il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


ECONOMIA

Cottarelli: "Riordino spesa pubblica e più qualità ai servizi"

Le parole del cremonese neo commissario alla Spending review

Cottarelli: "Riordino spesa pubblica e più qualità ai servizi"

Carlo Cottarelli

CREMONA - Il consiglio dei ministri ha nominato Carlo Cottarelli commissario per la spending review. «Occorrerà del tempo per raggiungere» gli obiettivi di taglio alla spesa e miglioramento dei servizi «ma è importante procedere rapidamente sulla strada già avviata e ottenere risultati visibili fin dall'inizio» afferma in una nota il neo commissario. «Sono molto onorato per questo incarico. L'obiettivo di una Spending Review non è soltanto il riordino della spesa pubblica ma anche il miglioramento della qualità dei servizi offerti ai cittadini. Il mio impegno sarà completo».  

Carlo Cottarelli, direttore del Dipartimento degli affari di Bilancio del Fondo Monetario Internazionale (Fmi), ha lasciato il suo incarico: Cottarelli ha notificato al direttore generale del Fmi, Christine Lagarde, la sua intenzione di dimettersi con effetto dal 22 ottobre, in seguito alla sua nomina a commissario per la spending review. Lo afferma il Fmi in una nota. «I colleghi e gli amici» di Carlo Cottarelli «qui al Fmi saranno dispiaciuti della sua uscita, ma la sua nomina in Italia è la testimonianza delle superbe qualità che lo hanno distinto alla guida del Dipartimento degli affari di bilancio per oltre cinque anni» afferma Lagarde. «Carlo è stato responsabile per lo sviluppo del Fiscal Monitor», il rinomato rapporto sui conti pubblici del Fmi, mette in evidenza Lagarde, precisando che «sotto la sua guida il Dipartimento ha giocato un ruolo centrale nell'assistenza tecnica del Fmi agli stati membri». Le responsabilità di Cottarelli sono ad interim passate ad Sanjeev Gupta. Una ricerca per il successore di Cottarelli inizierà a breve.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO


05 Ottobre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000