il network

Giovedì 08 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


Farmacie, posti di lavoro a rischio

Farmacie, posti di lavoro a rischio

Una farmacia comunale

CREMONA - Posti di lavoro a rischio nell’Azienda Farmaceutica Municipalizzata di Cremona (Afm). E’ la preoccupazione emrsa dall’assemblea dei dipendenti e condivisa dalle organizzazioni sindacali di categoria Fisascat-Cisl e Filcams-Cgil.
Secondo Afm - azienda a partecipazione pubblica (22% del Comune di Cremona e 78% di proprietà di Admenta, Multinazionale tedesca del farmaco) - «dal mese di aprile dello scorso anno Admenta ha radicalmente cambiato il modo di approcciare alle problematiche legate alla riduzione della spesa, alla crisi montante e presente anche in questi settori, incrementata dall'aumento della concorrenza (parafarmacie). Si è arrivati ad oggi, dove si dichiarano in esubero 12 dipendenti, tutti i commessi-coadiutori che non sono più funzionali alla nuova organizzazione del lavoro che Afm intende inserire nelle farmacie, esclusivamente perché non possono per legge vendere farmaci. Non è previsto e richiesto l'intervento della cassa integrazione (ammortizzatore sociale) in quanto l'Azienda non ha bilanci in negativo».
La messa in discussione dei posti di lavoro in conseguenza della nuova organizzazione desta parecchia apprensione tra dipendenti e sindacati. «La nuova organizzazione del lavoro non prevede l'azzeramento delle mansioni dei dipendenti, ma lo spostamento sulle spalle dei farmacisti dei compiti prima assegnati ai commessi-coadiutori. Il sindacato unitamente alla Rsu aziendale ha fatto svariate proposte all'Azienda con l'intento di azzerare o drasticamente ridurre il numero degli esuberi. Ad oggi alle richieste avanzate sono arrivate solo risposte negative o ampiamente insufficienti».
Nelle prossime settimane sono previste azioni «per sensibilizzare le istituzioni e l'opinione pubblica su questi problemi non dimenticandoci che il ruolo del farmacista ha anche un etica che non può essere messa in un angolo rincorrendo la sola e unica regola dei “numeri” e della “cassa”».
© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

12 Marzo 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000