il network

Martedì 25 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


5 agosto 1954

Po, piccolo mare di casa nostra

Il primo stabilimento balneare vero e proprio venne costituito intorno al 1910

Po, piccolo mare di casa nostra

Si aprirono all'inizio del secolo i primi ombrelloni sul fiume

Che la spiaggia padana, 
con il suo sole e le sue acque, potesse avere un effetto salutare, non fu rivelato 
che nel 1914 da due luminari della scienza cremonese: il prof. Vincenzo Omboni, direttore del nostro Ospedale Maggiore e il doit. 
Pericle Sacchi, pediatra di 
gran valore; i quali, in una 
serie di pubblicazioni prima, 
con la felice creazione delle 
colonie padane poi, illustrarono e confermarono il 
loro asserto; che alla loro 
morte, venn

Che la spiaggia padana, con il suo sole e le sue acque, potesse avere un effetto salutare, non fu rivelato che nel 1914 da due luminari della scienza cremonese: il prof. Vincenzo Omboni, direttore del nostro Ospedale Maggiore e il doit. Pericle Sacchi, pediatra di gran valore; i quali, in una serie di pubblicazioni prima, con la felice creazione delle colonie padane poi, illustrarono e confermarono il loro asserto. Prima di quei sanitari, la spiaggia padana non era considerata che un luogo di svago estivo. 

Il primo stabilimento balneare vero e proprio venne costituito intorno al 1910. Prima di allora soltanto i soci della Canottieri Baldesio potevano procurarsi la gioia di un bagno nel Po; in quell'anno il Comune decise di alzare sulla sponda piacentina ove era una splendida spiaggia, un suo padiglione al quale tutti potevano accedere gratuitamente. Uno stabilimento vero e proprio con cabine eleganti e con vasti padiglioni di ristoro, venne costruito nel 1919.

Durante la prima guerra i bagni al Po dovettero trasferirsi. Quella spiaggia era troppo vicino al ponte, che doveva essere costantemente vigilato. Dal primo dopoguerra agli inizi del 1940, i bagnanti vennero sempre ospitati sulla spiaggia piacentina. Poi cominciarono i lavori di  riordino del fiume la spiaggia venne fatta scomparire e i bagni si trasferirono là ove funzionano anche attualmente.

Pagina 2: I primi ombrelloni sul fiume Po

03 Agosto 2018