il network

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


Lotta alla nutrie, la Regione mette sul piatto 300mila euro

Dal monitoraggio degli ultimi due anni il numero degli esemplari supererebbe i 2.250.000

Lotta alla nutrie, la Regione mette sul piatto 300mila euro

Un esemplare di nutria in un corso d'acqua del Cremonese

MILANO - La Regione Lombardia per il 2013 mette sul piatto 300.000 euro per la lotta alla nutrie. Alla luce dei dati pervenuti con il monitoraggio 2012-2013, l'impegno viene intensificato. Inserita nell'elenco delle 100 specie aliene più dannose del mondo, la nutria causa danni rilevanti all'economia agricola del territorio, minacciando pericolosamente le arginature dei corsi idrici, in cui costruisce le tane, ma anche gli ecosistemi umidi naturali. 

Oltre due milioni di esemplari. In Lombardia le province maggiormente interessate (Bergamo, Brescia, Cremona, Mantova, Lodi, Milano, Pavia) da un decennio attuano piani di contenimento, con il sostegno della Regione. La specie sta ampliando progressivamente la sua area di distribuzione (passata dagli 867.538 ettari nel 2004 a 1.050.000 ha nel 2013) e i danni cagionati all'agricoltura non sembrano ridursi. Anche perché il numero di nutrie, dal monitoraggio degli ultimi due anni, supererebbe i 2.250.000 esemplari. 

Tutte le operazioni in programma. Sono stato infatti stabiliti: il mantenimento di un presidio nel controllo attraverso la definizione di un obiettivo di cattura minimo, al quale tutte le Province devono attenersi; il proseguimento del monitoraggio, razionalizzandone rilievi e costi indotti; il riparto dei finanziamenti con una premialità riferita al rispetto dell'obiettivo di cattura; la promozione di protocolli con Province, aree protette e consorzi di bonifica; la creazione di un tavolo di confronto sul tema con le altre Regioni della Macroregione agricola della Pianura padana; l'avvio di ricerche per affinare la stima numerica delle popolazioni, per cercare modalità di riutilizzo delle carcasse, per quantificare meglio l'entità dei danni. Infine, saranno proposte semplificazioni in materia di classificazione delle carcasse, di metodologie di contenimento e di scadenze del monitoraggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

10 Settembre 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000