il network

Martedì 19 Giugno 2018

Altre notizie da questa sezione

in corso:

Blog


15 febbraio 1964

La più antica carta geografica della Lombardia con iI territorio cremonese

La più antica carta geografica della Lombardia con iI territorio cremonese

E' della metà del Quattrocento ed è conservata nella Biblioteca di Parigi - Solo pochissimi studiosi forse la conoscono - L'interessantissima parte del nostro territorio non è mai stata studiata né segnalata

Detta carta della Lombardia è anonima, dipinta a colori su pelle, il cui originale, oggi un po' guasto, è conservato nella Biblioteca Nazionale di Parigi, cui pervenne nel 1847. Misura circa cm. 40x56; ha i fiumi e i laghi colorati in celeste, gli abitati in rosso mattone chiaro, le vie e le scritte in nero; sono distinti i ponti in pietra (rosso mattone) e quelli in legno (grigio).
Limitando l'attenzione al Cremonese notiamo die il cartografo ha messo molta cura ne'u indicare le distanze in miglia, nel distinguere le "terre murate "(cinte di mura con torre centrale), dalle « ville » indifese, nel delincare le principali parrocchie e chiese di campagna, rilevando, inoltre i ponti in pietra e le opere a difesa dei medesimi, come a Pizzighettone. La carta appartiene certamente alla prima mela del secolo XV e fu fatta con scopi militari; probabilmente delineata in occasione della guerra tra Venezia e Milano del 1437-41. ma forse in base ad elementi più antichi. Curiosi sono i nomi dialettali delle località.
Assolutamente sbagliata appare la distanza di d.eci maglia (1 miglio 1500 m.) fra Cremona e Casalmaggiore, mentre sono accettabili tutte le altre. L'abitato di Cremona sembra un pò troppo lontano dal Po.

15 Febbraio 2018