il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


I NOSTRI SOLDI

Pagamenti con le carte di credito, il futuro è negli smartphone

Ormai è chiaro: i pagamenti con le carte di credito saranno sempre più contactless. In America è stato installato il primo bancomat che funziona con lo smartphone

SMARTPHONE CARTA DI CREDITO

Quando si sceglie una carta di credito sono diverse le caratteristiche che si prendono in considerazione. Ad esempio, si può scegliere la carta in base al circuito di appartenenza, e quindi optare per uno dei prodotti di American Express oppure di Visa, oppure si può scegliere in base al costo del canone annuo.

Inoltre, si può scegliere tra diverse tipologie di carte di credito: ad esempio, se si effettuano molti acquisti online di deciderà di confrontare le carte prepagate, oppure se si vuole unirà alla carta di credito la possibilità di fare acquisti rateali si opterà per una revolving.

Tuttavia c’è anche un altro parametro che incide fortemente nella scelta e che sicuramente è destinato ad incidere sempre di più: la tecnologia. Sono sempre di più infatti gli istituti che offrono la possibilità di utilizzare la propria carta con modalità contactless, garantendo una maggiore sicurezza nelle transazioni.

La tecnologia contactless, poi, è sempre più collegata agli smartphone, che presto renderanno possibile pagare senza nemmeno estrarre la carta di credito dal portafogli. In America questa situazione per alcuni versi è già realtà: è l’esempio offerto dall’istituto di credito cooperativo Diebold Federal Credit Union, che in Ohio ha installato il primo bancomat che funziona tramite smartphone.

Basta infatti avvicinare allo schermo del bancomat il proprio smartphone e sullo schermo comparirà un codice a barre QR che verrà analizzato dal cellulare. In questo modo si verrà autenticati via cloud e si potrà procedere con la transazione in modo assolutamente sicuro: in questo modo infatti, si riduce notevolmente il rischio di truffe che vengono attuate manomettendo gli sportelli bancomat.

“La ricerca – spiega Frank Natoli, CIO di Diebold, azienda produttrice degli sportelli automatici – ci ha portato ad avere come riferimento i dispositivi mobili sia per la scelta dell’interfaccia utente che per la modalità di autenticazione. La funzionalità del portafoglio elettronico è una ulteriore aspetto in linea con la mentalità delle giovani generazioni. Tutte insieme, le tecnologie adottate forniscono una traccia del futuro dei servizi bancari self-service adatti alla clientela connessa di oggi”.

Il bancomat potrà infatti, essere utilizzato in modalità touch, proprio per avvicinarlo alle modalità di utilizzo della tecnologia tipiche delle nuove generazioni. Inoltre lo sportello sarà integrato con Mobile Cash Access, che permette di preselezionare sullo smarphone la somma di denaro desiderata per poi prelevarla direttamente al bancomat. Tramite un’app di mobile wallet, poi, si potrà gestire anche la parte amministrativa.

Questa tecnologia potrà avere diverse applicazioni. Quella più immediata è senza dubbio la possibilità di utilizzare lo smartphone per effettuare pagamenti tramite i POS. Ma ci sono anche ulteriori e interessanti possibilità. Un esempio: gli utenti potranno selezionare dalla propria rubrica una persona per autorizzarla a ritirare i contanti dal proprio conto. La persona delegata, infatti, riceverà tramite sms un codice da digitare sul bancomat per ritirare la somma di denaro richiesta.

10 Aprile 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000