diario di un immigrato dell’oriente chiude lo spettacolo, lasciando a noi il parallelismo da trarre tra i racconti di London e il nostro inselvatichimento.

VERONICA VITARI (2 LICEO SCIENTIFICO ASELLI) - Direttamente dalla San Francisco di fine Ottocento, s’affaccia sul palco del Teatro Ponchielli Jack London: una volta alzato il sipario, risuona questa Ballata di uomini e cani, che, il 12 gennaio 2015, riporta Marco Paolini nella sala cremonese. L’attore veneto si cala nei panni dell’autore statunitense, presentato da molti come “scrittore per bambini”: la definizione gli sta stretta. I lati oscuri dell’uomo, i tratti animaleschi e la bruttezza della natura umana, London narra anche questo, oltre la classica storia di Zanna Bianca, conosciuta da qualsiasi generazione. Sono tre i racconti che Paolini porta sul palcoscenico: Macchia, Bastardo e Preparare il fuoco, cui egli mescola note personali ed episodi della vita dell’autore; ma in ognuno di essi si trovano avventure ai confini della realtà, in una natura ostile e angosciante, che si riflette fin nelle scelte dell’uomo. Queste storie narrano di tre diversi legami cane-uomo, nell’ambiente della dura caccia all’oro della fine dell’Ottocento. L’umano e il compagno animale, i protagonisti; la neve, il freddo, la paura e il dolore i co-protagonisti. L’istinto e la ragione, la solitudine e il silenzio analizzati in tre imperdibili narrazioni che, tra una nota sarcastica e momenti di suspense, trattengono gli occhi del pubblico sull’attore. La scena è minima ed essenziale: niente più che una decina di rettangoli bianchi calati dal soffitto, che portavano, nel corso delle storie, il colore delle emozioni del protagonista, dei barili di latta nei quali Paolini affonda i piedi così come un cercatore d’oro farebbe nella sua troica, e tre capaci musicisti che, con una chitarra, un clarinetto e una fisarmonica, corrono veloci, e trainano l’attenzione come cani attaccati a una slitta. Con uomini e animali, Paolini accoglie l’imperitura vocazione a sfidare l’estremo della natura, e trascina l’intera platea in eventi lontani grazie alla sua maestria e alla sua eleganza. Uno spettacolo imperdibile, commovente e gravido di mistero, nello sguardo dei cani, così come di limpidezza, nelle emozioni del grande Paolini.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

02 Febbraio 2015