il network

Sabato 10 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


ROMA

Arvedi: ora l'Italia riavrà l'acciaio elettrico

Siglato a palazzo Chigi l'accordo di programma per l'area Ferriera di Servola

Arvedi: ora l'Italia riavrà l'acciaio elettrico

Il cavaliere Arvedi e il premier Renzi

ROMA — «Abbiamo fatto lavoro di squadra. Con lavoratori, sindacati, Arvedi, istituzioni locali e Governo abbiamo trovato un punto di equilibrio che ha consentito di risolvere in circa un anno una crisi industriale complessa, tra le più gravi del Paese, con la continuazione di un’attività industriale ma soprattutto, nell’interesse dei cittadini, con il risanamento ambientale di un sito fortemente messo a prova dalle produzioni». È il commento della presidente del Fvg, Debora Serracchiani, all’accordo sulla Ferriera di Servola. «L’Italia non ha più l’acciaio elettrico, lo avremo a Trieste». Lo ha detto l’industriale Giovanni Arvedi, a margine della firma dell’accordo per la Ferriera di Servola. Arvedi ha parlato dello stabilimento come del completamento del sito di Cremona, che «aveva bisogno di un’area sul mare che Trieste, uno dei porti più importanti d’Italia anche per i suoi fondali, garantendo un luogo ideale per lo sbarco e l’imbarco dei materiali». Dunque, «Trieste consentirà di completare il ciclo produttivo del Gruppo, con la laminazione a freddo, che purtroppo a Terni è stata tolta», rimanendo quella a caldo a Cremona.

22 Novembre 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000