il network

Venerdì 09 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


DATI PROVINCIALI

Disoccupazione all'8,8% e i giovani arrancano

Il 37,4% dei ragazzi tra i 15 e i 24 anni è senza lavoro, Cremona terza peggior provincia lombarda

Disoccupazione all'8,8% e i giovani arrancano

Operai al lavoro

CREMONA - E’ allarme occupazione in provincia di Cremona, i dati parlano chiaro e anche la necessità di correre ai ripari. Nel 2013 il tasso di disoccupazione in provincia di Cremona è salito all’8,8%, due punti in più rispetto al tasso del 2012 che era pari al 6,8%. La provincia di Cremona presenta così il terzo peggior risultato della Lombardia, dopo Mantova (9,1%) e Lodi (9%).

Questa, in estrema sintesi, è la situazione occupazionale rappresentata dai dati sulle forze lavoro resi noti dall’Istat. Preoccupante è anche il dato sulla disoccupazione giovanile: i ragazzi di età compresa tra i 15 e i 24 anni che cercano lavoro sono pari al 37,4%, un dato di 10 punti superiore a quello del 2012 e triplo rispetto agli anni precedenti la crisi. Anche il tasso di mancata partecipazione (così l’Istat definisce l'indicatore che misura le persone che hanno abbandonato la ricerca di un posto di lavoro) è aumentato al 14,7% collocando Cremona al primo posto a livello regionale.

Della situazione allarmante in cui versa il mercato del lavoro del territorio si è parlato nell’incontro 'Lo stato di salute delle figure professionali in provincia di Cremona'. La Provincia ha promosso l’indagine sulle figure professionali più ricercate sul territorio alle ricercatrici del Crisp dell’Università degli studi di Milano Bicocca, Claudia Graziani e Gloria Ronzoni. Dall'indagine è emerso che i settori più attivi sono legati ai servizi di ristorazione, al commercio al dettaglio, alle industrie alimentari e al comparto agricolo in generale.

Leggi di più sul giornale in edicola venerdì 7 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

06 Marzo 2014

Commenti all'articolo

  • Cittá Giurassica

    2014/03/07 - 09:09

    Una cittadina spoglia e priva di iniziative non poteva che fare questa fine. Se nei salotti comunali si pensa solo a come accalappiare voti e soldi per farsi le campagne elettorali, non andremo da nessuna parte. Discutono quale strada chiudere per eliminare il centro o quale platano abbattere per migliorare la vegetazione, ma mai che si parli di piani lavorativi. Almeno rifateci le strade che stanno peggio di quelle Cecene.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000