il network

Venerdì 20 Ottobre 2017

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

Camping Parco al Po, i numeri dei primi due mesi di attività

Il presidente Giusi Biaggi: è una opportunità per la città di Cremona e per i suoi cittadini

Camping Parco al Po,  i numeri dei primi due mesi di attività

CREMONA - "Il Camping Parco al Po è stato inaugurato il 27 maggio scorso e da quella data ha iniziato la propria attività
ricettiva. La sistemazione di quest’area non è stata semplice: una parte della struttura era in disuso e altri
spazi erano da attrezzare ex-novo. L’avvio dell’attività ha destato, come spesso accade, reazioni, commenti
e giudizi: alcuni fortemente critici e negativi; altri entusiastici e propositivi". A parlare così è Giusi Biaggi, presidente del Consorzio Sol.co Cremona. "Pertanto, come gestori del Camping Parco al Po, desideriamo condividere con la cittadinanza l’andamento dell’attività ricettiva e il senso delle scelte che fino ad ora abbiamo fatto e che faremo".

L’area si trova nel Parco del Po (tra il Ristorante Dordoni e le Colonie Padane), in una posizione ottimale
perché immersa nella natura ma, allo stesso tempo, vicina al centro città. Accanto al Camping corre la pista
ciclabile VenTo, ciclovia che sta gradualmente aumentando la propria percorribilità ed attrattività.
Nell’area sono presenti 56 piazzole per sosta camper dotate di colonnette con l’attacco dell’energia elettrica
e l’acqua. Cinque piazzole sono dotate di una copertura temporanea (primavera ed estate) per l’ombreggiatura. Ai
turisti si garantiscono la sosta in area videosorvegliata, l’accesso al camper service per il carico e scarico delle
acque reflue, servizi igienici attrezzati con docce, lavatoi, area ristoro attrezzata con piccolo minimarket, zona
armadietti con chiave di sicurezza, noleggio biciclette.

"È sempre possibile accedere al camping poiché l’ingresso è automatizzato (come accade nei parcheggi a pagamento) ed attivo 24ore su 24 - chiarisce il presidente Biaggi -. La presenza degli operatori è garantita per 8 ore al giorno ma, anche in assenza di essi, è possibile l’accesso e la sosta. Gli investimenti in automazione sono stati sostenuti soprattutto per garantire un servizio continuativo anche in assenza del personale. Oltre alla ricettività di camper e caravan è ammessa la sosta in tenda (per cicloturisti o per turisti che viaggiano in auto). Anche per essi è possibile accedere tramite sistema automatizzato.
Il check in dei turisti viene fatto dall’operatore in turno ed è sempre garantita una reperibilità telefonica. Fin dalla progettazione dell’attività e cogliendo una richiesta da parte di podisti cremonesi (singoli od organizzati), si è pensato di promuovere la sosta per gli atleti che, arrivando in auto/bici/moto, desiderano parcheggiare il loro mezzo in zona sicura e videosorvegliata, fare attività sportiva lungo il fiume, rientrare, fare la doccia e poi lasciare l’area".


Il presidente Biaggi poi prosegue. "Metto in evidenza due critiche che abbiamo più volte ricevuto in queste settimane: 'Non c’è ombra' e 'sembra chiuso'. Sulla carenza di ombra non ci sono dubbi: gli alberi presenti sono bassi e senza chioma. Per questo motivo abbiamo messo in campo due azioni: l’installazione di 5 coperture temporanee ombreggianti per 5 piazzole e la piantumazione di 40 piante della tipologia Celtis Australis (detto “bagolaro”). Gli ombreggianti sono stati posizionati a metà giugno mentre per la piantumazione stiamo seguendo i suggerimenti dei vivaisti: per favorire l’attecchimento e la crescita sarà opportuno piantumare in autunno o a fine inverno. Abbiamo ordinato piante con una circonferenza del tronco di cm 30 e i vivaisti dicono che, se tutto andrà per il meglio, nel giro di un paio d’anni queste piante saranno in grado di fare una bella
ombreggiatura. Su questo, davvero, dobbiamo solo attendere ed aiutare la natura a fare il suo corso. Diversi cremonesi dicono che il Camping 'sembra chiuso'. Probabilmente dobbiamo migliorare la comunicazione (sia in termini di segnaletica sul posto che sui social) e la 'leggibilità' del luogo. Ma, come accennato sopra, l’area sosta è sostanzialmente 'sempre aperta' proprio perché il suo accesso è pensato mediante sistemi automatizzati".

Veniamo velocemente ai numeri di questi primi due mesi: "Nel mese di giugno abbiamo ospitato 191 turisti e nel mese di luglio 307. I turisti, al 90% stranieri (provenienze prevalenti Germania, Austria, Francia, Olanda), sostano generalmente una notte perché in tour per l’Italia. I riscontri avuti fino ad ora sono stati positivi: i turisti apprezzano l’area e ne danno riscontro verbalmente, sui social e sui blog di settore. Le azioni di miglioramento da attuare sono chiaramente molte. Ne accenniamo in questa sede due: aumentare la conoscenza dell’area attraverso un’adeguata azione di marketing; migliorare l’ospitalità
cercando di “far sostare” i turisti per più di una notte (cosa non semplicissima in una città come Cremona che ospita turisti per brevi periodi). Garantiamo che stiamo mettendo tutto il nostro impegno per raggiungere questi obiettivi. Tutto ciò che i cittadini vorranno farci presente e suggerirci per il miglioramento del servizio e della qualità dell’accoglienza turistica sarà per noi più che gradito e costituirà un’occasione per crescere insieme. Massima disponibilità a crescere e costruire… non certo a prestare il fianco a strumentalizzazioni o atteggiamenti distruttivi. Abbiamo davanti 9 anni di tempo e, come tutte le attività imprenditoriali che si trovano in fase di avvio, non ci illudiamo di arrivare in pochi mesi al punto di pareggio tra costi e ricavi. Ciò che perderemo in questi mesi costituirà il rischio di impresa calcolato che ogni attività porta con sé. Certamente non peserà sulle tasche dei cittadini cremonesi perché trattasi di attività privata di impresa. Crediamo che il Camping Parco al Po costituisca una opportunità per la città di Cremona e per i suoi cittadini; per questo motivo, come imprese sociali, ci stiamo investendo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

12 Agosto 2017