il network

Lunedì 24 Settembre 2018

Altre notizie da questa sezione

Blog


CREMONA

Revisione strategica, possibile vendita del marchio Sperlari

Vista la negativa situazione economica italiana, il Gruppo Cloetta potrebbe anche includere la potenziale uscita dal business in Italia

Revisione strategica, possibile vendita del marchio Sperlari

La sede della Sperlari a Cremona

CREMONA - Alla luce della negativa situazione economica italiana e delle performances di Cloetta Italia in questi ultimi anni, Cloetta (proprietaria di alcuni dei maggiori marchi presenti sul mercato tra cui Sperlari) ha avviato una revisione strategica di Cloetta Italia. "Come conseguenza - si legge in un comunicato di Cletta - di questa situazione economica negativa, è stata stimata la necessità di una svalutazione attribuibile a Cloetta Italia per un valore di 771 milioni di Corone Svedesi (80.9 milioni di Euro) ante imposte e 594 milioni di Corone Svedesi (62.3 milioni di Euro) al netto delle imposte. La revisione strategica di Cloetta Italia è finalizzata a migliorare la crescita e i margini del Gruppo Cloetta e potrebbe anche includere la potenziale uscita dal business in Italia. Nel 2016 le vendite di Cloetta Italia ammontano approssimativamente a 750 milioni di Corone Svedesi (78.7 milioni di Euro). L’uscita dal business di Cloetta Italia potrebbe migliorare l’EBIT percentuale del Gruppo. La svalutazione di Cloetta Italia include una svalutazione dell’avviamento commerciale e dei marchi relativi al business italiano e comporterà costi non operativi per 771 milioni di Corone Svedesi (80.9 milioni di Euro) ante imposte e 594 milioni di Corone Svedesi (62.3 milioni di Euro) al netto delle imposte che saranno inclusi nel risultato del quarto trimestre 2016. La svalutazione non avrà effetti sulla liquidità e quindi non inciderà sul rapporto debito netto/EBITDA di Cloetta o sulla sua capacità di pagare dividendi. Cloetta AB comunica queste informazioni secondo quanto previsto dal Regolamento Europeo sul Market Abuse".

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

18 Gennaio 2017

Commenti all'articolo

  • mario

    2017/01/19 - 08:08

    E' arrivata l'ora di una cordata di imprenditori cremonesi (magari dell'agroalimentare) che si faccia avanti per compiere un atto di fede verso il territorio... il valore del marchio e la sua cremonesità non devono essere disperse...

    Rispondi