il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Siria, gattile in memoria di Ernesto

La storia di Alessandra, libanese residente in città; del suo micio 'cremonese' morto per un tumore e di Mohammad, il gattaro di Aleppo

Siria, gattile in memoria di Ernesto

Alessandra Abidin con il gatto Ernesto

CREMONA - Lo scorso ottobre, un tumore si è portato via Ernesto, un gatto ‘cremonese’ di due anni e mezzo. In suo ricordo, ad Aleppo poche settimane fa è stato aperto un rifugio per gatti — il primo in tutta la Siria — che porta il suo nome: 'Casa per gatti Ernesto'. Il merito va alla sua padrona Alessandra Abidin, nata in Libano, 31 anni, da 12 residente a Cremona (da due anni ha la cittadinanza italiana), la passione per il violino e a breve la laurea in Scienze Politiche.

Grazie ad Ernesto, la storia di Alessandra si è incrociata con quella di Mohammad Alaa Aljaleel, che da più di tre anni in Siria salva centinaia e centinaia di gatti lasciati alle spalle da persone in fuga o semplicemente abbandonati nel caos della guerra. Mohammad ha cominciato per caso. Lo chiamano ‘il gattaro di Aleppo’. Lui fa l’infermiere, guida le ambulanze e nelle corse verso gli ospedali incontra palazzi sventrati, distruzione e anche gatti affamati che vivono tra le macerie. 

Alessandra su Facebook si è imbattuta in un articolo che parlava di Mohammad. Essendo di madre lingua araba, è riuscita a contattarlo. Ad Alessandra è venuta un’idea: ha aperto su Facebook il gruppo ‘Il Gattaro di Aleppo’. Ed è stato un successo. Attraverso il gruppo, si raccolgono le donazioni che hanno permesso a Mohammad di aprire il primo rifugio per gatti in Siria. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

04 Gennaio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000