il network

Martedì 25 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


MUSICA

'Cosa dite se riapre il Fillmore?': pioggia di 'like' su Facebook

Il locale di Cortemaggiore tra i più amati di sempre è chiuso da anni, ma l'associazione Ladri di fragole vuole tenere vivo il nome, Aimi: 'Abbiamo fatto un test sul social, c'è molto entusiasmo, ma stiamo lavorando a piccoli passi'

'Cosa dite se riapre il Fillmore?': pioggia di 'like' su Facebook

CORTEMAGGIORE – «Se fosse possibile riaprire il Fillmore, quali caratteristiche dovrebbe avere? Fateci sapere e tornate a seguirci perché a breve ci saranno novità». Un fulmine a ciel sereno o quasi, eppure questo è il testo del post comparso nella serata di venerdì 4 agosto sul profilo Facebook ufficiale dello storico live club che, ad anni dalla chiusura, rimane uno dei locali più amati di sempre. L’uscita non è passata inosservata, e nel giro di 24 ore il post ha collezionato oltre 400 ‘mi piace’ e un centinaio di commenti.

A molti non sarà sfuggito che nel corso dell’ultimo anno sono state molteplici le volte in cui si è tornati a parlare del club nato nel 1994 sotto la direzione artistica del cremonese Enrico Pighi. Di recente, ad esempio, si è svolto il Fillmore Summer Festival, una fortunata due giorni al Chiostro dei frati in compagnia di Omar Pedrini, Ambramarie, e di molti altri artisti organizzata dall’associazione Ladri di Fragole.

«Era solo un test sulla pagina Facebook in disuso da quattro anni» Gianmarco Aimi, presidente dell’associazione organizzatrice, che però aggiunge l’intenzione (ancora tutta da vagliare nella sua fattibilità) di organizzare un’edizione invernale del Fillmore Festival svoltosi lo scorso luglio. Magari proprio all’interno del vecchio locale? Aimi dice che sarebbe molto bello riuscire ad aprire i battenti del Fillmore anche solo per una sera, ma che sull’effettiva possibilità si stanno valutando oneri e possibilità (va ricordato che il locale è chiuso da anni). «Certo - ci dice - abbiamo visto che c’è ancora molto entusiasmo intorno al Fillmore e questo fa ben sperare, ma davvero non sappiamo ancora se la cosa sia realizzabile. Ci stiamo lavorando a piccoli passi. L’aspetto più importante per noi è comunque tenere vivo il nome e lo spirito del Fillmore con concerti ed eventi di qualità, poi se sarà possibile riaprire ci proveremo. Ma per ora non c’è nulla di certo».

06 Agosto 2017