il network

Giovedì 23 Maggio 2019

Altre notizie da questa sezione

in corso:

Blog


CULTURA

Il libro. Sant'Imerio, chiesa e convento: una storia di anime

Nel volume di Morandi, Tassini e Zanotti (foto di Barisani) vicende storiche, personaggi, profilo artistico e vita della comunità

Il libro. Sant'Imerio, chiesa e convento: una storia di anime

CREMONA - Lo chiamavano porta ladra perché abitato dalla malavita, quella spicciola che rubava per fame. E anche porta pila, perchè c’era la Snum, la nettezza urbana e pila del ruud in dialetto cremonese significa mucchio di spazzatura. Sulla via Manini si affacciavano case di ringhiera abitate da povera gente, sulle vie Aporti e XI Febbraio case lussuose di famiglie importanti. Era zona di comunisti convinti e di cattolici convinti. Sono le Squadre d’ azione patriottica che dal selciato di largo Manini danno il via all’insurrezione del 25 aprile. E’ un giovanissimo partigiano delle Fiamme Verdi, Bernardino Zelioli, a perdere la vita ucciso dai tedeschi in ritirata a san Luca. Sant’Imerio era (oggi assai meno) un quartiere dalle mille contraddizioni dove la storia delle sue strade, delle sue pietre e delle sue opere d’arte si intreccia con quella delle anime e dove la chiesa con la facciata incompiuta di mattoni a vista si erge all’ombra della cattedrale, quasi defilata, nascosta tra le case. Nascoste erano anche fino ad ora le sue vicende storico-artistiche che un terzetto di infaticabili studiose — Mariella Morandi, Sonia Tassini e Lucia Zanotti affiancate dal fotografo Antonio Barisani — ha indagato con la consueta perizia e raccolto nel volume 'La chiesa di Sant’Imerio in Cremona' (edizioni Cremona Produce, stampa Fantigrafica). Il ricavato delle vendite del volume (l’offerta è libera) andrà a coprire le necessità di parrocchia, chiesa e oratorio. Uno studio organico che arriva a colmare una lacuna contribuendo a tenere viva la memoria storica di una comunità spirituale che affonda le proprie radici nell’ascetica dell’ordine carmelitano scalzo riformato, che qui si insediò a partire dal 1606 grazie alle munifiche elargizioni della nobile famiglia Vidoni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA DI TESTI E FOTO

15 Gennaio 2019