il network

Domenica 20 Agosto 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA. LA STORIA

Nel mirino perché è vegano. Insulti e minacce

Un 19enne preso di mira sia direttamente che sul web ha deciso di denunciare la prepotenza di chi da anni si prende gioco di lui

Nel mirino perché è vegano. Insulti e minacce

CREMONA - «Scendi da questo pullman: quelli come te non li vogliamo». Si riferiscono a Paolo Diaz, 19enne che ha deciso di denunciare la prepotenza di chi da anni si prende gioco di lui. È partito tutto da una scelta, decisa ma meditata: diventare vegano. È da lì che sono iniziati gli sfottò e le provocazioni laceranti, anche anonime, sui social network e nella vita reale. «Sono diventato vegano per etica — racconta —, per gli animali dimenticati da tanti. Ma quella mia decisione, maturata nel tempo, mi ha trasformato nel bersaglio preferito dei bulli. Ho cominciato a ricevere insulti pesanti e discriminazioni. E questo non è giusto». Il diciannovenne che racconta la sua storia ha scelto di denunciare la sua condizione perché possa essere d’aiuto a quanti come lui si trovano a vivere una situazione di disagio. «Quando andavo a scuola in pullman, tornavo a casa devastato psicologicamente. Ogni volta mi ripetevano che quelli come me sui mezzi non erano desiderati. Mi hanno anche fatto scendere con la forza, strattonandomi e ‘buttandomi giù’. Per non parlare di quando esco con i miei amici in discoteca o nei luoghi affollati: i cori di alcuni ‘ragazzotti’ arrivano a buttare a terra la mia autostima. Ogni occasione è buona per minacciarmi di prendermi a sberle».

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

19 Giugno 2017