il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


FESTIVAL ACQUEDOTTE

Ute, note e libertà

Lemper infiamma il pubblico accorso a Palazzo Trecchi con un viaggio nel tempo e nella musica del Novecento

Ute, note e libertà

Ute Lemper a Palazzo Trecchi

CREMONA - La Germania prima del baratro nazista, i caffè francesi, Parigi, i canali di Amsterdam, il jazz, il cabaret, il profumo di un Novecento fumoso, luccicante di paillettes, ma anche accartocciato e già ingiallito di malinconie infinite. Ute Lemper riporta indietro le lancette dell’orologio per uno show sospeso nel tempo in un cortile di palazzo Trecchi nuovamente da tutto esaurito. Il festival AcqueDotte vive martedì 2 agosto una delle sue serate clou all’insegna della grande musica d’autore. La cantante e attrice tedesca col suo Last Tango in Berlin, un viaggio nella musica, nella letteratura e nell’immaginario che ha segnato i capitoli e la carriera della stessa Lemper, ha scelto di mettere la propria voce accanto a un pianoforte e a un contrabbasso creato dal liutaio cremonese Marco Nolli. Una scelta tagliata sul profilo cremonese, per stessa ammissione dell’artista. Elegantissima, guadagna il palco con un «Buona sera, Cremona», mentre la formazione — ridotta all’osso: Vana Gierig al piano e Romain Lecuyer al contrabbasso — scandisce le note di Falling in Love.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

03 Agosto 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000