il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Tamoil, c'è un investitore svizzero interessato a reindustrializzare l'area

Al Tavolo in Regione si è discusso della realizzazione di un polo di trasformazione della plastica in gasolio

Tamoil, c'è un investitore svizzero interessato a reindustrializzare l'area

La raffineria Tamoil a Cremona

CREMONA - La società è ancora top secret ma c’è un investitore svizzero interessato a reindustrializzare l’area dell’ex raffineria. Nello specifico, stando ad una prospettiva che è emersa al tavolo Tamoil in Regione ma che attende sviluppi concreti, la trattativa fra il gruppo elvetico e la dirigenza del colosso della raffinazione sarebbe intavolata sulla realizzazione di un polo di trasformazione della plastica in gasolio.

Presenti a Palazzo Lombardia, gli assessori regionali Valentina Aprea (Istruzione, Formazione e Lavoro) e Mario Melazzini (Attività produttive, Ricerca e Innovazione), i consiglieri regionali Carlo Malvezzi e Agostino Alloni, Provincia e Comune di Cremona, proprietà dell'azienda, Arpa e parti sociali. In discussione le prospettive del sito che ospita la raffineria petrolifera, la ricollocazione del personale, le bonifiche delle aree.

Tutti i partecipanti hanno convenuto circa la necessità di un'accelerazione delle azioni sulle aree bonificate già pronte per l'utilizzo, che consenta lo sviluppo di nuove attività produttive con la possibilità, quindi, di ricollocare personale ex Tamoil. Nella medesima direzione è stata avanzata l'ipotesi di mettere a disposizione strumenti di accompagnamento e supporto all'ingresso di un nuovo eventuale investitore. 

Tra due mesi, il 19 dicembre, scade la Cassa integrazione straordinaria per i lavoratori, elemento che potrebbe portare alla mobilità 48 dei 255 ex dipendenti Tamoil interessati dalla Cigs all'inizio della procedura. Tutte le parti hanno dato massima attenzione al problema occupazionale dei lavoratori interessati da una processo di mobilità.

Dal canto suo Regione Lombardia, attraverso Dote Unica Lavoro e in stretto raccordo con l'azienda, si farà carico di integrare i percorsi già avviati per la ricollocazione del personale. 

Entro fine novembre il Tavolo tornerà a riunirsi e potrà lavorare sugli esiti della Conferenza dei servizi convocata a Roma presso il Ministero dello Sviluppo economico, in cui saranno definiti i processi autorizzativi per lo smantellamento della raffineria. Per quanto riguarda le bonifiche le parti hanno condiviso il positivo andamento delle azioni messe in atto da Tamoil nella prospettiva non ancora raggiunta di completare il risanamento dell'area.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

22 Ottobre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000