il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


Domenica 9 novembre

I segreti della Spalla Cruda di Palasone

I segreti della Spalla Cruda di Palasone

Domenica 9 novembre (dalle 10 alle 12.30 in Area Degustazione Artusi)

‘L’arte della norcineria : gastronomia, storia e cultura’ è il titolo dell’evento che domenica 9 novembre (dalle 10 alle 12.30 in Area Degustazione Artusi) svelerà al pubblico del salone i segreti della Spalla Cruda di Palasone. Per l’occasione interverranno Paolo Massobrio, giornalista enogastronomico; Ferdinando Gazza esperto e appassionato dell’arte della norcineria e l’esperto norcino C a rl o Galli. Sarà Paolo Massobrio, milanese di origini monferrine, ad accompagnare il pubblico in un viaggio che parte dalla materia prima e termina grazie a mani sapienti sulle tavole dei gourmandies. Massobrio si occupa da oltre v en t ’anni, come giornalista, di economia agricola e di enogastronomia collaborando con i quotidiani La Stampa, Avvenire, con il Settimanale Vita e con il mensile Terre del Vino. E’ au - tore de Il Golosario, la guida alle cose buone d’Italia e della Guida Critica Golosa. Diciannove anni fa ha dato vita all’Ass ociazi one Club di Papillon di cui è presidente, creando cinquanta gruppi sparsi in tutta Italia che svolgono attività di approfondimento del gusto. Tra le sue battaglie più note, quella a favore delle de nom inaz ioni comunali (Deco), per affermare il valore identitario per una com u n i t à d e i prodotti della terra. E’ s ta t o membro del Comitato Scientifico per la candidatura di Milano all’Expo 2015. Massobrio parlerà delle origini e della cultura dell’arte della norcineria legata alla Spalla Cruda di Palasone; Ferdinando Gazza ne affronterà l’aspetto della tutela di igienicità e salubrità nel momento della scelta della materia prima e della preparazione del salume, mentre a Carlo Galli spetterà la parte sicuramente più spettacolare di tutto l’evento cioè la preparazione in diretta del salume, con l’as - saggio finale. Pochi conoscono sia il nome che lo splendido sapore della Spalla Cruda di Palasone, frazione di Sissa. La spalla, è dasempre nella cultura norcina italiana, e particolarmente riguardo la Spalla Cruda di Palasone i primi riscontri storici risalgono al 1170; è infatti considerata il più antico salume della ‘Ba s sa ’. Il norcino che prepara la Spalla Cruda deve possedere grande maestria nella lavorazione, dopodiché il prodotto richiede una lunga stagionatura, non meno di 15 mesi, che deve avvenire nelle vecchie e buie cantine disseminate nelle campagne della ‘B a s s a’. La Spalla Cruda di Palasone si ottiene dalla lavorazione delle carni di suini pesanti (dai 200 ai 250 chili). Viene leggermente salata per un tempo non superiore a cinque giorni e insaccata all’int er no della vescica del suino, si procede poi alla legatura manuale.

07 Novembre 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000