il network

Martedì 06 Dicembre 2016

Altre notizie da questa sezione

Tempolibero

Blog


CREMONA

'Ma l'ermellino in realtà era un furetto'

Convegno su Cecilia Gallerani, la teoria di Groppali in uno studio

'Ma l'ermellino in realtà era un furetto'

La Dama con l'ermellino e la Rocca di San Giovanni in Croce

CREMONA - L’animale del ritratto di Cecilia Gallerani non è un ermellino: è un furetto. Questa la teoria di 14 maggio docente si scienze naturali all’università di Pavia, emersa nel corso del convegno organizzato sabato in sala Puerari dall’Inner Wheel di Cremona (Rotary) presieduto da Cristina Scandelli. ‘Cecilia Gallerani, una donna del Rinascimento’ questo il titolo dell’ appuntamento molto partecipato, la sala era gremita, con grande soddisfazione della presidente che ha ringraziato gli ospiti e i relatori: Gian Carlo Corada, Danio Asinari, Beatrice Tanzi, Riccardo Groppali e Fulvio Stumpo. Alla fine del convegno sono stati distribuiti gli atti raccolti in una pubblicazione stampata da ‘Fantigrafica’. Sono intervenuti anche il sindaco di Cremona Gianluca Galimberti, che ha ringraziato l’Inner Wheel per quanto sta facendo per la cultura cremonese e Raffaella Barbierato, dirigente della Biblioteca Statale, partenr dell’iniziativa assieme al Comune, che ha sottolineato l’impegno del Rotary e la funzione della Biblioteca. L’intervento di Groppali ha tenuto in un’intrigante curiosità il pubblico dopo che lui stesso aveva posto la domanda: ma la Dama aveva un Ermellino? Ebbene il docente basandosi sull’osservazione, sugli studi zoologici, sulla stessa genesi del quadro alla fine ha svelato il mistero: la creatura che Cecilia tiene in braccio non è un ermellino, ma un furetto «Io non ho dubbi a questo proposito». Groppali però ha anche spiegato che Leonardo non poteva fare un errore del genere, per cui se in un primo tempo forse l’animale raffigurato era un ermellino che celebrava l’onorificenza che aveva ricevuto il Moro, l’Ordine dell’Ermellino appunto, in seguito venne cancellato e sostituito con un furetto, forse perchè il Duca aveva perso l’onorificenza o forse perché a rappresentarlo preferiva un animale più forte e muscoloso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI, FOTO E VIDEO

16 Maggio 2016

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su La Provincia

Caratteri rimanenti: 1000