il network

Mercoledì 12 Dicembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Lo Stradivari 1715 si ‘gusta’ nel piatto

Lo chef della Cittadella, Vincenzo Toscano, reinterpreta ‘Il Cremonese’: ricetta con quaglie, polenta e curcuma

Lo Stradivari 1715 si ‘gusta’ nel piatto

CREMONA - Ha chiesto la consulenza di due liutai doc, Giorgio Scolari e Stefano Conia, per realizzare il suo ‘1715’, un violino presentato su un letto di polenta gialla e costruito con quaglie ripiene di pasta di salame. Il Cremonese, lo Stradivari 1715, si può non solo ascoltare, ma anche gustare. Il piatto sarà nel menù della Cittadella il prossimo autunno.
«Mi è stato commissionato per la rassegna gastronomica Degustando Stradivari, promossa dal Comune — racconta lo chef Vincenzo Toscano —. Ho preso spunto da una ricetta de La cuoca cremonese, testo culinario del XVIII secolo, ma poi sono andato di fantasia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

10 Agosto 2018