il network

Venerdì 21 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Provincia e tesoretto A21. Senza quota rischio dissesto

Quella somma sarebbe una boccata d'ossigeno per l'ente che, senza il dividendo spettante (4,5 milioni), rischia il crac

Provincia e tesoretto A21. Senza dividendo rischio dissesto

Il palazzo della Provincia e la sede di CentroPadane

CREMONA - Riflettori sempre puntati su Centro Padane. Non, stavolta, sulla battaglia per il rinnovo del cda, conclusasi con la nomina alla presidenza del bresciano Fabrizio Scuri, ma sul 'tesoretto' di 30 milioni che la società autostradale ha accantonato nel corso degli anni. Quella somma sarebbe una boccata d'ossigeno per la Provincia che, senza la quota spettante (4,5 milioni), rischia il dissesto. Il consiglio provinciale ha dato indirizzo al dirigente del settore Risorse economiche e finanziarie affinché predisponga una bozza di bilancio in tempo utile per l’approvazione da parte del consiglio stesso entro il 30 giugno. In quell’occasione il presidente dell'ente, Davide Viola, ha illustrato i diversi aspetti della situazione di squilibrio prevista per l'anno in corso, Una situazione sintetizzabile in pochi dati: 39,9 milioni di euro di entrate, 45,4 milioni di uscite. Per un disavanzo di 5,4 milioni. Ed è qui che entra in scena Centro Padane, di cui la Provincia è il principale ‘azionista’ cremonese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

28 Maggio 2017