il network

Martedì 25 Luglio 2017

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMA

Gestione dei rifiuti, bocciato l'inceneritore

Provincia all'avanguardia ma disomogenea, il futuro è nella differenziata: Cremasco e Casalasco maglia rosa

Gestione dei rifiuti, bocciato l'inceneritore

Sala Ostaggi gremita per il Forum sulla gestione dei rifiuti

CREMA - Tre ore di dibattito per fotografare il presente e preconizzare il domani, in testa la revisione del Piano provinciale rifiuti: questo è stato il Forum di in Sala Ostaggi. La provincia di Cremona è virtuosa, ma disomogenea: raccolta differenziata a livelli eccellenti con Cremasco e Casalasco maglia rosa e Cremona maglia nera. Durissime critiche sull’inceneritore e la consapevolezza che la sfida vera è il potenziamento della raccolta differenziata. Presenti al dibattito molti esponenti del mondo politico provinciale e portatori di interesse.

Raccogliere rifiuti differenziati è più oneroso - è emerso nel corso del FOrum - ma notevolmente più risparmioso nello smaltimento. Il Cremasco non ha puntato sull’impiantistica. Cremona ha scelto la strada inversa, ma ha ottenuto minori risultati nella differenziata. L'inceneritore di Cremona, per altro, è definito obsoleto da alcuni. Francesco Bordi, assessore all’ambiente del comune di Cremona è meno tranchant e con stile conferma il giudizio. Sciorina i parametri tecnici dell’impianto: escludono la sua collocazione tra i migliori in circolazione. Bordi porterà il consiglio una mozione sull'argomento. Intanto Regione Lombardia va nella direzione dell’abbandono graduale dell’incenerimento.

29 Settembre 2013