il network

Sabato 03 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Blog


PREMIO BERTOLETTI

Ecco le poesie degli studenti partecipanti

penna scrivere

CREMONA -Torna il premio di poesia in ricordo di Claudio Beroletti, rivolto agli alunni delle scuole medie di Cremona. Tema: ‘Quando rido...perché rido’. L’iniziativa, a cura di Paola Bertoletti (sorella di Claudio), Paolo Taglietti e dell’Associazione Bertoletti, culminerà con le premiazioni di sabato 22 marzo al Cittanova. Partecipano le scuole Beata Vergine, Campi, Virgilio, Vida, Anna Frank e Sacra Famiglia. Sponsor: Cassa Padana. Alla premiazione parteciperanno anche i ragazzi del laboratorio L’officina dell’Espressione e le danzatrici del centro danza Sporting Life.

 

Quando rido...perché rido
Le risate sono davvero molto importanti
Molto più d’oro e diamanti
Rido per scacciare i brutti pensieri
Che fan diventare i miei giorni neri
Ridere rende bella ogni mia giornata
grazie all’euforia di ogni risata
Ho davvero bisogno di ridere
Perché altrimenti non potrei vivere
Allegra Ferrari 2a D Media Campi

 

Per ridere
Per ridere ci vuole il cuore
senza malumore
Per ridere ci vuole un sorriso,
che sia ampio e deciso
Non deve essere forzato
nè costretto, ma amato
Deve essere come un’onda
che trascina chi lo circonda
Quando rido chiudo gli occhi e volo via
in una strada che non è solo mia,
corro a perdifiato,
finché mi ritrovo ad un sogno aggrappato
faccio un respiro profondo
e in un silenzio ardente cado.
Sara Dasti 2a D Campi
La felicità è semplice
Quando rido...perché rido
Perché i miei stanno bene
Quando rido...perché rido?
Perché posso on morire di sete
Quando rido...perché rido?
Perché posso trascorrere la mia infanzia
Quando rido...perché rido?
Perché intorno a me ci sono persone che mi vogliono bene
La felicità
è un sorriso
Mirian Ciobanu 2a B Campi

 

Rido rido e ancora rido
Rido rido
e ancora rido.
la vita è così
ogni giorno
guardo in alto
l’aria aperta
il cielo azzurro
come il mare
e sorrido
perché non c’è cosa più bella.
Cammino in un viale pieno di rose
e sorrido ancora
perché sento un profumo bello
mescolato al sentimento di gioia.
Rido rido
e ancora rido.
I sentimenti sono sparsi per l’aria
prendo una rosa
tanti petali rosa
uno accanto all’altro
sento il suo profumo
e sorrido
perchè mi sento libera
in un altro mondo
senza pensieri o problemi
sono sola
con la natura
solo con me stessa.
E rido e sorrido
gioia e piacere
sentimenti mai provati...
lascio cadere la rosa
e comincio a correre
senza una meta.
Alexandra Banu III C Campi

 

C’è chi ride
C’è chi ride piano
sottovoce,
come per non farsi notare.
C’è chi ride forte,
con fragore,
per far capire che lui c’è.
C’è chi ride per finta,
chi per davvero.
Chi perché
«ridere a bene».
Chi perché
«rido per non piangere».
Poi c’è chi ride così,
senza motivo,
senza un’espressione precisa.
Ride perché gli piace,
perché crede che renda la vita migliore.
Io sono così,
rido
perché mi sazia,
mi sazia da questa fame di felicità
che il mondo crea,
con tutte le promesse ed i ‘poi’
che non hanno futuro, che non hanno valore.
Virginia Fiameni III A Campi

 

Ridere...
Ridere nelle sere d’estate e parlare,
insieme ad amici guardando il mare
Ridere quelle notti tra cuscini volanti,
e raccontarsi i segreti più affascinanti,
ridere dell’armadio e dei suoi mostri,
e degli incubi che son solo nostri.
Ridere dei momenti un po’ strani
e di quelli ormai quotidiani...
Ridi sempre per chi a te davvero tiene
chi sta intorno, a cui vuoi un mondo di bene.
Anna Galletti II B Anna Frank

 

Quando rido...Perchè rido
Se penso a quando rido,
penso a mia madre sbadata
sempre alla ricerca della cosa dimenticata,
a mio padre che poi dice sconsolato:
«E’ proprio un caso disperato»!
Penso a mio nonno Peppone,
quando allo specchio ammira il suo pancione
o va fiero del suo testone.
penso a mio nonno Franco,
quando dopo pranzo
si sdraia sul divano
e russa a tutto spiano.
Penso a mia nonna Romana che,
nonostante la malattia,
mi dona ancora allegria
con la sua risata contagiosa
che abbraccia ogni cosa.
Penso a me in un campo di calcio
quando con le mie scivolate
cerco di arpionare le palle rubate.
Penso che ridere sia la cosa più bella,
ma a questo mondo manca proprio quella.
Allora dico a tutti voi:
«Rendiamo la vita un po’ più colorata
con una gran bella risata»
Francesco Tambani II D Anna Frank

 

Quando rido...Perchè rido
Quando rido son felice
perché rido non lo so
io nemmeno me ne accorgo
oppure dopo un po’.
Il riso è un’emozione
che si prova ad ogni ora
provate a immaginare un mondo senza risa
che tristezza, che paura!
Fortuna c’ora esiste
per diverirsi in compagnia
la risata è contagiosa
ma non c’è da spaventarsi:
è una cosa positiva!
Senza questa tu stai male
allora ridi insieme a me
col riso e con la...pasta!
Diana Cauzzi I C Anna Frank

 

Sorriso
Dopo anni ad aspettare
ti vediamo arrivare:
un faccino delicato
si avvicina spaventato.
Ti accarezzo sulla guancia,
ti do un bacio sulla pancia,
ti sussurro dolcemente
tutto ciò che ho nella mente...
pasticcini, cioccolato,
giochi e zucchero filato.
E d’incanto nei tuoi occhi
c’è il paese dei balocchi.
Alla fine sul tuo viso
c’è uno splendido sorriso.
Viola Zagni III C Anna Frank

 

Quando rido...perché rido
Perché rido...se penso alle avventure con gli amici
che quasi sempre sono felici.
Rido perché mi sento fortunato
Oppure sono innamorato
Rido contento
e non mi spavento
del nuovo anno arrivato
ma mi piace anche quello passato!
Rido perché tutto va bene
e dentro di me non ho pene.
Quando rido...perché rido
Ora vi lascio un sorriso!
Filippo Romani Signorini III E Anna Frank

 

Quando rido...perché rido
Ad un passo dalla malinconia
io mi fermo,
torno indietro,
mi giro e rido.
Ho imparato a vincerla,
la tristezza,
guardando da un’altra parte
abbandonandomi ad un respiro
e a una grassa risata
capace di sgorgare dal cuore
accarezzando il viso
di un tondo di luna
in cielo.
Francesca Angela De Rosa I F Vida

 

Rido
Rido,
per non essere triste
Rido,
per non essere serio
Rido,
e tutto si illumina
Rido,
questo è il suono della vita
Rido,
e navigo come un marinaio nel mar di allegre emozioni
Rido,
per guardare il mondo a colori
Davide Ferrari III C Vida

 

Io rido se...
Io rido se sono felice
se sono triste
per dimenticare
Se rido da solo
mi sento uno stolto
Se rido con altri
un po’ più colto
Se rido degli altri
poi mi sento male
Se ridon di me
mi fanno soffrire
Allora ho capito come si fa
Io devo ridere con semplicità
Duccio Pasquetti II C Vida

 

Quando rido...perché rido
Rido!
prendo in prestito l’allegria
la tristezza sfuma via
Il cuore si apre alla risata,
ogni anima è contagiata.
Ogni dramma e dolore
sembra perdere colore.
Rido perché ne ho bisogno,
rido perché sogno.
Vorrei che tutto fosse più giocondo,
vorrei che ridesse tutto il mondo.
Rido anche di me stesso,
ma rido senza compromesso.
Rido di gusto con i miei amici,
sperando di essere per sempre felici!
Giulio Vago III E Vida

 

Voglio ridere
Voglio ridere di una battuta effimera e leggera
non voglio piangere.
Voglio ridere e guardare il mondo con gli occhi dell’allegria,
non voglio soffrire.
Voglio ridere, essere nuvola,
non voglio sentirmi pesante, legata e costretta.
Affronto la vita con un timido sorriso,
ma rivendico il mio diritto alla felicità.
Daria Molinari III C Vida

 

Io rido
Rido per la gente
rido per un mondo che non mente,
rido con il cuore,
rido con amore,
rido per gli amici,
per aiutarli se infelici,
rido per gli ammalati,
perché si sentano confortati,
rido tutti i giorni,
perché il sorriso torni,
rido per la pace e per chi non ne è capace.
Il sorriso io sono
ed esisto per farvi un dono,
la tristezza io combatto
per un mondo più compatto,
per un mondo più felice,
eccomi, io mi chiamo Alice.
Alice Anselmi III A Beata Vergine

 

Rido, perchè rido
Rido per la gioia di vivere
e per accendere la tempesta del mio essere.
Rido perchè è semplice
e perché la gioia del mio momento è irrefrenabile.
Rido per cogliere i segreti degli attimi
seguendo la voce del vento che mi sussurra le sue storie.
Rido quando il cielo e la terra
ci trascinano nel mulinello della vita
scaldandoci l’anima più segreta.
Rido con Te ascoltando
gli spazi dei nostri silenzi
e i suoni della nostra anima felice.
Giorgia Pache Javier III°A Virgilio

 

Quando rido…perchè rido
Fin che posso … rido
Rido amaramente per i politici
gridano, insultano e fan capricci
fregan soldi allo Stato
poi si difendono… non ho rubato!!!
Rido proprio a crepapelle
quando mi raccontano barzellette belle
Io non ne sono mai capace
e di questo mi dispiace
Rido fin troppo sguaiato
quando vengo solleticato
sotto i piedi od alle ascelle
Che risate sono quelle!
Rido molto anche allorquando
con gli amici sto giocando
sto correndo, sto saltando,
ma di certo…non studiando!
Giacomo Sangalli III B Scuola Virgilio
Quando rido perchè rido
Rido perché mi piace giocare
e con i miei amici riesco a lasciarmi andare.
Rido quando la mamma mi fa un buffetto
mi prende a braccetto
per accompagnarmi in camera e mettermi a letto
Rido perché mi ritengo fortunato,
che Dio mi abbia dato
una famiglia dove mi sento amato.
Giacomo Bruneri I B Virgilio

 

Quando rido...perché rido
Può bastare un bel sorriso,
ma di certo è meglio il riso;
uno stolto sempre ride,
uno serio mai sorride.
Si ride per storielle
che siano brutte oppure belle.
Son sincera lo confesso
rido assai, rido spesso.
I motivi sono tanti
spesso schiocchi e intriganti.
Dicono che ridere fa bene
che fa passare tutte le pene.
Perciò a crepapelle noi ridiamo
per mondo vivo e sano.
Elisa Grandi I A Virgilio

 

Ricordi sorrisi
Alla fine ho sorriso!
Ho sorriso ai miei ricordi
a quelli felici e ai ricordi tristi.
Ora sorrido.
Penso alla mia mamma e al mio papà
a una mia vecchia foto,
ai miei amici e…
alle mie maestre speciali…
Potrei sorridere
ancora per molto,
ma non è facile…
Mi vien da piangere…
se penso alle persone
che mi hanno sorriso.
Cecilia Zelioli I G Virgilio

 

Quando rido...perché rido
Io spesso rido, anche
per un motivo inespresso.
Il riso è una forza
che mai si smorza.
Volendo, il riso è una cura,
più efficace di ogni premura.
Talvolta rido per la sorpresa,
per una cosa inattesa.
Può essere, il riso,
l’esagerazione del sorriso.
Rido per non piangere
o piango dal ridere.
Il riso e il pianto,
il pianto e il riso.
Due emozioni distinte,
ma non finte.
Due sentimenti, il riso e il pianto:
a volte uno maschera dell’altro.
Giulia Tassi II E Virgilio

 

Quando rido … perche’ rido
Ridere che bello!
Quando rido vuol dire che mi diverto,
che sprizzo gioia pur se il cielo è coperto,
e se anche fuori tuona e piove,
c’è sereno nel mio cuore!
Quando son in famiglia o in compagnia
che bello è ridere in allegria!
Anche sol per una vispa barzelletta
ecco apparir sulla mia bocca una smorfietta.
Una risata è molto più di quel che sembra:
è un gran sollievo per le mie membra,
è la mia anima che gioca e dolcemente sbuffa,
scherza e ride piano piano, poi si tuffa.
Rido e rido per un non sia
con gli amici o con chiunque sia
e sento l’oggi miglior di ieri
se a volte rido dei miei pensieri.
Ed il bello della risata in sincera simpatia
è che tutti van d’accordo e…pronti via!
Perché il riso ti ristora e porta al mondo più armonia
mentre aleggia ovunque sia una perfetta sintonia!
Matteo Merli III B Virgilio

 

Se rido, è perché rido
Rido sempre, e se sto male sorrido
Se rido, è perché rido
Non si sa mai come è fatta la realtà
Ma se vai avanti senza fare caso agli ostacoli avrai felicità
Non voglio pensare alla tristezza che sto attraversando
Voglio ridere, e camminare per le strade cantando
Non voglio pensare che piangerò a vita
Voglio credere che tutto sia più facile altrimenti non è più finita
Se rido, è perché rido
Rido sempre, e se sto male sorrido
Non voglio che una lacrima in più scenda dal mio viso
Voglio credere che ci sarà una porta aperta per me e che mi
faccia capire che può cambiare tutto solo un sorriso
Se rido, è perché rido
Voglio credere che la vita sia migliore
Voglio crescere poter andare avanti senza ricordare
nemmeno un errore
Se rido, è perché rido
Non voglio che sia finita
Voglio ridisegnare il mondo dammi una matita
Deborah Ruggeri II H Virgilio

 

Quando rido...perché rido
Le risate sono come fiumi di parole,
che cambiano di volta in volta a seconda del mio umore,
come se spifferi di allegria e felicità arrivassero come fulmini dritti al mio cuore.
Ogni risata qualcosa vuole raccontare
è sempre unica e speciale.
Quando rido perché sono in famiglia,
penso che l’unione sia la più grande meraviglia.
Quando rido con un amico speciale,
penso che, per fortuna, qualcuno può sempre tirar su di morale.
Quando rido perché verso un sogno sto correndo, penso che finalmente si stia avverando.
Quando rido per la mia passione,
tocco il cielo con un dito, come un aquilone.
Quando rido per un mondo migliore,
penso che la speranza viva tutte le ore.
Ogni risata è un racconto da leggere, una storia ancora da scrivere,
se tutti si unissero in un sorriso sincero ritroveremmo la gioia di vivere.
Sara Pedroni III C Beata Vergine

 

Rido divertita
Rido divertita
e sono felice
Rido nervosa
e sono interrogata
Rido felice
e l’aria entra nei miei polmoni
Rido gioiosa
e penso alla mia vita
Rido soddisfatta
e ho scritto una poesia
Chiara Pedroni I B Beata Vergine

 

La risata del cuore
Io rido,
la gioia è in me!
Una risata che parte dal cuore
e trasmette a tutti il buon umore.
Rido per condividere con gli altri la mia felicità
quella che mai nessuno strapparmi potrà.
Ride un bimbo e ride il papà,
perché l’allegria non ha età.
La risata condivisa con gli amici
è quella che rende tutti felici.
Sorridi al futuro
e non fare il duro:
chi ride col mondo il suo cuore dona
e un sorriso può regalare a più di una persona.
Rido per dire che sono felice
e non mi importa ciò che la gente dice.
Non ridere da solo ma fallo in compagnia
così la malinconia porterai via.
Quando un amico è triste e sconsolato
digli che non importa il suo passato,
portagli un pò d’amore e una risata
e così riaccenderai la sua giornata.
Rido per gli altri, non solo per me stessa
e credo che la cosa non sia la stessa.
Un sorriso, una parola e una risata in più
non lasciano il posto alla negatività: quella va giù.
Non nasconderti dietro una risata ma lascia che quella sia lo specchio del tuo cuore
e che porti via da te il dolore.
Scaccia la tristezza
e ritrova la purezza
della risata di un bambino
che ti fa sentire tutti più vicino.
Camilla Caponi III C Beata Vergine

 

Rido perchè rido
Trasportata dalle nuvole di un sogno
Abbagliata dalle fulgide stelle,
Rido
ricordo gli albori della mia fanciullezza,
inesperta in questo mar
di nebbie assorte e d’ingenua fantasia.
Granello di sabbia sparso nel vento
ascoltavo la quiete d’intorno,
annusavo il tempo dei giorni miei e felice,
le mie parole donavo ad un sereno e
spensierato cielo.
Rido
alle parole sciocche di amici;
agli sguardi innamorati in un abbraccio
caldo e avvolgente;
alle comiche comparse
di uomini in tv,
alle loro facce buffe,
maschere
di rubati sorrisi.
Rido
al brioso sole che insiste sul mio viso,
alla neve, gioiello d’inverno,
pianto soffice di ali di panna;
alle fronde dei salici che,
oscillando sembran braccia protese
al dolce suon d’amore.
Riso
alla sera,
mantello d’oscure presenze e
mistero
di sospiri caduti;
alla luna,
che mi conforta il cuore…
Riderò
finchè l’ultimo angolo di me si perderà in un pomeriggio tiepido d’estate.
Arianna Borghi III A Virgilio

 




Una risata e passerà
Rido quando sono con gli amici,
e insieme siam felici,
rido se vedo per la strada dei bambini
che esplorano il mondo stando vicini,
riso se un cucciolo insegue i piccioni,
se dei ragazzi si senton leoni.
Riso quando la gente litiga per delle sciocchezze,
quando potrebbero usare meglio il loro tempo,
dovrebbero metterci delle pezze.
Riso perché in fondo è gratis,
perché non ci perdo nulla,
se l’apprezzi la vita è bella.
Rido perché è contagioso,
nonostante le difficoltà
e il lato del mondo pericoloso,
faccio una risata per quello che la vita mi darà.
Rido per me stessa,
chissà che mi aspetterà,
la vita è un po’ mal messa,
ma una risata e passerà.
Maria Vittoria Strozzi III A Beata Vergine

17 Febbraio 2014

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000