il network

Lunedì 25 Marzo 2019

Altre notizie da questa sezione

Blog


PIEVE D'OLMI. LA STORIA

Erasmus in ‘carrozzina’, Rebecca ce l’ha fatta

E’ la prima universitaria della provincia con disabilità ad accedere al programma. I corsi in Spagna, l’impegno della famiglia e dell’ateneo di Parma

Erasmus in ‘carrozzina’, Rebecca ce l’ha fatta

PIEVE D'OLMO - Rebecca Pini è la prima studentessa in carrozzina dell’università di Parma (prima nella nostra provincia) partita per sei mesi con l’Erasmus. Destinazione la facoltà di Lettere e filosofia dell’università di Extremadura a Càceres, in Spagna.

La sua esperienza farà da apripista ad altri studenti con ‘bisogni speciali’ che hanno il desiderio di scoprire il mondo. «Ci sono stati momenti di sconforto – racconta Rebecca – non è stato facile ottenere un ‘sì’, ma alla fine ci siamo riusciti. Tutto è iniziato lo scorso anno accademico, quando ho detto a mia mamma che sarei voluta partire per studiare all’estero. Ho affrontato Lpt (il test per accedere al bando Erasmus, ndr) e ho ottenuto il risultato di 97/100».

Dal punto di vista accademico, Rebecca, che frequenta il secondo anno della facoltà ‘Civiltà e Lingue straniere e moderne’ all’Università degli studi di Parma, aveva tutte le carte in regola per poter partire. Ma il fatto di essere in carrozzina è stato sicuramente un ostacolo. Grazie al sostegno di mamma Giovanna e papà Dionigi si è attivata una fitta rete tra l’ateneo di Parma, l’ufficio Erasmus e l’azienda sociale cremonese grazie a Michela Dalmiani (referente per la disabilità) che ha creato un progetto ad hoc in parte finanziato dalla Regione Lombardia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

29 Gennaio 2019