il network

Giovedì 15 Novembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


6 novembre 1973

Sembra che tutta l’Inghilterra debba sposarsi il 14 novembre

Ansiosa attesa per il matrimonio della Principessa Anna

Sembra che tutta l’Inghilterra debba sposarsi il 14 novembre

Un immenso giro di interessi, sentimentali, economici, aristocratici e perfino politici - Chi vuol trarre il maggior profitto dallo sposalizio reale, chi vuol servire nel miglior modo la Corona - Francobolli, «posters», braccialetti e anelli con le immagini degli sposi - Sui giornali le fotografie della casa presa in affitto, dei negozi dove gli sposi faranno la spesa, del loro fruttivendolo - Otto ore di trasmissione alla televisione

LONDRA, novembre. —  Sposarsi davanti a mezzo miliardo di persone non capita tutti i giorni nè a tutti. Il «grande onore» — come l'ha definito una buona parte della stampa popolare britannica — toccherà alla principessa Anna ed al suo dragogone Mark Phillips a metà novembre. Da quando si è parlato della data delle nozze reali dell'anno, migliaia di persone lavorano con l'affanno taluni per ricavare dallo sposalizio il maggior utile possibile, altri per servire nel migliore dei modi la Corona. E' un giro di interessi (sentimentali, economici, aristocratici e persino politici) molto grande.

Le due televisioni nazionali britanniche, la BBC e la ITV, hanno cominciato sin dai primi di ottobre a preparare i programmi per il «Royal Wedding», lo sposalizio reale. La prima prevede otto ore di trasmissione, due di più di quelle dedicate ai funerali di Winston Churchill. Gli spettatori assisteranno, tra l'altro, ad un racconto della vita — tutti e ventitre gli anni — della figlia di Elisabetta II. Secondo certe stime, in tutto il mondo avranno gli occhi incollati sul piccolo schermo cinquecento milioni di persone, seicento volte dì più di quelli che vent'anni fa assistettero all'incoronazione della regina. I programmi, dicono i più cattivi all'interno della BBC, costeranno un occhio della testa e l'enorme spesa andrà a scapito di altre trasmissioni. «Ci sono voluti tre giorni di trattati ve per ottenere il permesso di inviare qualcuno nel vicino Oriente per la guerra arabo israeliana », ha commentato un giornalista.

Ma se per televisione e giornali le «nozze reali» sono già una grande occasione, lo è ancora di più per migliaia di persone interessate a far quattrini. A disposizione di tutti sono i francobolli con Mark e Anna sorridenti.

Chi vuole può acquistare da una ditta privata braccialetti e anelli (anche a prezzo ragionevole) con sopra stampigliale le iniziali A. ed M.

I «posters» della principessa che accarezza il muso del suo cavallo preferito saranno presto in vendita. La regina Elisabetta ha già i suoi manifesti, che la ritraggono appunto mentre accarezza un cavallo. Perché Anna, e forse anche Mark, non dovrebbero averne uno? 

Tutti sono impegnati a prepararsi per il grande evento. Gli studenti faranno vacanza a scuola. Molti lavoratori preferiranno disertare fabbriche e uffici. Le casalinghe bruceranno il pranzo nel forno. Cinquanta milioni di inglesi saranno in festa. E dopo novembre, chissà, cominceranno a pensare alle nozze del rampollo reale Carlo.

05 Novembre 2018