il network

Mercoledì 26 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


A CREMONAFIERE

Cremona Musica, innovazione nel solco della tradizione

Sono 300 gli espositori, 5 mila i prodotti nei padiglioni, 181 gli eventi fra masterclass, festival, concerti, presentazioni, seminari e workshop

Cremona Musica, innovazione nel solco della tradizione

CREMONA - «Cremona ha un’importanza fondamentale per il bel suono dei suoi strumenti ad arco». La frase arriva dal celebre pianista iraniano Ramin Bahrami, uno degli ospiti più attesi di Cremona Musica 2017, che testimonia il prestigio raggiunto dalla manifestazione cremonese.

L’evento è iniziato questa mattina. Con il taglio del nastro alle 11 ha preso avvio la nuova edizione di Cremona Musica International Exhibitions, la manifestazione dedicata agli strumenti musicali di alta qualità più importante del mondo e l’unica fiera italiana nel suo genere. La nuova edizione della manifestazione, da oggi a domenica, si svolge a CremonaFiere, il quartiere fieristico della città di Stradivari, nota in tutto il mondo per l’antica tradizione liutaria e la storica vocazione per le sette note. Sono presenti 300 espositori (il 60% provenienti dall’estero) con 5.000 prodotti in esposizione. Inoltre sono programmati 181 eventi in 72 ore (28 masterclass, 5 festival, 76 concerti, 58 presentazioni, seminari e laboratori, 11 workshop, 3 mostre).

Ricchissimo anche il comparto degli ospiti. Sono 300 tra cui, oltre a Bahrami, Ivry Gitlis, Giovanni Sollima, Gilles Apap, Enrico Pieranunzi, Itamar Golan, Danilo Rea, Nello Salza, Sonig Tchakerian, Benedetto Lupo, Carlo Fabiano, Richard Hoover, Jason Kostal, Steve Klein, Eric Lugosch, Paolo Bonfanti e Michelangelo Piperno, Tuck & Patti, Diane Ponzio e Finaz, Inna Faliks, Maurizio Baglini, Alessandra Ammara e Danilo Rea, Itamar Golan, , Umberto Petrin, Natsuko Inoue ed Enrico Pierannunzi, e poi ancora Hyunim Yoon, Matteo Evangelisti, Gary Schocker, Jean-Claude Gérard, Andrea Macone Cho Sunghyun.

La manifestazione quindi continua sulla strada della crescita, una crescita che ha richiamato, solo nell’edizione 2016, oltre 16.800 visitatori (di cui il 21% dall’estero) e che pone Cremona Musica come punto di riferimento per i liutai e i principali produttori di accessori e forniture per la liuteria. Inoltre si conferma un appuntamento sempre più irrinunciabile anche per tutti gli altri produttori di strumenti musicali di tutto il mondo, così come per gli editori musicali, e per i commercianti e i compratori internazionali più qualificati. Oltre che — naturalmente — per la grande comunità di musicisti professionisti e amatoriali.

Ma Cremona Musica guarda avanti ed è ricca di novità. Fra quelle più interessanti il ciclo ‘Suona con...’, un innovativo format in cui ogni allievo effettivo potrà partecipare attivamente a una sessione di musica d’insieme con un grande musicista. Il violinista francese Gilles Apap, il pianista israeliano Itamar Golan e tre pianisti jazz italiani Umberto Petrin, Enrico Pieranunzi e Danilo Rea sono i grandi artisti che, eccezionalmente, a Cremona saranno disponibili a condividere il loro approccio creativo ed empatico di far musica con gli studenti iscritti e selezionati.

Da segnalare anche i piano festival, veri e propri festival organizzati attorno a grandi marchi della produzione di pianoforti (Steinway, Fazioli, Steingraeber) e con alcuni dei più grandi nomi del pianoforte a livello mondiale. A questi si aggiunge ‘Yamaha Piano Discovery’.

Infine, tra le altre iniziative, l’edizione 2017 punta molto anche sulla formazione ad altissimi livelli grazie alle masterclass dell’Accademia di Santa Cecilia con i docenti Sonig Tchakerian, Benedetto Lupo, Carlo Fabiano e Giovanni Sollima. E con le masterclass di chitarra acustica con musicisti come Micki Piperno, Eric Lugosch, Paolo Bonfanti e liutai come Jason Kostal, Richard Hoover, Steve Klein.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI FOTO E VIDEO

29 Settembre 2017